giovedì, 26 Novembre 2020

Il futuro dell’elettronica: “I robot sempre a tua disposizione”

Clarice Subiaco
Clarice Subiacohttps://medium.com/@ClariceSubiaco
Classe 1986, passato di studi umanistici e presente nel mondo dei dati. In mezzo, esperienze di lavoro come Digital PR, Content Strategist e Project Manager per startup e agenzie internazionali. Ama raccontare l'innovazione che ha un forte impatto sociale.

Un piccolo robot che corre in nostro soccorso quando finisce la carta igienica, bagni pubblici che consentono a chi va a un concerto di seguirlo anche attraverso la realtà virtuale dalla toilette. Al di là del sorriso che possono suscitare, queste sono alcune delle novità tecnologiche presentate al Consumer Electronics Show di Las Vegas, e ci mostrano un nuovo rapporto tra tecnologia, brand e consumatori.

Spazzolini smart, assistenti per neonati e robot chef

Un rapporto in cui l’innovazione tecnologica mira davvero a diventare un alleato prezioso nella vita di tutti i giorni. Oltre alle novità già citate, Procter & Gamble ha presentato lo spazzolino smart Oral-B iO, in grado di fornire feedback sullo stato di salute dei propri denti e di fare da vero e proprio coach per migliorare la spazzolatura tramite AI. Sempre di P&G, il sistema Lumi che permette di monitorare il sonno del proprio bambino e lo stato di umidità dei pannolini. Samsung propone il Bot Chef, il robot che aiuta a cucinare attraverso un sistema di sensori, videocamere e intelligenza artificiale. Il robot è abbastanza intelligente da riuscire da solo a prendere i condimenti dai pensili più in alto e a dosarli nella giusta maniera, nonché a realizzare i compiti più noiosi come tritare o mescolare. Attualmente è ancora un prototipo, ma secondo il colosso sudcoreano potrà diventare realtà in un futuro molto vicino.

“Ho sentito un vetro rotto”, l’evoluzione degli assistenti vocali

Sempre Samsung propone Ballie, un assistente vocale dalla forma di una pallina da tennis, che al contrario di Siri e Alexa, non aspetta passivamente istruzioni, ma agisce attivamente in base all’umore e alle necessità dei suoi utilizzatori. Rimanendo in tema riconoscimento vocale, Audio Analytics, una startup basata a Cambridge, ha sviluppato un sistema che fornisce agli assistenti vocali quelle che vengono definite “facoltà di riconoscimento vocale di seconda generazione”. L’azienda ha infatti costruito una libreria chiamata Alexandria contente 15 milioni di suoni che possono essere usati da dispositivi smart per sviluppare “consapevolezza contestuale”, cioè riconoscere suoni ambientali come un vetro rotto e segnalare, ad esempio, un furto. Le parole di Chris Mitchell, CEO di Audio Analytics:

Spesso il suono è sottostimato. È quasi come il respiro: non ne sei cosciente, ma guida la maggior parte delle tue azioni.

 

Leggi anche: Alexa, dimmi cos’hai sentito”, Amazon testimonia contro la violenza domestica

Dal produttore al consumatore: a garantire la qualità dei prodotti ci pensa blockchain

Non solo strumenti per la casa e per la cura personale, ma anche sistemi di agricoltura smart e sostenibile come quello presentato da Ibm e Farmer Connect. L’applicazione, chiamata Thank My Farmer, utilizza la tecnologia blockchain per connettere gli amanti del caffè con gli agricoltori che ne coltivano i chicchi. Il sistema è basato sulla piattaforma Ibm Food Trust, che mira a instaurare un rapporto di fiducia tra produttori e consumatori grazie alla trasparenza della filiera produttiva. Ciò consente non solo di migliorare la percezione del prodotto da parte dei suoi consumatori, ma anche la sua sicurezza. Sempre rimanendo nel settore agricolo, un’altra novità interessante presentata al CES 2020 è quella di Lg che introduce un sistema di coltivazione in house sviluppato all’interno di una sorta di frigorifero smart. Il sistema permette di coltivare fino a 24 piante e ne regola in automatico illuminazione e nutrimento grazie all’intelligenza artificiale.

LG home gardening system
Il sistema di home gardening di LG presentato al CES 2020.

La tecnologia del futuro aiuta le persone

Quello che emerge da quest’ultima edizione del CES è che i brand di oggi hanno strumenti molto diversi e più potenti rispetto a quelli di qualche anno fa. Creare nuovi prodotti o soluzioni avendo a disposizione mezzi come il riconoscimento vocale, l’intelligenza artificiale, la realtà aumentata, il 5G, la robotica e l’IoT, è un’opportunità senza precedenti. I prodotti presentati quest’anno riflettono sempre di più un’attenzione verso tematiche sociali come l’ambiente o la salute. Quello che ci aspettiamo dalle aziende per il futuro è che forniscano sempre più soluzioni concrete ai problemi della vita quotidiana per migliorare la vita delle persone. Leggi anche: Cancro al seno: l’Intelligenza Artificiale ti dirà se sei a rischio di Clarice Subiaco

Clarice Subiaco
Clarice Subiacohttps://medium.com/@ClariceSubiaco
Classe 1986, passato di studi umanistici e presente nel mondo dei dati. In mezzo, esperienze di lavoro come Digital PR, Content Strategist e Project Manager per startup e agenzie internazionali. Ama raccontare l'innovazione che ha un forte impatto sociale.

Correlati

È morto Maradona per arresto cardiocircolatorio

La fine di una leggenda: a 60 anni muore Diego Armando Maradona,...

La rinascita di Mila, grazie a un farmaco su misura per lei

Mila ha otto anni ed è affetta da un rarissimo disturbo neurologico. Gli scienziati sono riusciti a creare un farmaco su misura per lei. Quali i risvolti etici?

Tragedia a Palermo, bambina cade e muore a scuola. Aveva appena 10 anni

Tragedia a Palermo, nella scuola media Vittorio Emanuele Orlando. Nella mattinata di...