martedì, Gennaio 26, 2021

Condanna per il consigliere Fdi. Scrisse: “Gay, lesbiche e pedofili, ammazzateli tutti”

Giuseppe Cannata, consigliere comunale a Vercelli, ha patteggiato una pena di 4 mesi con sospensione condizionale e ha versato, a titolo di risarcimento, tremila euro all'associazione Arcigay della città. Ma il comune non espone la bandiera arcobaleno.

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Giuseppe Cannata, consigliere comunale Fdi di Vercelli, è stato condannato con l’accusa di diffamazione a una pena di 4 mesi con sospensione condizionale. E ha versato, a titolo di risarcimento, 3.000 euro all’associazione Arcigay della città. L’ex consigliere aveva scritto, un anno fa, sulla sua pagina social un commento discriminatorio, poi rimosso:

“Gay, lesbiche e pedofili, ammazzateli tutti”

Sussiste l’accusa per diffamazione

Il consigliere comunale di Fratelli d’Italia, da cui aveva preso le distanze anche Giorgia Meloni, era stato querelato dall’associazione Arcigay di Vercelli. È caduta l’accusa di istigazione a delinquere per “per insussistenza sotto il profilo oggettivo e soggettivo”, mentre sussiste l’accusa per diffamazione. Ha commentato il legale dell’ex consigliere Cannata:

Abbiamo volontariamente deciso di versare una somma all’Arcigay. Quella frase era un commento a un post del senatore Pillon riferito a un pride toscano. Il mio cliente non ha mai voluto offendere gli omosessuali. È stato un commento sciocco, che è stato cancellato e per il quale abbiamo chiesto scusa.

Leggi anche: Omotransfobia e misoginia: arriva “una legge di civiltà” dopo 25 anni

“Al Comune dà fastidio esporre anche una bandiera arcobaleno”

Il Consiglio direttivo di Arcigay “Raimbow” di Vercelli-Valsesia ha commentato la vicenda con un acceso post su Facebook. Una vittoria amara, tutto sommato, per la comunità Lgbt, che continua a denunciare l’indifferenza della Giunta vercellese nei confronti della comunità sul territorio. C’è scritto:

Possiamo dire ufficialmente che il nostro eroe, Giuseppe Cannata, è stato condannato, su accordo con la Procura. Troppo, troppo pochi, a nostro avviso. All’epoca era partita una raccolta firme per chiederne le dimissioni dal consiglio comunale, ma il politico era rimasto al suo posto.

E il Consiglio comunale? Tace, tace come sempre. Prendiamo atto del fatto che mentre a Milano, Pavia, Padova, Aosta, Napoli, Palermo ed in tante altre città italiane le amministrazioni hanno aderito entusiasticamente alla proposta di esporre la bandiera arcobaleno nel mese del pride, alcune addirittura colorando di arcobaleno i monumenti cittadini, a Vercelli dia fastidio esporre anche una bandiera. Bandiera che ci siamo addirittura offert* di fornire noi di Arcigay Rainbow.

Leggi anche: Varese, primario sospeso per insulti omofobi mentre operava

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Ultime notizie

Cinque anni dalla scomparsa di Giulio Regeni, Mattarella: “L’Egitto dia risposte adeguate”

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella “in questo giorno di memoria” rinnova la solidarietà alla famiglia Regeni e chiede un impegno “comune per giungere alla verità”.

Olimpiadi Tokyo 2021, Italia verso l’esclusione. Entro mercoledì la decisione del CIO

Entro mercoledì 27 gennaio arriverà la decisione del CIO sull'esclusione dell’Italia dalle...

Covid, spunta l’idea di una zona rosso scuro in Europa: cos’è e quali le regole per viaggiare

Dall'Europa arriva l'idea di istituire la zona rosso scuro per indicare dove la circolazione del virus è molto alta. Ecco cos'è, pechè è necesssaria e quali sono le regole.

Brescia, arrestato primario: “Ha indotto la morte di pazienti Covid con farmaci non idonei”

È successo a Montechiari, presidio degli Ospedali Civili di Brescia. Il primario Carlo Mosca è ora accusato di omicidio volontario.

Manifestazioni e proteste in Russia e nel mondo per la liberazione di Alexey Navalny

Mentre l'ormai noto oppositore di Putin, Alexey Navalny, è in carcere, in Russia, ma non solo, si rivendicano democrazia e libertà e si chiede la liberazione del dissidente avvelenato.