domenica, Giugno 20, 2021

Festa del gatto, il più misterioso, affascinante e amato compagno di sempre

Un'intera giornata dedicata a uno degli animali più affascinanti e misteriosi di sempre.

Giornata mondiale del gatto, 17 febbraio. Oggi indispensabile un sorriso, un sguardo, una carezza in più ai nostri mici. Il gatto è forse tra i più infedeli amici a quattro zampe, spesso detto più amante della casa che degli umani, eppure, se trattato con rispetto e amore, è capace di restituire un affetto ineguagliabile e insostituibile.

Affascinante e tenero tanto quanto misterioso e distaccato, il felino ci attrae e ci conquista forse proprio per quel suo atteggiamento di superiorità e lontananza dalle cose terrene. Una volta abbracciato è impossibile separarsene.

Festa del gatto, perché proprio oggi?

Festa del gatto, perché proprio oggi?

La scelta del 17 febbraio come Festa del gatto risale al 1990, quando Claudia Angeletti, giornalista della rivista “Tuttogatto”, chiese proprio ai suoi lettori quale pensassero potesse essere il giorno più indicato per festeggiare i nostri amici a quattro zampe.

La scelta ricadde proprio sul 17 febbraio per diversi motivi:

  • Dal punto di vista zodiacale, Febbraio è il mese dell’acquario, il segno dell’intuito, della libertà e dell’anticonformismo, ovvero quelle peculiarità tipiche proprio dei felini.
  • Il numero 17 in Nord Europa significa “Vivere una vita sette volte”.
  • Anagrammando il numero romano ” XVII ” si ottiene “VIXI”, parola latina che significa “ho vissuto”. E chi più di un gatto, di cui son ben note le 7 vite, può dire di aver vissuto?

Cos’è che ci fa amare tanto il nostro gatto?

Se del cane si ama la fedeltà, spesso del gatto cos’è che ci conquista così tanto sfugge. Diana Lanciotti, fondatrice del Fondo Amici di Paco, nato inizialmente per la tutela dei cani si occupa da tempo anche di gatti, nonché autrice di diversi libri sugli animali, prova a rispondere:

La caratteristica che più amiamo nei cani è la fedeltà, il loro dare senza chiedere nulla in cambio. Nel gatto è quel fascino, quell’essere sfuggente pur vivendo al nostro fianco.

Quell’essere “domestico” ma non “addomesticato”. In Ogni gatto è un’isola ho scritto: “Mentre noi siamo cambiati radicalmente, non solo nel modo di vivere ma persino nella struttura fisica, il gatto conserva ancora tutta la sua ferinità, non intesa come ferocia, ma come quell’insieme di fierezza e vicinanza alle origini che caratterizza ogni gatto.

Ed è questo aspetto che ci piace di loro: il loro essere rimasti vicini alla Natura e alla loro vera natura.

Leggi anche: Il suo gatto sta per morire, bambina gli canta ‘You Are My Sunshine’

Adottare un gatto è un gesto di coraggio, solidarietà e d’amore

Adottare un gatto è un gesto di coraggio e d'amore.

Che giorno meglio di oggi per pensare di adottare un micetto? Camminando per le sole strade di Roma, sarà capitato di incontrare intere colonie di felini. Molti forse non necessitano e non vogliono il nostro aiuto, ma ve ne sono tantissimi che avrebbero al più presto bisogno di una casa, coccole e affetto.

Navigando online, tra social network e siti dedicati, si trovano milioni di annunci di gatti trovati per strada abbandonati a se stessi o di padroni che per varie esigenze sono purtroppo costretti a lasciarli. Oggi adottarne uno è segno di coraggio, un impegno per la vita, un gesto d’amore e solidarietà che però viene ripagato da un solo sguardo.

Leggi anche: Giornata internazionale del gatto nero: perché il 17 novembre

Ultime notizie