martedì, Maggio 11, 2021

Giornata mondiale dell’educazione 2021, in piena pandemia più sentita che mai

Oggi, 24 gennaio, si celebra una Giornata speciale nonché una responsabilità pubblica, un diritto che dovrebbe essere di tutti e che è prerogativa di crescita e sviluppo mondiali.

Asia Solfanelli
Asia Solfanelli
Intraprendente e instancabile penna, poliglotta, appassionata lettrice e avida viaggiatrice. Sviscerata amante del cinema. E ultimo, ma non per importanza, eterna studiosa, perché non si finisce mai d’imparare.

Il 24 gennaio si celebra la Giornata mondiale dell’educazione, perché l’educazione è un diritto, una responsabilità pubblica, ma non raramente anche privilegio. La si da spesso per scontata dimenticando che non lo è per tutti.

Questa giornata, sancita nel 2019 dalla Nazioni Unite, ricorda l’importanza di formarsi, conoscere e sapere. L’educazione è alimento per l’anima, nutrimento essenziale per garantire l’integrità, la crescita e la coscienza dei singoli nonché di interi popoli.

Giornata mondiale dell’educazione per il diritto all’istruzione

Giornata mondiale dell'educazione per il diritto all'istruzione

L’articolo 26 della Dichiarazione universale dei diritti umani sancisce il diritto a un’istruzione elementare gratuita e obbligatoria, come chiarito anche dalla Costituzione italiana.

Proclamata nel 1989, la Convenzione delle Nazioni Unite sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza aggiunge anche un tassello in più rispetto agli obblighi degli Stati e della comunità internazionale nei confronti dell’infanzia: rendere anche l’istruzione superiore accessibile a tutti.

Oggi l’accesso all’istruzione a livello globale dovrebbe essere, e di fatto è, che lo si consideri o meno, una questione di interesse planetario.

L‘Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile riconosce l’istruzione come elemento fondamentale, prerogativa per il conseguimento di tutti e 17 gli obiettivi prefissati dai sottoscriventi.

Leggi anche: Giornata mondiale degli abbracci in era Covid, le soluzioni per non privarci dell’affetto

L’importanza dell’istruzione

L’istruzione è fondamento per una società equa, libera e giusta. Terreno di scambio e confronto. Arma per combattere la povertà, fronteggiare le lotte di classe e di genere, munizione contro la superbia, i soprusi, la violenza e lo sfruttamento.

Un’istruzione inclusiva e di qualità distrugge le barriere, apre il dialogo tra Paesi, consente di superare confini, evitare errori, soprattutto quelli già fatti in passato, in una storia intrisa di sangue e segnata da interminabili conflitti.

È alla base del rispetto, dell’unione e della solidarietà, ma anche del progresso, sia esso tecnologico o spirituale.

Giornata mondiale dell’educazione, livelli di istruzione nel mondo

Giornata mondiale dell'educazione, livelli di istruzione

La Giornata mondiale dell’educazione ci impone di dar uno sguardo ai livelli di istruzione, a considerare quanti effettivamente godono nel mondo di quel diritto nei Paesi più sviluppati dato troppo spesso per scontato.

Oggi, ancora, 258 milioni di bambini e di giovani non frequentano la scuola, 617 milioni non sanno leggere e non conoscono la matematica di base.

Completare la scuola secondaria superiore nell’Africa sub-Sahariana è un privilegio che almeno il 40% degli adolescenti non ha, per non parlare di quei 4 milioni di bambini che a scuola non ci metteranno mai piede.

Da una parte si investe nei banchi a rotelle, dall’altra non si sa neanche cosa siano i banchi, o una classe.

Leggi anche: Giornata Mondiale dei Diritti Umani, oggi più sentita che mai

Giornata mondiale dell’educazione 2021, “Riprendere e rivitalizzare l’istruzione per la generazione Covid-19”

Giornata mondiale dell'educazione 2021

Quest’anno la commemorazione ha un tema particolare, neanche l’istruzione ha potuto esimersi dal confronto con la pandemia, o meglio, dallo scontro più che confronto.

Con le scuole, le università e le varie istituzioni per l’apprendimento chiuse, i corsi di formazioni bloccati, i dati quest’anno sono destinati a precipitare con una gravosità senza precedenti. Nel bersaglio 1,6 miliardi di studenti in più di 190 paesi.

“Riprendere e rivitalizzare l’istruzione per la generazione Covid-19”, questo il tema annuale.

L’impossibilità di andare a scuola ha reso evidente il valore e il beneficio di poterne frequentare una. Una constatazione inesorabile allo sperimentare le piattaforme e-learning.

Ma si ignora che, oltre ai pc, libri, matite, quaderni spesso sono un dono. Cosa dovremmo dire a chi in classe non ci è mai stato?

Giornata mondiale dell’educazione 2021, le iniziative

L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura, l’UNESCO, punta a migliorare la collaborazione tra nazioni, la solidarietà internazionale al fine di collocare istruzione e apprendimento al posto giusto, al centro, nel cuore della ripresa e lo sviluppo verso una società globale equa, sicura, inclusiva e sostenibile.

A questo scopo, l’UNESCO e le principali organizzazioni mondiali hanno quest’anno istituito il Learning Planet Festival per il quale sono previste 80 sessioni online con più di 250 relatori impegnati a sostenere e promuovere il pregio e il rilievo dell’istruzione nonché stimolare l’intelligenza collettiva con l’obiettivo di risolvere problemi globali.

È possibile registrarsi al Festival qui, mentre accedere al corso “L’Agenda 2030 e gli Obiettivi di sviluppo sostenibile” consentirà, attraverso 20 moduli tematici, per un totale di tre ore, di conoscere il progetto sostenuto e conoscere gli tutti obiettivi dell’Agenda 2030.

Presentazione del corso e-learning sull’Agenda 2030 e gli obiettivi di sviluppo sostenibile.

Asia Solfanelli
Asia Solfanelli
Intraprendente e instancabile penna, poliglotta, appassionata lettrice e avida viaggiatrice. Sviscerata amante del cinema. E ultimo, ma non per importanza, eterna studiosa, perché non si finisce mai d’imparare.

Ultime notizie