Gigi Proietti, in libreria il libro postumo: “‘Ndo cojo cojo. Sonetti e sberleffi fuori da ogni regola”

Pubblicata grazie a sua moglie e le sue due figlie, in libreria si trova l'ultima grande impresa di Gigi Proietti: "‘Ndo cojo cojo" è "il suo ennesimo regalo".

Asia Solfanelli
Asia Solfanelli
Intraprendente e instancabile penna, poliglotta, appassionata lettrice e avida viaggiatrice. Sviscerata amante del cinema. E ultimo, ma non per importanza, eterna studiosa, perché non si finisce mai d’imparare.
spot_img

Gigi Proietti, è uscito in libreria il libro postumo “‘Ndo cojo cojo. Sonetti e sberleffi fuori da ogni regola”. Il volume, edito Rizzoli, raccoglie sonetti, riflessioni e disegni del grande attore romano venuto a mancare lo scorso 2 novembre.

Un’opera di cui difficilmente potranno fare a meno tutti coloro che hanno amato il grande artista che il Core de Roma è stato. Tutti coloro che continuano a ridere solo a sentir la sua voce e tutti i coloro che ancora oggi, trascorsi anche diversi mesi dal suo addio, pensano alla sua scomparsa con un groppo alla gola e profonda amarezza.

Gigi Proietti e la sua ultima impresa rimasta incompiuta

Gigi Proietti e la sua ultima impresa rimasta incompiuta.

Scomparso lo scorso novembre, proprio nel giorno del suo ottantesimo compleanno, Gigi Proietti, attore, comico, cabarettista, doppiatore, conduttore televisivo, regista, insomma una vera e propria icona dello spettacolo italiano, ha lasciato un vuoto incolmabile. E insieme a questo vuoto, uno scritto, purtroppo rimasto incompiuto.

Qualche giorno fa però, grazie a Sagitta Alter, la sua compagna dal 1962, il volume è uscito in tutte le librerie italiane, corredato con tanto di illustrazioni, create delle due figlie Carlotta e Susanna.

“Il fatto che sia rimasto incompiuto ci ha fatto riflettere a lungo sull’aspetto malinconico dell’incompiutezza”, hanno ammesso le due giovani. Ma alla fine il desiderio di poter rendere pubblica un’altra opera del padre è stato più forte.

È stata Susanna a cogliere la vera essenza di quest’ultima impresa: in lunghi mesi di riflessione, il titolo è stato però poi decisivo per comprendere che infondo, anche nella sua incompiutezza, era da offrire al grande pubblico.

È papà che ci sta dicendo cosa farne: “‘Ndo cojo cojo, unire i puntini e creare un apparente caos… solo apparente”; come a dire, nel suo repertorio dove cogli, cogli bene…

D’altronde, come dichiarato dalle stesse fanciulle, forse l’abilità più grande del Core de Roma era proprio questa: “creare un collage di frammenti apparentemente distanti e di diversa estrazione in un insieme”.

Leggi anche: Oggi l’addio a Gigi Proietti, lutto cittadino e diretta tv per salutare il grande attore romano

L’opera postuma di Gigi Proietti, “‘Ndo cojo cojo”, è il suo “ennesimo regalo”

Nel libro appena pubblicato si trovano ben ottanta sonetti, scritti tra il 1997 e il 2020, nonché una quindicina di poesie in versi liberi e alcune riflessioni elaborate proprio durante il primo lockdown la scorsa primavera. Ma non è tutto, nel volume confluiscono anche diversi racconti, tra cui le avventure di Er Ciofeca.

Il tutto corredato da un’impareggiabile dose di romanità, quella che sempre lo ha distinto, la stessa che è entrata in testa al grande pubblico e che ancora oggi, nel leggere le sue parole, fa risuonare in tutti i lettori la sua voce.

C’è tutto, ci sono le sue parole, le sue espressioni più iconiche, c’è la sua ironia e il suo sarcasmo, c’è la sua satira, colma di pungenti battute contro l’odierno sfacelo politico e culturale, ci sono i suoi disegni, ci sono i suoi ricordi e i suoi omaggi ad altri grandi artisti come Alberto Sordi o Vittorio Gassman. Ci sono tutti quei tic, quelle manie e piccole ossessioni del mondo che egli stesso si divertiva a porre in risalto e ridicolizzare. Insomma, c’è Gigi.

E quel che ne risulta non possono che essere pagine e pagine capaci di scaturire ad un solo tempo riso, commozione, pianto, riflessione e tanta malinconia per un personaggio del suo calibro che ci ha lasciato.

Questo libro è da parte sua l’ennesimo regalo, aiuterà tutti noi a non dimenticare il bello che ci ha donato.

Leggi anche: Signore e signori, giù il cappello. Grazie di tutto Gigi Proietti

spot_img

Correlati

È La storia con Jasmine Trinca la ‘Serie dell’anno’ 2024

La Storia di Francesca Archibugi, dal romanzo di Elsa Morante, con una straordinaria Jasmine...

Anselm, l’omaggio di Wim Wenders all’ultimo grande pittore del ‘900

Con un nuovo film, “Anselm”, pochi mesi dopo il successo di “Perfect Days”, Wim...

Slam Poetry, cos’è, come funziona e perché è amata dai giovani?

Oggi parliamo di Slam Poetry. “Che cos’è la poesia?”, domandava il professor Keating, interpretato...
Asia Solfanelli
Asia Solfanelli
Intraprendente e instancabile penna, poliglotta, appassionata lettrice e avida viaggiatrice. Sviscerata amante del cinema. E ultimo, ma non per importanza, eterna studiosa, perché non si finisce mai d’imparare.
spot_img