Home»New Story»Gattini salvati da attivista: murati vivi perché davano fastidio ai condomini

Gattini salvati da attivista: murati vivi perché davano fastidio ai condomini

A Rossano Calabro 7 gatti randagi, di cui 5 cuccioli, sono stati salvati dall'animalista Valeria Converso. La colonia era stata murata viva perché disturbava la quiete degli inquilini.

1
Condivisioni
Pinterest Google+

Poteva trasformarsi in una tragedia, la vicenda dei 7 gatti murati vivi a Rossano Calabro lo scorso 19 novembre. Ma grazie all’intervento di un’animalista, Valeria Converso, ai piccoli randagi è stata restituita la vita e la libertà. Martedì scorso Valeria si è accorta dei miagolii provenienti dalla cavità al di là del muro davanti al quale stava passando. Subito ha allertato i vigili del fuoco, secondo la ricostruzione di Rinaldo Sidoli, portavoce dell’Alleanza Popolare Ecologista. Purtroppo, trovandosi in un luogo privato, questi non avrebbero potuto rompere il cemento armato, mancando le autorizzazioni necessarie.

L’intercapedine murata dove avevano trovato rifugio i gattini

Valeria e la madre non si sono date per vinte e hanno abbattuto il muro, prima che i gattini morissero soffocati. L’Ape fa sapere che è stata sporta denuncia per maltrattamento di animali ai carabinieri .

Continua Sidoli:

È un fatto di una gravità inaudita  che costituisce un reato penale. Proprio qualche giorno fa dei condomini si erano lamentati con la signora Converso per la presenza di questa colonia felina. L’amministratore, per motivi ancora da ricostruire e forse inconsapevole della situazione, avrebbe dato l’autorizzazione di chiudere, con mattoni e cemento, un’intercapedine dove avevano trovato rifugio queste povere bestiole. Siamo stanchi di dover denunciare simili nefandezze. Andremo fino in fondo. Ci aspettiamo che le autorità preposte a loro volta facciano quanto in loro potere per evitare che si ripetano simili violenze. Sollecitiamo il Parlamento ad approvare con urgenza il DDL S. 1078 a firma del senatore Gianluca Perilli (M5S) per garantire giustizia agli animali in quanto essere senzienti. È arrivato il momento che la politica ascolti la crescente sensibilità al rispetto della biodiversità traducendo le promesse in fatti.

Sembra tuttavia che i condomini non abbiano manifestato alcun rimorso dell’insano gesto. Nessuno ha chiesto scusa, ma anzi è stato affisso un avviso dove viene diffidato chiunque favorisca la presenza di animali nei luoghi comuni dell’edificio.

Leggi anche: La storia di Davide, l’italiano che salva i cani dal massacro del festival in Cina

di Enrica Vigliano

Articolo Precedente

Emilio Sanapo: “Ti spiego le 5 ragioni per scegliere di abitare in una casa ecosostenibile”

Articolo Successivo

La voce di Joker conquista l’Italia, Adriano Giannini premiato come miglior doppiatore

Nessun Commento Presente

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *