sabato, Aprile 17, 2021

Fontana contro Conte: “Se dovessi decidere oggi, il 18 Maggio non riaprirei tutto”

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

La Regione Lombardia, per le riaperture, rinvia tutto a giovedì. Attilio Fontana non ci sta alla responsabilità di scelta che il Governo Conte avrebbe scaricato alle regioni sulle aperture di negozi, bar ristoranti, parrucchieri e centri estetici prima di giungo. Dal Pirellone fanno sapere che:

Dal 18 maggio i negozi riaprono per scelta del governo, prima di allora noi dovremo ricevere le linee guida che devono essere inviate dal governo attraverso l’Inail. Le incroceremo con i dati epidemiologici e avremo la possibilità a livello territoriale di fare valutazioni. Il nostro interesse sarà prima di tutto quello di valutare le condizioni e i numeri dell’epidemia.

Leggi anche: Ecco le 11 donne scelte da Conte per la task force italiana

Fase 2 in Lombardia, cautela e dati certi

Mentre le altre regioni italiane scalpitano per ripartire, la regione più colpita dall’emergenza coronavirus vuole muoversi con cautela e prudenza, prima di rimettere le città in totale libertà. Fontana chiede dati epidemiologici certi relativi al contagio dopo l’avvio della Fase 2 del 4 maggio. Solo con questi presupposti il governatore Fontana potrà stabilire quali attività commerciali far ripartire lunedì 18 Maggio, e quali no. Ad oggi, si alla riapertura dei negozi ma resteranno ancora chiusi bar, ristoranti, parrucchieri e centri estetici. Leggi anche: Il ritorno a scuola nella Fase 2 in base all’andamento della pandemia   di Catiuscia Ceccarelli

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

Ultime notizie