martedì, Gennaio 26, 2021

Fisco, in 20 anni pagate 166 miliardi di tasse in più. Chi ci rimette?

Secondo la Cgia, famiglie e imprese hanno pagato più tasse allo Stato ricevendo meno servizi. Un aumento importante negli ultimi 20 anni.

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

Temuto, rateizzato, rimandato ma comunque importante per il nostro Paese. Il Fisco, più croce che delizia per imprese e famiglie, con un peso troppo spesso gravoso che va ad intaccare i bilanci aziendali. Secondo un’analisi di CGIA, negli ultimi 20 anni le entrate tributarie sono aumentate di 166 miliardi di euro.

Fisco, le tasse superano il Pil

A chiedere di più agli italiani pare sia lo Stato: secondo la Cgia all’erario sono andati 145,7 miliardi, mentre agli enti locali e territoriali i restanti 20,3 miliardi. Una crescita percentuale negli ultimi 20 anni delle tasse di circa il 47,4%. La tasse superano il Pil di poco più di 3 punti percentuali. Ecco cosa si chiede il coordinatore dell’Ufficio studi della Cgia, Paolo Zabeo a fronte di queste informazioni:

Qualcuno può affermare con certezza che, grazie a 166 miliardi di tasse in più versati in questi ultimi 20 anni, la macchina pubblica è migliorata? La giustizia, la sicurezza, i trasporti, in particolar modo quelli a livello locale, le infrastrutture, la sanità e l’istruzione sono oggi più efficienti di allora?

Leggi anche: Germania post Covid: taglio delle tasse per superare la recessione

Fisco, le famiglie piegate dallo Stato

La domanda provocatoria di Zabeo trova risposta con la seguente fotografia economica del rapporto tra famiglie, imprese e Stato dove, secondo Cgia, le prime si sono ritrovate a pagare più tasse ricevendo dallo Stato sempre meno servizi. Paolo Zabeo afferma:

Questo maxi prelievo ha impoverito il Paese, provocando, assieme alle crisi maturate in questo ventennio, una crescita dell’Italia pari a zero che nessun altro paese del resto d’Europa ha registrato. Se il conto lo hanno pagato i contribuenti italiani, i vantaggi, invece, sono andati soprattutto all’erario e in minima parte a regioni ed enti locali.

Leggi anche: Cosa significa avere una partita Iva ai tempi del Coronavirus?

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

Ultime notizie

Cinque anni dalla scomparsa di Giulio Regeni, Mattarella: “L’Egitto dia risposte adeguate”

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella “in questo giorno di memoria” rinnova la solidarietà alla famiglia Regeni e chiede un impegno “comune per giungere alla verità”.

Olimpiadi Tokyo 2021, Italia verso l’esclusione. Entro mercoledì la decisione del CIO

Entro mercoledì 27 gennaio arriverà la decisione del CIO sull'esclusione dell’Italia dalle...

Covid, spunta l’idea di una zona rosso scuro in Europa: cos’è e quali le regole per viaggiare

Dall'Europa arriva l'idea di istituire la zona rosso scuro per indicare dove la circolazione del virus è molto alta. Ecco cos'è, pechè è necesssaria e quali sono le regole.

Brescia, arrestato primario: “Ha indotto la morte di pazienti Covid con farmaci non idonei”

È successo a Montechiari, presidio degli Ospedali Civili di Brescia. Il primario Carlo Mosca è ora accusato di omicidio volontario.

Manifestazioni e proteste in Russia e nel mondo per la liberazione di Alexey Navalny

Mentre l'ormai noto oppositore di Putin, Alexey Navalny, è in carcere, in Russia, ma non solo, si rivendicano democrazia e libertà e si chiede la liberazione del dissidente avvelenato.