domenica, Luglio 3, 2022

L’ex presidente russo Medvedev contro gli occidentali: “Vi odio, siete degenerati, dovete sparire”

Dmitrij Medvedev, presidente della Federazione russa dal 2008 al 2012 e attuale vice capo del Consiglio di sicurezza nazionale russo, ha speso parole molto dure contro l'Occidente. Ecco cosa ha detto.

Asia Buconi
Classe 1998, romana. Studia scienze politiche e relazioni internazionali, ama l’attualità e la letteratura, ma la sua passione più grande è la sociologia, soprattutto se applicata a tematiche attuali. Nel tempo libero divora film e serie tv.

Dmitrij Medvedev, presidente della Federazione russa dal 2008 al 2012 e attuale vice capo del Consiglio di sicurezza nazionale russo, ha speso parole molto dure contro l’Occidente. Se prima era considerato tra i volti “gentili” e moderati di Mosca, oggi è invece il falco di Putin più agguerrito e quanto dichiarato nelle ultime ore ne è un’ulteriore conferma.

L’ex presidente russo ha infatti scritto in riferimento agli occidentali: “Mi chiedono spesso perché i miei post su Telegram sono così duri, la risposta è che li odio. Sono bastardi e degenerati, vogliono la morte per noi, per la Russia. E finché sarò vivo farò il possibile perché spariscano”.

Medvedev: “Sanzioni illegali, violazioni inventate dall’Occidente”

Medvedev: "Sanzioni illegali, violazioni inventate dall'Occidente"

Non è la prima volta che il vice capo del Consiglio di sicurezza nazionale russo Dmitrij Medvedev rilascia pesanti dichiarazioni contro l’Occidente. Appena qualche giorno fa, esprimendosi sulle sanzioni imposte dall’Ue alle famiglie dei politici russi, aveva detto:

Sono doppiamente illegali. Non solo statisti o deputati ma anche le famiglie, che non sono in alcun modo in grado di influenzare i loro parenti, sarebbero responsabili delle mitiche violazioni inventate da loro. L’Occidente potrebbe abbracciare anche altre regole familiari progressiste.

Per esempio, ci sono molte cose utili nei modi della ‘Ndrangheta e di Cosa Nostra italiane: sembra che l’Occidente abbia deciso di riprodurre le migliori pratiche del passato. Si può andare anche più a fondo nella storia. Ricordiamo il Codice di Hammurabi che diceva, come sapete, che se una casa mal costruita crollava e uccideva un figlio del suo proprietario, era lecito uccidere un figlio del costruttore.

Medvedev contro la sanzioni: “Non c’è modo di abbandonare subito il nostro petrolio”

Medvedev non si è limitato a paragonare le sanzioni dell’Ue alla malavita organizzata. Ieri, senza tentare di smorzare i toni, aveva detto: “Gli imbecilli europei nel loro zelo hanno dimostrato ancora una volta di considerare i propri cittadini, i propri affari come nemici non meno dei russi”.

Ha spiegato che, secondo lui, “non c’è modo di abbandonare immediatamente il nostro petrolio. Ora gli europei dovranno setacciare il mondo alla ricerca di materie prime della stessa qualità. In tal modo, dovranno affrontare una carenza di alcuni tipi di carburante, come il diesel, necessario per i camion e le attrezzature agricole. E sanno che dovranno inoltre trovare schemi ‘grigi’ per ottenere le nostre materie prime e in qualche modo pagarle, aggirando le loro stesse idiote sanzioni”.

Leggi anche: Italia convoca l’ambasciatore russo Razov. La replica: “Fate propaganda ostile”

Asia Buconi
Classe 1998, romana. Studia scienze politiche e relazioni internazionali, ama l’attualità e la letteratura, ma la sua passione più grande è la sociologia, soprattutto se applicata a tematiche attuali. Nel tempo libero divora film e serie tv.

Ultime notizie