sabato, Dicembre 5, 2020

Ex Boss al 41 bis chiede a Mattarella: Fucilatemi in cortile

Il boss Salvatore Cappello, al 41 Bis, chiede a Mattarella di essere fucilato. In carcere dice di essere già morto tante volte e non sopporta più il peso della pena.

Luca Tartaglia
Luca Tartaglia
Classe 88. Yamatologo laureato in Lingue Orientali, specializzato in Editoria e Scrittura, con un Master conseguito in Diritto e Cooperazione Internazionale. Ama dedicarsi a Musica e Cultura, viaggiare, “nerdeggiare” e tutto ciò che riguarda J. J. R. Tolkien

Una lettera, dal carcere di massima sicurezza di Sassari, indirizzata alla più alta carica dello Stato in cui chiede di essere “Fucilato, e che la condanna venga eseguita perché dopo 24 anni, di cui 23 passati al 41 bis, sono morto già tante di quelle volte che non lo sopporto più. Così scrive l’ex boss Cappello, che sta scontando l’ergastolo in regime di 41 bis (carcere duro). Lettera consegnata tramite il suo avvocato Giampiera Nocera, a sua volta con la mediazione dell’associazione Yairaiha Onlus, che da anni si batte contro l’ergastolo ostativo.

Ex Boss Turi Cappello

Fine pena mai

“Turi” Cappello, capomafia arrestato nel 1992 a Napoli quando aveva solo 33 anni, viene condannato all’ergastolo con sentenza “fine pena mai”. Sta inoltre affrontando un processo attualmente in corso a Catania scaturito dall’inchiesta Penelope, eseguita nel 2017. Una lettera, la sua, che fa trasparire uno stato di frustrazione e rassegnazione. “[…] Non lo sopporto più; ogni volta che lo rinnovano muoio [l’ergastolo Ndr]; quando guardo gli occhi dei miei figli, dei miei cari, di mia moglie penso che la condanna a morte è anche per loro”. Parla di morte “nascosta”, dietro una sentenza di ergastolo, al 41 bis, dove “Non puoi farti nemmeno un uovo fritto”. Non si definisce un santo, o meglio, scrive: “ero un delinquente”, e continua rivolgendosi al Capo dello Stato:

Sono 10 anni che ho dato un taglio a tutto per amore dei miei figli e dei miei cari.

Leggi anche: Di Maio: “Carcere per i grandi evasori, punto irrinunciabile”

Non intendo impiccarmi o suicidarmi

Nelle sue parole precisa che non intende suicidarsi affermando: “perché l’ho visto fare tante di quelle volte che non voglio pensarci”. Evidenti gli attacchi al regime duro, come le strette limitazioni, fisiche e emotive, in particolar modo riguardo i contatti con la famiglia.  Famiglia richiamata spesso nelle sue parole, sia per le difficoltà relazionali sia per il “marchio” dato dalla parentela con un “mafioso”. Conclude con un Post Scriptum:

Non restituite il corpo alla mia famiglia, sarebbero per loro altri problemi. Grazie.

Luca Tartaglia
Luca Tartaglia
Classe 88. Yamatologo laureato in Lingue Orientali, specializzato in Editoria e Scrittura, con un Master conseguito in Diritto e Cooperazione Internazionale. Ama dedicarsi a Musica e Cultura, viaggiare, “nerdeggiare” e tutto ciò che riguarda J. J. R. Tolkien

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Ti sei mai chiesto quali sono i 20 eserciti più potenti al mondo?

20) Spagna Indice della forza militare: 0,3388Popolazione totale: 49.331.076Personale...

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Ultimi

L’Africa come discarica. L’export delle nostre auto vecchie, inquinanti e pericolose

Le nostre auto vecchie dove finiscono? Un viaggio attraverso il continente nero,...

Giardini d’Italia, i 5 più belli per organizzare un weekend “green”

Ebbene sì: uno dei trend per il prossimo anno sarà quello di...

Benedetta Barzini, prima top model italiana: “L’anoressia malattia grave, ma utile”

È stata la prima italiana a comparire sulla copertina di Vogue America, nel 1963. Bellissima e fascinosa, all’età di 77 anni è protagonista del documentario di Beniamino Barrese, "La scomparsa di mia madre".

Natale con droni, posti di blocco ed esercito, il piano del Viminale per la sorveglianza

Il piano del Viminale interviene per la sicurezza dei cittadini. Affinché si...

Adolf Hitler africano: cosa faresti se alla nascita ti venisse assegnato questo nome?

Di recente è stato eletto in un consiglio regionale in Namibia un...