domenica, Maggio 16, 2021

500 milioni per cambiare l’Italia, ENEA Tech sigla accordi per rilanciare tech transfer e ricerca

ENEA Tech ha dato il via a nuovi accordi di collaborazione con tre prestigiose aziende nazionali e internazionali. L'obiettivo: la ripresa economica del Paese verso uno sviluppo consapevole.

Silvia Aldi
Silvia Aldi
Classe 1990, laureata in Scienze Politiche con una specializzazione in Comunicazione pubblica Internazionale. Amante della storia sin da piccola e appassionata di grandi classici della letteratura italiana. Si auto definisce una sognatrice che tende a considerare sempre il bicchiere mezzo pieno anche nelle situazioni più critiche. Altri segni particolari? Appassionata di calcio e tifosissima!

ENEA Tech ha dato il via a tre nuovi accordi di collaborazione con Fondazione Bruno Kessler, Istituto Italiano di Tecnologia e Human Technopole.

L’obiettivo dell’accordo è di collaborare per l’individuazione di possibili sinergie e opportunità di sviluppo nel settore della ricerca e del tech transfer, per contribuire alla crescita e alla competitività del Paese.

La Fondazione ENEA Tech

Enea Tech è una Fondazione di diritto privato vigilata dal MISE che ha la missione di investire in tecnologie innovative ed emergenti di interesse strategico nazionale e di scala globale. Gestisce il Fondo per il Trasferimento Tecnologico istituito presso il Ministero dello Sviluppo Economico con una dotazione di 500 milioni di euro. Opera sul modello delle grandi agenzie federali statunitensi (come Darpa, Barda) e di nuove agenzie europee (come EIC), attraverso una struttura tecnica di investimento snella e indipendente.

Collabora con centri di ricerca, università, spin-off, PMI e Corporate, al fine di garantire velocità nel trasferimento tecnologico oltre che flessibilità e rapidità di intervento nel cogliere nuove opportunità per la crescita e la capacità competitiva del Paese. Gli investimenti e gli interventi di ENEA Tech prevedono l’impiego di strumenti di venture capital, blended finance, grant e contratti di procurement indirizzato.

La Fondazione è diventata operativa lo scorso agosto a seguito della nomina a Presidente di Anna Tampieri, direttore dell’Istec (Istituto di scienza e tecnologia dei materiali ceramici del Cnr). Salvatore Mizzi, amministratore delegato di Invitalia Ventures, ha assunto il ruolo di Direttore. Nel Consiglio Direttivo anche il Presidente di ENEA Federico Testa.

Leggi anche: Telemarketing molesto: i nuovi strumenti a difesa dei consumatori

ENEA Tech, il team di investimento

Il team di investimento è articolato in quattro verticali:

  • Green, Energy e Circular Economy, guidato da Stefano Bernardi, che torna in Italia dopo diversi anni in Silicon Valley. Esperto di venture capital, startup e investimenti green, orientati dalla grande sfida del Climate Change.
  • Healthcare Technology guidato da Chiara Giovenzana. PhD in Biologia Molecolare e Biotecnologie, scienziata e imprenditrice con esperienza internazionale, Chiara Giovenzana è alumna della Singularity University di cui ha curato la community globale.
  • Deep Tech, guidato da Alessandro Aresu. Esperto di geopolitica e investimenti tecnologici strategici, studioso del rapporto tra capitalismo e sviluppo tecnologico, Aresu è stato consigliere di amministrazione dell’Agenzia Spaziale Italiana.
  • Information Technology, guidato da Diva Tommei. PhD a Cambridge in bioinformatica, imprenditrice, precedentemente nella direzione di EIT (European Institute of Innovation & Technology) Digital Italia. Forbess 50 “Top women in tech” maker.

ENEA Tech, mission e vision

ENEA Tech Anna Tampieri.

La rapidità di esecuzione di ENEA Tech consentirà all’ecosistema dell’innovazione naazionale di avere un riferimento stabile in dialogo con gli strumenti europei.

La missione di ENEA Tech è di espandere il tessuto produttivo del Paese attraverso il trasferimento tecnologico e di investire in tecnologie strategiche di interesse nazionale rafforzando la sovranità tecnologica italiana liberando anche il potenziale inespresso dell’imprenditorialità femminile.

L’obiettivo operativo di Enea Tech è di promuovere investimenti e iniziative in materia di ricerca e sviluppo e trasferimento tecnologico a favore delle imprese operanti sul territorio nazionale, con particolare riferimento alle startup innovative e alle PMI innovative.

ENEA Tech, i tre nuovi prestigiosi accordi di collaborazione

Enea Tech.

ENEA Tech ha siglato tre accordi di collaborazione con Fondazione Bruno Kessler (FBK), Istituto Italiano di Tecnologia (IIT), Human Technopole (HT), con l’obiettivo di sostenere processi di trasferimento tecnologico per contribuire alla crescita e competitività del Paese.

Fondazione Bruno Kessler (FBK)

La Fondazione Bruno Kessler vanta oltre 30 anni di esperienza nella ricerca di punta a tema Intelligenza artificiale, attraverso 11 centri di ricerca e 400 ricercatrici e ricercatori.

Mira a risultati di eccellenza in ambito scientifico e tecnologico con particolare riguardo agli approcci interdisciplinari e alla dimensione applicativa.

Istituto Italiano di Tecnologia (IIT)

L’Istituto Italiano di Tecnologia è un centro di ricerca scientifica finanziato dallo Stato che promuove lo sviluppo tecnologico con l’obiettivo di sostenere l’eccellenza nella ricerca di base e in quella applicata per favorire lo sviluppo del sistema economico nazionale.

Caratterizzato da una forte multidisciplinarietà in quattro aree scientifiche: robotica, scienze computazionali, tecnologie per la scienza della vita e nanomateriali.

Human Techopole (HT)

Human Techopole è un nuovo istituto italiano di ricerca per le scienze della vita, situato nel Milano Innovation District, l’area di Expo 2015. Avrà 35.000 laboratori interdisciplinari. La mission di HT è migliorare la salute e il benessere delle persone.

HT svolge ricerca di frontiera nelle scienze della vita mirata a sviluppare nuovi approcci di medicina personalizzata e preventiva, crea e gestisce servizi e strutture scientifiche da mettere a disposizione della comunità scientifica nazionale, offre opportunità di formazione per le prossima generazione di scienziati, promuove innovazione e progresso attraverso il trasferimento tecnologico.

500 milioni per cambiare l’Italia, l’obiettivo di ENEA Tech

L’obiettivo di ENEA Tech è di collaborare insieme a queste tre realtà a progetti per il trasferimento e la valorizzazione di tecnologie e soluzioni sviluppate nelle strutture dei tre centri di ricerca. Verranno avviate collaborazioni e progetti per iniziative imprenditoriali di interesse di ENEA Tech, per la valutazione di potenziali opportunità di investimento o go-to-market.

La collaborazione riguarderà l’identificazione e l’eventuale valorizzazione delle attività di ricerca nell’ecosistema italiano nei settori Green, Energy e Circular Economy, Healthcare Technology, Deep Tech, Information Technology.

Anna Tampieri, Presidente di ENEA Tech ha dichiarato:

Siamo molto orgogliosi di avere siglato questi accordi con istituzioni di riconosciuta eccellenza italiana ed internazionale e consapevoli che la conoscenza è il vero motore dello sviluppo culturale, tecnologico ed economico della società.

Siamo certi di avere i migliori compagni di viaggio in questa impresa volta alla ripresa economica ed al rafforzamento delle filiere industriali del nostro paese verso un progresso consapevole e sostenibile.

Leggi anche: TEDx Roma, “Società 5.0”: l’uomo e la tecnologia camminano insieme

pubblicazioni, oltre 200 progetti Europei e quasi 50 ERC, oltre 1000 titoli di brevetti attivi, 24 start- up costituite e più di 40 in fase di lancio. Oltre al network costituito da 4 sedi dislocate sul territorio genovese IIT conta 11 centri di ricerca sul territorio nazionale (a Torino, due a Milano, Trento, Roma, due a Pisa, Napoli, Lecce, Ferrara e Venezia) e 2 outstation all’estero (MIT ed Harvard negli USA). Human Technopole (HT) Human Technopole è il nuovo istituto italiano di ricerca per le scienze della vita, situato nel cuore di MIND (Milano Innovation District), l’area di Milano dove si è svolto Expo 2015. Il campus avrà 35.000 di laboratori interdisciplinari, includendo tre edifici esistenti, tra cui Palazzo Italia, e uno di nuova costruzione. La missione di Human Technopole è di migliorare la salute e il benessere delle persone. Human Technopole svolge ricerca di frontiera nelle scienze della vita mirata a sviluppare nuovi approcci di medicina personalizzata e preventiva, crea e gestisce servizi e strutture scientifiche da mettere a disposizione della comunità scientifica nazionale, offre opportunità di formazione per la prossima generazione di scienziati, promuove innovazione e progresso attraverso il trasferimento tecnologico. A pieno regime vi lavoreranno oltre 1.000 scienziati provenienti da tutto il mondo. Roma, … febbraio 2021 La scheda Chi : FBK, IIT, HT, ENEA Tech Che cosa : Accordi per la condivisione di informazioni e

Silvia Aldi
Silvia Aldi
Classe 1990, laureata in Scienze Politiche con una specializzazione in Comunicazione pubblica Internazionale. Amante della storia sin da piccola e appassionata di grandi classici della letteratura italiana. Si auto definisce una sognatrice che tende a considerare sempre il bicchiere mezzo pieno anche nelle situazioni più critiche. Altri segni particolari? Appassionata di calcio e tifosissima!

Ultime notizie