lunedì, 19 Aprile 2021

L’Ema dà il via libera al vaccino Astrazeneca: “È sicuro ed efficace”

Alle 17 si è tenuta ad Amsterdam la conferenza dell'Ema sul vaccino AstraZeneca, a seguito della sospensione delle somministrazioni del farmaco in 20 paesi.

Asia Buconi
Asia Buconi
Classe 1998, romana. Studia scienze politiche e relazioni internazionali, ama l’attualità e la letteratura, ma la sua passione più grande è la sociologia, soprattutto se applicata a tematiche attuali. Nel tempo libero divora film e serie tv.

È finalmente arrivato il responso dell’Ema sul vaccino AstraZeneca, a seguito della decisione di 20 paesi, tra cui Germania, Francia, Spagna, Portogallo, Slovenia e Cipro, di bloccare “in via precauzionale e temporanea” le somministrazioni del siero.

In Italia era stata presa lunedì una scelta analoga, a seguito di un comunicato dell’Aifa arrivato dopo il ritiro del lotto “5811”.

Nel nostro paese, la decisione era stata presa a seguito di alcune reazioni gravi e di 5 morti sospette avvenute dopo la somministrazione del vaccino anglo-svedese, accusato di aver favorito nei pazienti casi di trombosi.

Tuttavia, le autopsie operate successivamente sui corpi delle vittime non hanno mostrato l’evidenza di alcun nesso causale tra vaccinazione e morte.

Nel frattempo, l’Oms ha ribadito ieri attraverso un comunicato che, al momento, i benefici del vaccino AstraZeneca superano i suoi rischi e ha perciò raccomandato di continuare le vaccinazioni.

Questo pomeriggio, alle 17, l’Ema (Agenzia europea per i medicinali) ha dato il suo responso in merito al vaccino AstraZeneca.

Conferenza dell’Ema ad Amsterdam su AstraZeneca: “Benefici superiori ai rischi”

vaccino astrazeneca ok ema

La conferenza stampa dell’Ema ad Amsterdam è iniziata alle 17, con un’ora di slittamento rispetto all’orario concordato.

A parlare è stata Emer Cooke, direttore esecutivo dell’Ema, che ha confermato l’efficacia del siero e ha dato il via libera a continuare a somministrare il vaccino AstraZeneca. Ha infatti detto:

I nostri esperti del Prac sono arrivati ad una conclusione clinica: AstraZeneca è un vaccino efficace e i suoi benefici sono superiori ai rischi che si possono sviluppare.

Il comitato ha anche concluso che il vaccino non può essere associato con l’incremento di eventi trombotici.

Durante la revisione abbiamo visto un piccolo numero di casi di malattie rare e abbiamo fatto un esame approfondito.

Dopo giorni di analisi di risultati di laboratorio, possiamo escludere che possano esserci delle relazioni tra questi casi e il vaccino.

Ribadendo la necessità di segnalare qualsiasi reazione avversa, ha poi continuato:

Il comitato raccomanda di portare avanti possibili problematiche, è importante dare tutte le informazioni alle persone che ricevono il vaccino, per mitigare anche possibili effetti collaterali.

Circa 7 milioni di persone hanno ricevuto il vaccino AstraZeneca nell’Ue, 11 milioni nel Regno Unito: è importante che tutti gli effetti collaterali siano riportati, così da aggiornare le informazioni sui rischi che possono scaturire.

Leggi anche: Covid-19 e vaccini, tutti gli effetti collaterali dei farmaci: dobbiamo davvero preoccuparci?

La presidente dell’Ema Emer Cooke: “Il vaccino AstraZeneca è sicuro”

Alla fine del suo intervento, la presidente Emer Cooke ha ribadito con forza la posizione dell’Ema, già anticipata nei giorni precedenti:

Questo vaccino è sicuro, è un’opzione efficace contro il Covid-19.

Siamo a conoscenza che alcuni paesi hanno sospeso la vaccinazione, ma considerando che milioni di persone muoiono ogni giorno in Ue, è estremamente importante che l’Ema facesse una revisione rapida.

Abbiamo lavorato con intensità per analizzare tutti i dettagli a disposizione, abbiamo mobilitato esperti in trombosi e malattie del sangue.

La situazione che abbiamo vissuto è prevedibile: vaccinando migliaia di persone ci possono essere casi gravi appena dopo la somministrazione della dose.

Il nostro ruolo è cercare di rilevare tali incidenti e analizzare se ci sono connessioni, o se tali episodi avvengono per altri motivi.

Ribadendo l’importanza di credere e di avere fiducia nella scienza e nella campagna vaccinale, la presidente ha così concluso il suo intervento:

Noi siamo impegnati ad analizzare qualsiasi caso, prendendo decisioni che si basano sulla scienza.

Siamo fiduciosi sui vaccini che sono fondamentali per affrontare la pandemia. Vogliamo che il pubblico ne sia a conoscenza.

Vogliamo fornire informazioni aggiornate mentre analizziamo i dati e appena sono a nostra disposizione, così che i cittadini di tutta Europa siano informati sul vaccino che stanno per prendere.

Secondo l’Ema, il vaccino AstraZeneca è sicuro ed efficace. Come annunciato martedì 16 marzo, diversi paesi europei, tra cui Italia e Francia, riprenderanno subito a utilizzarlo.

I meccanismi di farmacovigilanza guarderanno con attenzione alla rara forma di trombosi per chiarire qual è e se esiste un legame con il vaccino AstraZeneca.

Dopo l’atteso via libera, ricomincerà la somministrazione del farmaco, in un clima generale di scetticismo e dubbi, che, forse, si sarebbe potuto evitare.

Leggi anche: Vaccino Covid, i medici raccontano gli effetti collaterali dopo la seconda dose

Asia Buconi
Asia Buconi
Classe 1998, romana. Studia scienze politiche e relazioni internazionali, ama l’attualità e la letteratura, ma la sua passione più grande è la sociologia, soprattutto se applicata a tematiche attuali. Nel tempo libero divora film e serie tv.

Correlati

“Nudes”, arriva su RaiPlay la serie sul revenge porn ispirata al format norvegese

Nudes è la nuova serie Tv di dieci puntate, in onda su Raiplay dal 20 aprile. L'intera serie sarà disponibile fin da subito e mira a sensibilizzare sul tema del revenge porn.

Dadone propone il test antidroga ai parlamentari, ma denuncia: “Nessuno ha detto di sì”

Test antidroga ai parlamentari. Con questa provocazione, la Ministra pentastellata per le Politiche giovanili...

Vaccini in Italia, i virologi: “Prevista una terza dose in autunno”

Il presidente della Società italiana di virologia Arnaldo Caruso afferma che sarà necessario proteggere le categorie più a rischio con una terza dose del vaccino il prossimo autunno.