lunedì, Settembre 26, 2022

Elezioni politiche: quale partito politico voteranno i giovani? 

Tra programmi vacillanti e partiti politici presenti, ma nella realtà dei fatti assenti, la generazione Z si presenterà alle urne, votando chi?

Melissa Matiddi
Esperta in comunicazione e digital marketing, studia lo yoga e le discipline orientali. Ama creare, leggere e viaggiare. Silenziosa ma rumorosa, è sempre pronta a varcare nuovi orizzonti.

Elezioni politiche: chi voteranno i giovani? La generazione Z è chiamata a svolgere un compito arduo, a tratti quasi impossibile, votare il 25 settembre per il Senato e per la Camera.

Per alcuni sarà la prima volta davanti ad un seggio elettorale, per altri invece sarà l’ennesimo tentativo di ripristinare la necessità di vedere i politici rappresentare veramente i bisogni degli elettori. 

In questo scenario comico-illusivo, fatto di capi partito che sbarcano improvvisamente su Tik tok e personaggi che se la prendono con le realtà animate dei cartoni, quello che abbonda è un enorme problema di rappresentanza ammaccato da scarso interesse, da caos politico e da propaganda elettorale colorata da intenzioni microscopiche quasi invisibili, impercettibili al cervello giovanile.

Elezioni politiche: a chi andrà il voto dei giovani 

Il prossimo 25 settembre alle urne saranno previsti circa 3,8 milioni di giovani di età compresa tra i 18 e i 35 anni. Il numero di ragazzi che si presenteranno ai seggi fa ben sperare visto che rappresenta un grosso interesse verso una politica pensata e costruita dai vecchi e destinata sempre ai vecchi. 

A questo giro di elezioni, la nuova riforma elettorale prevede il taglio di 345 persone tra deputati e senatori, questo potrebbe incentivare la presenza degli under 35 al banchetto delle urne.

Previsioni troppo ottimistiche dal momento che, secondo i sondaggi dell’Istituto Piepoli, risulta che “di quei 3,8 milioni di quei nuovi giovani elettori voteranno circa la metà, quindi si parla di circa 2 milioni di voti, troppo pochi per incidere sensibilmente sugli scenari politici. Sicuramente però la composizione della Camera assomiglierà di più a quella del Senato e quindi il ciclo di vita dei provvedimenti potrà essere più lineare”.

Il sociologo dei media e dei movimenti politici dell’università di Torino, Christopher Cepernich ha affermato in merito: 

L’unica vera sorpresa potrà essere rappresentata da chi voteranno i giovani dopo la deflagrazione dei 5 Stelle, tenendo conto che il voto dei 18-35enni alle ultime elezioni 2018 si era concentrato proprio su quel partito, assestandosi allora intorno al 30 per cento, e poi a ruota sul Pd.

I giovani saranno i grandi assenti di quelle elezioni politiche? 

I giovani non sanno più che politici prendere. In ogni modo possibile hanno chiesto di essere ascoltati e considerati, ma niente, il carroccio punta sempre da tutta altra parte. 

La generazione Z, confusa, abbandonata e destinata ad accontentarsi di una classe politica interessata ai soli pensionati, non andrà a votare. 
La maggior parte lamenta programmi politici inesistenti e deboli, i cui punti non fanno altro che nuocere e allontanare i giovani. 

Il linguaggio utilizzato dai futuri Premier non fa altro che allentare, di giorno in giorno, le speranze dei ragazzi che desiderano solo essere compresi e sensibilizzati su alcune questioni.

Diciamo che i grandi assenti di queste elezioni politiche non saranno tanto i giovani, quanto alcuni temi, esiliati silenziosamente dai programmi politici come: il DDL Zan, il salario minimo, la legalizzazione, la disparità sociale, le misure contro il cambiamento climatico e i fondi per migliorare l’istruzione scolastica

Per la generazione Z, la politica inizia il primo settembre e finisce il 25 con le elezioni politiche, e come dargli torto?

Cosa vogliono davvero i giovani

I ragazzi chiedono ai partiti politici di essere inclusi nei loro programmi. Il sentiment degli under 30 è di grande attenzione e interesse verso la politica, ma si registra una corposa difficoltà nel comprendere il linguaggio utilizzato durante le campagne elettorali. 

Bianca Arrighini, 24 anni, Ceo e co-founder di Factanza ha dichiarato:

I giovani che ci seguono sono molto interessati alla politica ma fanno molta fatica a reperire le informazioni che la stampa tradizionale e i dibattiti televisivi danno troppo per scontate. Di contro, sono piuttosto disillusi dalla politica perché non si sentono considerati dai partiti e dai loro programmi.

I giovani vogliono percorrere la stessa strada della politica e migliorare con essa il dialogo per poter comprendere il programma di ogni partito e trovare il senso in una società sempre più in pensione. 

Leggi anche: Perché Giorgia Meloni non sta dalla parte delle donne

Melissa Matiddi
Esperta in comunicazione e digital marketing, studia lo yoga e le discipline orientali. Ama creare, leggere e viaggiare. Silenziosa ma rumorosa, è sempre pronta a varcare nuovi orizzonti.

Ultime notizie