lunedì, Gennaio 17, 2022

Decine di manifestanti e poliziotti morti durante i disordini in Kazakistan

Testimoni nella città Almaty, la più popolosa del paese descrivono scene di caos nelle strade mentre i "peacekeepers" russi arrivano nel paese per placare le rivolte popolari.

Tommaso Panza
Salentino, classe 1993. Una laurea in mediazione linguistica. Fondazione Basso(Roma). Amante della lettura e del cinema, in particolare delle opere che raccontano spaccati di realtà. Deciso sin da piccolo a diventare un giornalista.

Disordini in Kazakistan. Decine di manifestanti e almeno 12 agenti di polizia sono morti nelle violenze in corso in Kazakistan, questo quanto hanno affermato le autorità, poiché i “peacekeepers” di un’alleanza militare guidata dalla Russia sono arrivati ​​nel paese su richiesta del presidente assediato, Kassym-Jomart Tokayev.

Disordini in Kazakistan, morti e feriti: il presidente Tokayev chiede l’intervento della Russia

Disordini in Kazakistan, ad Almaty, la più grande città del paese, numerosi testimoni hanno descritto scene di caos giovedì, con edifici governativi presi d’assalto o incendiati e saccheggi diffusi. 

Molti dei manifestanti hanno affermato che le proteste erano iniziate pacificamente all’inizio della settimana e sono diventate violente dopo una risposta del governo dalla mano pesante.

Il ministero dell’Interno ha detto che 2.298 persone sono state arrestate durante i disordini, mentre il portavoce della polizia Saltanat Azirbek ha dichiarato al canale di notizie statale Khabar-24 che “dozzine di aggressori sono state liquidati”, uno scenario terribile. Ci sono state anche segnalazioni di circa 400 persone in ospedale.

Funzionari della città di Almaty hanno affermato che 748 agenti della polizia e della guardia nazionale sono stati feriti e 18 uccisi, uno dei quali, è stato trovato addirittura decapitato.

Non è stato immediatamente possibile verificare le cifre dei disordini in Kazakistan, ma le riprese video hanno mostrato violenti scontri tra manifestanti e autorità in diverse città.

Un giornalista locale, Ardak Bukeeva, che ha trascorso la giornata dei disordini in Kazakistan a parlare con i manifestanti nel centro di Almaty, ha detto che i manifestanti che hanno preso d’assalto la residenza presidenziale della città hanno detto che dozzine di persone sono state uccise durante l’assalto.

Molti manifestanti, durante i disordini in Kazakistan hanno affermato di essere stati spinti a manifestare all’inizio della settimana a causa di frustrazioni a lungo latenti per la situazione politica ed economica nel paese, ha detto Bukeeva. 

Tuttavia, mercoledì, la situazione è diventata violenta, con alcuni che hanno affermato che i provocatori erano arrivati ​​​​per causare deliberatamente problemi, e altri hanno notato che la polizia era quasi del tutto assente dal centro della città.

Irina Mednikova, un’attivista della società civile ad Almaty, ha fornito la sua testimonianza dei disordini in Kazakistan, affermando di aver visto grandi pozze di sangue nell’erba intorno alla residenza presidenziale ieri mattina e l’assenza di forze di sicurezza o di polizia.

La residenza è stata completamente bruciata. I cancelli erano stati sfondati con auto o trattori, tutti i vetri erano rotti e all’interno c’era fumo e un terribile odore di bruciato – ha detto.

La ricezione di Internet e dei telefoni cellulari è diminuita nella maggior parte del paese per gran parte di giovedì, con solo la televisione di stato disponibile per la maggior parte dei kazaki per ricevere notizie sulle proteste. Le voci si sono diffuse di bocca in bocca ed è stato difficile verificare le affermazioni.

Più tardi nella giornata di ieri, le agenzie di stampa hanno riportato nuovi spari ad Almaty e veicoli militari in movimento in città. La televisione di Stato ha affermato che era in corso una “operazione antiterrorismo”.

I terroristi stanno usando i civili, comprese le donne, come scudi umani. Le forze di polizia stanno facendo del loro meglio per garantire la sicurezza dei residenti della città – ha detto l’emittente Khabar 24 ai suoi spettatori. 

Giovedì sera le autorità hanno affermato di avere sotto controllo tutti gli edifici governativi di Almaty.

Gli eventi si sono intensificati rapidamente da quando sono iniziate le proteste per l’aumento dei prezzi del carburante nell’ovest del paese durante il fine settimana. Si sono rapidamente diffusi e martedì migliaia di persone sono scese in piazza ad Almaty.

Valeria Ibraeva, una storica dell’arte che ha assistito alle proteste dalla sua finestra che si affaccia su una delle principali arterie di Almaty, ha affermato che martedì la folla era “amichevole e sorridente, senza aggressività e con molta speranza”. Entro mercoledì, tuttavia, ci sono stati tentativi di ribaltare un autobus per strada e saccheggi diffusi di negozi, ha detto.

Mercoledì mattina, Tokayev ha dichiarato lo stato di emergenza e ha accettato le dimissioni del governo. Ha anche affermato che avrebbe sostituito Nursultan Nazarbayev, che ha guidato il paese dalla sua indipendenza nel 1991 fino al 2019, come capo del consiglio di sicurezza.

Leggi anche: Accuse di stupro durante le proteste in Sudan: 13 gli episodi denunciati dall’ONU

Non perderti nemmeno un'articolo Seguici su Google News
Tommaso Panza
Salentino, classe 1993. Una laurea in mediazione linguistica. Fondazione Basso(Roma). Amante della lettura e del cinema, in particolare delle opere che raccontano spaccati di realtà. Deciso sin da piccolo a diventare un giornalista.

Ultime notizie