domenica, Giugno 26, 2022

Accuse di stupro durante le proteste in Sudan: 13 gli episodi denunciati dall’ONU

L'Ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha dichiarato martedì di aver ricevuto 13 denunce di stupro contro le forze di sicurezza durante le proteste di domenica in Sudan.

Tommaso Panza
Salentino, classe 1993. Una laurea in mediazione linguistica. Fondazione Basso(Roma). Amante della lettura e del cinema, in particolare delle opere che raccontano spaccati di realtà. Deciso sin da piccolo a diventare un giornalista.

Sarebbero 13 le accuse di stupro denunciate all’Ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite come dichiarato ieri da un portavoce Onu. Denunce di stupro e stupro di gruppo da parte delle forze di sicurezza durante le proteste di domenica in Sudan, mentre i medici facenti parte dell’opposizione popolare al nuovo regime hanno riferito di due persone uccise.

Accuse di stupro durante le proteste in Sudan: gli abusi sarebbero stati attuati dalle forze di sicurezza

Accuse di stupro durante le proteste in Sudan: gli abusi sarebbero stati attuati dalle forze dell'ordine

Le accuse di stupro risalirebbero a domenica scorsa, e sono ben 13 gli episodi contestati alle forze dell’ordine sudanesi. La manifestazione di domenica ha attirato centinaia di migliaia di persone nella capitale Khartoum per protestare contro il colpo di stato militare del 25 ottobre e un accordo del 21 novembre firmato per reintegrare il primo ministro Abdalla Hamdok.

I manifestanti si sono riuniti al palazzo presidenziale, dove hanno tentato un sit-in prima di essere dispersi dopo il tramonto.

La portavoce dell’Ufficio delle Nazioni Unite per i diritti umani, Liz Throssell, ha dichiarato in un briefing che l’ufficio ha ricevuto 13 denunce con accuse di stupro e stupro di gruppo, nonché segnalazioni di molestie sessuali contro donne da parte delle forze di sicurezza mentre tentavano di fuggire. Non ha fornito dettagli sui presunti stupri o stupri di gruppo. Liz Throssell ha affermato:

Sollecitiamo un’indagine tempestiva, indipendente e approfondita sulle accuse di stupro e molestie sessuali, nonché sulle accuse di morte e lesioni dei manifestanti a causa dell’uso non necessario o sproporzionato della forza, in particolare l’uso di munizioni vere.

Altri episodi di violenza vengono contestati in altre parti del paese “una persona è stata colpita alla testa dalle forze di sicurezza” a Omdurman, ha detto in una dichiarazione il Comitato centrale dei medici sudanesi, la seconda persona a morire a causa della repressione di domenica, portando il bilancio totale delle vittime dall’anti- proteste militari da ottobre a 47.

Il comitato aveva precedentemente affermato che più di 300 persone erano rimaste ferite in diverse città durante la protesta, con alcune ferite causate da proiettili veri e bombole di gas lacrimogeno.

L’Associazione degli avvocati del Darfur, un gruppo per i diritti umani, ha affermato in una nota che “l’emergere delle accuse di stupro durante le proteste indica lo sviluppo del tipo di crimini commessi contro i rivoluzionari, quindi è dovere di tutti unirsi a una campagna per perseguire gli autori e quelli dietro”.

Un consigliere per i media del leader militare Abdel Fattah al-Burhan ha affermato che l’esercito manterrà la sicurezza nazionale e non arretrerà di un passo

Leggi anche: Colpo di stato in Sudan: spari e lacrimogeni sui manifestanti

Tommaso Panza
Salentino, classe 1993. Una laurea in mediazione linguistica. Fondazione Basso(Roma). Amante della lettura e del cinema, in particolare delle opere che raccontano spaccati di realtà. Deciso sin da piccolo a diventare un giornalista.

Ultime notizie