sabato, Luglio 2, 2022

Discorso di Putin alla Nazione, in migliaia allo stadio osannano il presidente russo

Discorso di Putin. Oggi il presidente russo ha parlato a uno stadio gremito di migliaia di persone che lo osannano e sembrano appoggiare le sue idee.

Michela Sacchetti
Intuitiva, con un occhio attento alla realtà e alla sua evoluzione, attraverso una lente di irrinunciabile positività. Vede sempre nella difficoltà un’occasione preziosa per migliorarsi da cogliere con entusiasmo.

Discorso di Putin alla Nazione. Questo pomeriggio Putin ha pronunciato un sentito discorso alla Nazione di fronte a migliaia di persone riunitesi allo stadio Luzniki di Mosca, che nel 2018 aveva ospitato la finale dei Mondiali di calcio. Oggi la Russia “festeggia” l’ottavo anniversario dell’annessione della Crimea, avvenuta nel 2014.

Secondo i dati diffusi dal ministero degli interni russi sarebbero state 200mila le persone che si trovavano ad ascoltare il discorso di Putin, che aveva il seguente titolo: “Per un mondo senza nazismo, per la Russia, per il presidente”.

Il presidente russo ha citato il patrono Ushakov asserendo che “per pura coincidenza, l’inizio dell’operazione è avvenuto nel giorno del compleanno”. Poi la sua voce è sparita e sono comparse sullo schermo le immagini del gruppo di appartenenza del cantante che si era da poco esibito con una canzone patriottica. Il portavoce Peskov ha poi parlato di guasto tecnico.

Discorso di Putin alla Nazione: l’annessione alla Crimea

discorso di Putin_

Vladimir Putin è arrivato allo stadio alle 14.15 (ora italiana), con un abbigliamento informale e acclamato dalla folla con le bandiere della Russia mentre i conduttori avevano appuntato sulla giacca una “Z”. Il leader del Cremlino ha parlato poco più di due minuti ed ha ricevuto, una volta finito di parlare, un’ovazione da parte di tutto lo stadio. Da ciò sembrerebbe che ci sia una gran parte di cittadini russi che appoggiano sia lui che le sue scelte politiche.

Il primo argomento affrontato da Putin è stata l’annessione alla Crimea, non riconosciuta ufficialmente. “Abbiamo fatto risorgere i territori della Crimea, sappiamo esattamente cosa dobbiamo fare ora, e contro chi: attueremo tutti i nostri piani”, avrebbe detto il leader del Cremlino. Poi ha aggiunto:

Gli abitanti della Crimea vogliono abitare nella loro terra, con la loro patria storica, la Russia. Hanno fatto la cosa giusta opponendosi ai nazisti.

Il leader del Cremlino ha voluto specificare come l’intervento in Donbass è stata solo una conseguenza di operazioni militari organizzate da Kiev contro il Donbass, per fermare di conseguenza un genocidio dei russi.

Discorso di Putin: anche la Bibbia avvalorerebbe l’invasione russa

Discorso di Putin. Il presidente russo ha ribadito di voler portare a termine i suoi piani, citando anche la Bibbia: “Non c’è amore più grande che donare l’anima per gli amici”, avrebbe commentato Putin. Sua intenzione è di avvalorare il suo operato volendo avere anche conferme dall’alto per appoggiare ciò che sta facendo in Ucraina, omettendo tanti aspetti distruttivi e deleteri dell’attacco russo:

Queste parole provengono dalla Sacra Scrittura, il cristianesimo, da ciò che è caro a coloro che professano questa religione. Tutto sta nel fatto che questo è un valore universale per tutti i popoli e per i rappresentanti di tutte le fedi in Russia.

La migliore conferma di ciò è come combattono, come si comportano i nostri ragazzi durante questa operazione militare. Non vedevamo questa unità da tanto tempo.

Leggi anche: Uccidere Putin: ex spia svela il piano. Come si prepara il presidente russo?

Michela Sacchetti
Intuitiva, con un occhio attento alla realtà e alla sua evoluzione, attraverso una lente di irrinunciabile positività. Vede sempre nella difficoltà un’occasione preziosa per migliorarsi da cogliere con entusiasmo.

Ultime notizie