venerdì, Aprile 23, 2021

Dal 18 maggio al via i test sierologici a chiamata per anticorpi Covid

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

Da lunedì prossimo la Croce Rossa Italiana effettuerà 190 mila chiamate da parte di volontari e operatori per selezionare un campione di 150 mila cittadini per i test sierologici sul Covid-19. In campo, uno schieramento di 550 tra volontari e operatori su base regionale, in contatto con una struttura nazionale di supporto. L’indagine sierologica su Covid-19 è a cura del Ministero della Salute e Istat. Proprio l’Istat, in una nota informa che:

È fondamentale che le persone, inserite nel campione casuale, diano il loro contributo. Partecipare non è obbligatorio ma è un bene per se stessi e per l’intera comunità.

Leggi anche:Ecco le 11 donne scelte da Conte per la task force italiana

Obiettivo dell’indagine

L’indagine sui test sierologici da Covid, correlata da Cri, medici di base e regioni, vuole capire quante persone, anche tra gli asintomatici, hanno sviluppato gli anticorpi al coronavirus e ottenere risultati precisi. I dati raccolti saranno diffusi in forma anonima e aggregata, e saranno utili per successivi studi e per l’analisi comparata con altri Paesi europei. Sempre dall’Istat:

Attraverso l’indagine si otterranno informazioni necessarie per stimare dimensioni e estensione dell’infezione nella popolazione e descriverne la frequenza in relazione ad alcuni fattori quali sesso, età, regione di appartenenza, attività economica.

Leggi anche: Silvestri: “Il virus se ne sta andando, ma non è ancora K.O.”   di Catiuscia Ceccarelli

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

Ultime notizie