domenica, Giugno 20, 2021

Crisi di Governo, oggi al Colle Mattarella riceve i leader dell’opposizione

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha comunicato al capo dello Stato la volontà di rafforzare la maggioranza costituendo un nuovo gruppo centrista al Senato.

Silvia Aldi
Silvia Aldi
Classe 1990, laureata in Scienze Politiche con una specializzazione in Comunicazione pubblica Internazionale. Amante della storia sin da piccola e appassionata di grandi classici della letteratura italiana. Si auto definisce una sognatrice che tende a considerare sempre il bicchiere mezzo pieno anche nelle situazioni più critiche. Altri segni particolari? Appassionata di calcio e tifosissima!

La crisi di Governo continua. Il premier Conte ha vinto a metà: ha la fiducia ma, allo stesso tempo, ha una maggioranza indebolita.

Matteo Renzi, leader di Italia viva, rischia la fuga di parlamentari dal suo partito, il Pd teme la concorrenza di un partito di Conte e Matteo Salvini non è certo di puntare sulle elezioni.

Ieri, al Quirinale c’è stato un incontro interlocutorio durato 50 minuti tra il presidente del Consiglio e Mattarella. Conte ha due settimane per rinforzare l’alleanza lavorando alla nascita di un gruppo centrista a Palazzo Madama.

Prima allargare la maggioranza con un nuovo gruppo, poi patto di legislatura e rimpasto: è il piano di Conte concordato ieri con i vertici Pd, M5s e Leu nel primo giorno senza Iv. Oggi al Quirinale saliranno i leader di Lega, Fdi e Fi.

Crisi di Governo, Conte convoca la maggioranza e sale al Colle

Nella tarda mattinata di ieri il presidente del Consiglio ha convocato un vertice di maggioranza, terminato poco dopo le 16. L’obiettivo è di andare avanti con il percorso di rafforzamento della maggioranza e di scrittura del nuovo patto di legislatura.

Poi, l’incontro tra il premier Giuseppe Conte, arrivato al Colle alle 18.30, e il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Il presidente del Consiglio ha comunicato al capo dello Stato la volontà di rafforzare la maggioranza con la costituzione di un nuovo gruppo centrista al Senato.

Oggi pomeriggio, invece, al Quirinale saranno ricevuti i leader di Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia.

Leggi anche: Crisi di Governo, per Conte 156 sì. Il Senato vota la fiducia all’esecutivo

Crisi di Governo, Renzi ha perso la scommessa

Crisi di Governo Renzi.

Matteo Renzi puntava a rafforzare il suo partito e a rafforzare la presenza di ministri Italia Viva nel governo ma non ha centrato un solo obiettivo.

Giuseppe Conte è ancora alla guida del governo, Italia viva è finita all’opposizione e, nel voto parlamentare, ha perso dei pezzi: Riccardo Nencini ha votato a favore del governo, contravvenendo alla linea astensionista di Italia Viva. Matteo Renzi sulla sua Enews commenta:

Il Governo Conte ha perso anche la maggioranza assoluta al Senato.

Chi conosce la politica sa cosa questo significa nell’attività parlamentare e nella credibilità istituzionale. Dopo il Conte 1, dopo il Conte Bis ora siamo al Conte dimezzato.

Crisi di Governo, Zingaretti teme il partito di Conte

Il segretario del Pd Nicola Zingaretti sottolinea su Twitter che con il voto:

È stato evitato un salto nel buio. Ora dobbiamo ritornare a occuparci dei problemi degli italiani. Affrontare le emergenze, gestire il piano vaccinale, portare avanti il #RecoveryPlan e l’agenda delle cose da fare.

Gli italiani non devono essere lasciati soli.

Nel frattempo, però, Zingaretti teme una nuova lista di Conte. Se il premier costituisse un gruppo in Parlamento e lo trasformasse in partito farebbe concorrenza al Pd alle prossime elezioni.

Crisi di Governo, Salvini incerto sulle elezioni

Crisi di Governo, Salvini.

Matteo Salvini, spiazzato dalla crisi innescata da Renzi, chiede, insieme a Giorgia Meloni, al Capo dello Stato di andare a elezioni ma all’interno del suo partito in molti remano per portare avanti la legislatura e per appoggiare un governo istituzionale.

Il leader leghista ha assistito alla fuga di due senatori di Forza Italia. Non del suo partito ma pur sempre due voti in meno per l’opposizione.

Crisi di Governo, oggi al Quirinale i leader di Lega, Fdi e Fi

Crisi di Governo Mattarella.

Dall’Ue arriva un sospiro di sollievo dopo il voto di fiducia: “C’è una crisi mondiale, serve stabilità“, dice Ursula von der Leyen, ma il centrodestra afferma che il premier non ha una maggioranza solida ed è pronto a chiedere le elezioni.

Oggi pomeriggio al Quirinale saranno ricevuti i leader di Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia. Matteo Salvini al Tg1 ha dichiarato:

Ci rivolgeremo a Mattarella: c’è un governo che non ha la maggioranza al Senato e sta in piedi con chi cambia casacca.

Sulla stessa linea la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni:

Rispetto alle premesse e alle speranze di Conte e Casalino le cose non sono andate come speravanosentivo parlare di decine di responsabili ma al netto di casi singoli, dall’altra parte ce ne sono di più, il centrodestra ha mantenuto la sua compattezza e non era scontato.

Ho parlato con Salvini, parlerò con Berlusconi. Ora dobbiamo chiedere un colloquio con il Colle.

Leggi anche: Crisi di Governo, domande e risposte. Ecco cosa sta succedendo

Silvia Aldi
Silvia Aldi
Classe 1990, laureata in Scienze Politiche con una specializzazione in Comunicazione pubblica Internazionale. Amante della storia sin da piccola e appassionata di grandi classici della letteratura italiana. Si auto definisce una sognatrice che tende a considerare sempre il bicchiere mezzo pieno anche nelle situazioni più critiche. Altri segni particolari? Appassionata di calcio e tifosissima!

Ultime notizie