martedì, Aprile 20, 2021

Covid19, le autopsie aiutano i medici a capire come il virus uccide

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

L’ospedale Papa Giovanni XXIII, ormai da settimane, è la più grande terapia intensiva anti-Covid d’Europa, forse del mondo. I 500 posti disponibili accolgono i pazienti in condizioni più gravi, numerosi nella città lombarda e nei dintorni. Proprio l’emergenza ha spinto Andrea Gianetti, medico a capo del dipartimento di Anatomia patologica dell’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, ad andare più a fondo nelle ricerche. Gianetti racconta come nacque la decisione di fare gli esami autoptici.

Le circolari del ministero ci dicevano, sostanzialmente, di non fare autopsie sui pazienti deceduti a causa del Covid-19. Il ragionamento alla base di quell’indicazione, espressa sempre al condizionale, era semplice: inutile fare esami autoptici se si conosce già la causa del decesso. Ma è stato chiaro abbastanza presto che questa malattia si stava manifestando in forme diverse e multiple. Bisognava capire.

Leggi anche: Silvestri: “Remdesivir contrasta Covid19. Il primo pugno sul naso della scienza a questo virus”

La costante dei dati

Nonostante il monito delle circolari ministeriali Gianetti, e il collega Aurelio Sonzogni, iniziano le autopsie il 23 marzo. Il resto dello staff, per motivi procedurali, non è stato coinvolto. I dati degli esami hanno cominciato a mostrare una costante: molti pazienti morivano a causa di trombosi, dopo la fase più acuta di polmonite.

La teoria più credibile, oggi, collegata a questa scoperta, è che il virus si attacchi ad alcuni recettori che si trovano lungo i vasi sanguigni. E più in generale che riesca a mettere in moto una serie di effetti che, da un certo momento in poi, non dipendono più dal virus. Ma ci sono e possono anche essere letali.

Leggi anche: Coronavirus, scoperto in Cina l’enzima che fa sperare

La valutazione di Lancet

Dall’evidenza del rischio trombo-embolico la scelta di tentare terapie aggiuntive a quelle già in corso. Ormai da oltre un mese al Papa Giovanni si sta utilizzando l’eparina e con buoni risultati. Anche al Sacco di Milano, unico altro ospedale italiano a eseguire autopsie su pazienti Covid, si cura con l’eparina. Ricorda Gianetti:

Dopo i primi esami autoptici avevamo fatto un incontro con tutti i clinici che stavano lavorando sul Covid. Volevamo condividere con loro i nostri risultati. Una sorta di verbale di quella riunione è finita in rete. Abbiamo iniziato a ricevere telefonate dall’Inghilterra e dagli Stati Uniti. E dovevamo invitare tutti a mantenere la calma, spiegando che i nostri erano solo dati preliminari.

Oggi gli esiti delle autopsie e di tutto il lavoro degli anatomopatologi sono in fase di valutazione dalla sezione malattie infettive di Lancet, una delle riviste specialistiche più rinomate in ambito scientifico. E una bozza dello studio è su internet e continua a riscuotere interesse negli ambienti ospedalieri di tutto il mondo. di Elza Coculo

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Ultime notizie