mercoledì, 28 Ottobre 2020

Coronavirus, 5.000 braccialetti per mandare i detenuti agli arresti domiciliari

5000 braccialetti elettronici per il controllo dei detenuti, che potranno scontare la pena agli arresti domiciliari: questa la direttiva emessa dall’Amministrazione Penitenziaria insieme con il capo della Polizia. I braccialetti permetteranno a chi li indosserà di non esporsi al rischio di contagio, vista l’emergenza sanitaria conseguita all’epidemia di coronavirus che sta interessando il nostro paese. Si tratta di una delle disposizioni presenti nel decreto “Cura Italia” e verrà applicata ai detenuti che devono scontare una pena fino a 18 mesi. Tuttavia, dei 5000 dispositivi previsti, solo 920 sono disponibili nell’immediato. Leggi anche: Coronavirus, la rivolta delle carceri

Correlati

Zangrillo: “Pronto soccorso pieni? Nessun disastro, il 60% è un codice verde”

Il primario del San Raffaele di Milano rassicura quanti interpretano l’aumento delle chiamate al 118 come segno di un peggioramento dell’epidemia in Italia.

Chi è Mariacarla Boscono, la super modella, ultima fiamma di Stefano De Martino

Approdata nel mondo della moda a soli 16 anni, la Boscono è stata la prima italiana a posare per il Calendario Pirelli. La top model ancora oggi, all’età di 40, continua a sfilare e a incantare le passerelle internazionali.

Covid: addio a Pino Scaccia, giornalista e storico inviato Rai. Aveva 74 anni

Il mondo del giornalismo italiano è in lutto. È morto Pino Scaccia,...