Home»Digitale Life»Contanti addio: la rivoluzione digitale dei pagamenti con Satispay

Contanti addio: la rivoluzione digitale dei pagamenti con Satispay

Come funziona e quali sono i vantaggi di Satispay, l'app per i pagamenti via smartphone.

0
Condivisioni
Pinterest Google+

Il conto di un ristorante, una multa presa in sosta vietata, la retta scolastica di tuo figlio. Sono tante le utenze a cui dover provvedere nella vita di tutti i giorni, da quelle più abituali alle spese extra per gli imprevisti. La buona notizia è che se ieri era necessario avere sempre dei contanti a portata di mano, oggi anche i nostri portafogli diventano digitali. Come tanti altri settori, anche quello dei pagamenti si modernizza, senza abbandonare i circuiti tradizionali di carte di credito e debito, ma creando un percorso alternativo, comodo, veloce e sicuro. Si tratta di Satispay, sistema di mobile payment per le microtransazioni di denaro che ci permette di usufruire di una molteplicità di servizi con pochi clic sul nostro smartphone. Questa startup tutta italiana, fondata da tre millennials piemontesi: Alberto Delmasso, Dario Brignone e Samuele Pinta, oggi rispettivamente CEO, responsabile IT & Organization e COO del gruppo, fa già parlare di sé da qualche anno e non smette di crescere ed attirare consensi. Non è un caso che l’app gratuita sia stata scelta da oltre 700mila persone, infatti si può dire che questa sia una piattaforma di servizi che semplifica la vita.

Leggi anche: Come creare il tuo salvadanaio virtuale: da oggi risparmi con Satispay

Cosa puoi fare con Satispay?

A differenza di altri sistemi di pagamento cashless, come Google Pay o Apple Pay, tutto quello di cui si ha bisogno per pagare con Satispay è una connessione alla rete sufficientemente stabile con la quale connettersi al proprio conto personale e individuare l’attività commerciale cui inviare il pagamento.

Altrettanto semplice la procedura di iscrizione, che si può essere effettuare sia dal portale web sia direttamente dall’app. Basterà  inserire i dati personali, l’IBAN del conto corrente dal quale prelevare le somme per i pagamenti, la scansione di un documento di identità e una foto realizzata sul momento con la fotocamera frontale dello smartphone o con la webcam del computer. Una volta ottenute queste informazioni, Satispay verificherà che tutto corrisponda e, in caso di check positivo, attiverà il conto.

Scaricata l’app e terminato il processo di verifica dei documenti, il passo successivo è impostare un budget settimanale di cui vogliamo disporre. Ogni lunedì la differenza tra budget impostato e budget effettivo è colmata tramite un bonifico in entrata, se il saldo è inferiore al budget o in uscita, se il budget è superiore alla soglia impostata.

Ecco alcuni esempi delle funzionalità di Satispay:

  • shopping online o negli oltre 85mila negozi convenzionati in tutta Italia;
  • scambiare denaro con i tuoi amici, saldando un piccolo debito anche a distanza;
  • fare una ricarica istantanea telefonica sul proprio smartphone o a quello di un amico;
  • pagare i bollettini (bianchi, premarcati, bancari) e gli avvisi della pubblica amministrazione(PagoPA);
  • pagare bollo auto e moto, inserendo semplicemente la targa del veicolo.

Un ulteriore incentivo ad utilizzare l’app è il sistema Cashback, ossia il rimborso immediato di una percentuale della spesa, riaccreditato sull’app una volta completato il pagamento con Satispay.

Leggi anche: Come PayPal ci ha semplificato la vita: 7 cose che puoi fare in un clic

Satispay e la campagna WWF per l’Amazzonia

A seguito del disastro accaduto in Amazzonia durante l’estate,  l’applicazione Satispay ha deciso di attivare un particolare servizio Donazioni, che dà la possibilità alla sua community di 750 mila utenti  di devolvere una cifra alla raccolta fondi del Wwf a favore dell’ecosistema amazzonico.

“La nostra è un’azienda che guarda al futuro. Abbiamo un team di giovani, e così è per la nostra community, che vedono il mondo con gli occhi di chi sa che per sé e i propri figli deve cambiare radicalmente l’approccio all’ambiente”.

Ha commentato l’amministratore delegato e cofondatore di Satispay, Alberto Dalmasso.

La donazione è facilissima da completare, in solo un paio di clic si potrà decidere, selezionando un importo e dando “invia”, di partecipare alla campagna “Emergenza Amazzonia” con il proprio sostegno. Il servizio sarà attivo per tutto il mese di settembre.

di Federica Tuseo

Articolo Precedente

In tandem fino al mare con il figlio non vedente: la promessa di papà Sergio

Articolo Successivo

Orbiting e Ghosting: relazioni che si ammalano sul web

Nessun Commento Presente

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *