domenica, 20 Settembre 2020

Come creare il tuo salvadanaio virtuale: da oggi Risparmi con Satispay

Valentina Cuppone
Valentina Cuppone
Valentina Cuppone, classe 1982. Caporedattore de Il Digitale. Formazione umanistica, una laurea in Lettere Moderne e una specializzazione in Comunicazione della cultura e dello spettacolo all’Università di Catania. Curiosa e appassionata di ogni cosa d’arte, si nutre di libri, mostre e spettacoli. Affascinata dal mondo della comunicazione web, il suo nuovo orizzonte di ricerca è l''innovazione.

Intelligente, innovativo, comodo, veloce e sicuro. Queste le caratteristiche principali di Satispay, sistema di mobile payment per le microtransazioni di denaro utilizzando uno smartphone. Startup tutta italiana, fondata da tre millennials piemontesi: Alberto Delmasso, Dario Brignone e Samuele Pinta, oggi rispettivamente CEO, responsabile IT & Organization e COO del gruppo. Realtà innovativa e solida, cresciuta vertiginosamente uscendo presto dai confini di Cuneo, sua città d’origine. Attiva da gennaio 2015, conta oggi 600 mila download, 340 mila utenti attivi e diversi negozi convenzionati, sia fisici che online, tra cui Esselunga, Coop e Yamamay. Ora, oltre a versare soldi comodamente tramite un click con l’unico obbligo di essere collegato ad un conto corrente, si fa strada una nuova funzione. Accanto ai tasti per i pagamenti di multe, per ricaricare il telefonino, per pagare gli acquisti, da settembre spunterà “Risparmi”. Un alleato comodo, pratico e indolore, per poter mettere da parte denaro. Leggi anche: 7 modi in cui i Millennials stanno migliorando il mondo del lavoro

La svolta tutta italiana: l’app di epayment conquista perché gratuita e sicura

Il giovane team di Satispay.
Gli italiani a volte sono “molto” tradizionalisti e difficilmente inclini a sperimentare azioni nuove in ambiti che reputano particolarmente sensibili. Uno su tutti l’utilizzo del denaro. Immagina poi se la prospettiva è il pagamento sotto forma digitale. Ma l’errore più grande è il pregiudizio. Così, nonostante lo scetticismo che a volte contraddistingue qualcuno nell’affidarsi a metodi di epayment, Satispay riesce a conquistare moltissimi utenti. E lo fa perché è gratuita, sicura e semplice da usare. Semplificando così la vita. Nel 2017 l’azienda è la startup più finanziata d’Italia. Lo scorso luglio annuncia un nuovo aumento di capitale, sancendo un’ulteriore crescita dell’impresa, ora stabilitasi nel fintech district di Milano. Un tetto di 15 milioni di Euro, di cui 10 già sottoscritti dal lead investitor Copper Street Capital, fondo britannico che si occupa di servizi finanziari, da Endeavor Catalyst, fondo di venture capital della Silicon Valley, e da Greyhound Capital, che si distingue per sostenere realtà a elevato potenziale di crescita. Un aumento di capitale che significa un ulteriore passo in avanti verso l’internazionalizzazione dell’applicazione che prevede di oltrepassare i confini italiani entro il 2019. Si comincia inoltre a mettere le basi per una strategia di sviluppo che, come dichiara Alberto, sfrutti la funzionalità dei pagamenti per costruire servizi a valore aggiunto. Il primo tassello? Indirizzare gli utenti verso operazioni di risparmio.

Pratico, veloce ora anche previdente: tutto quello che puoi fare

Con Satispay dunque si può trasferire denaro ai contatti della propria rubrica, si possono effettuare acquisti, pagare bollette, multe, ricaricare il cellulare. Basta effettuare il download dell’app, registrarsi e collegare il conto corrente. Un modo easy e smart che risolve a molti il problema di non dimenticare di prelevare contanti e l’inghippo di trovare bancomat fuori servizio. E per non preoccuparsi più di scordare le carte a casa. Perché una cosa è certa. Lo smartphone non si abbandona mai. Ci si sta più attenti che al portafoglio. Ora inoltre abbiamo un motivo in più per scaricare l’applicazione sul nostro device. La startup per i pagamenti digitali ci aiuterà a mettere da parte i nostri risparmi. E lo fa dandoci anche la possibilità di personalizzare i nostri salvadanai virtuali.

Come mettere da parte denaro con la funzione “Risparmi”

Nella sezione servizi di Satispay da settembre gli utenti che utilizzano l’app mobile noteranno una nuova funzione, preannunciata dalla partnership della startup piemontese con player del risparmio. Si chiama “Risparmi” ed è un modo immediato per poter mettere da parte denaro. C’è chi difficilmente infatti riesce a fare la formica. La startup si assume ora il compito di aiutare chi ha una spesa improvvisa o chi vuole fare una vacanza. Un piano di accumulo che possa servire per le emergenze o per pianificare in tranquillità un capriccio più o meno costoso. La modalità per creare questi salvadanai virtuali e alimentarli sono diverse e sono tutte indicate con dei nomi assolutamente evocativi:

  • Spiccioli. Una volta attivata, accantona il resto delle transazioni arrotondando all’Euro.
  • Cashback. Una funzionalità che prevede, per le spese effettuate nei negozi che aderiscono, una percentuale di denaro restituita e caricata direttamente sull’app. Questo resto può essere “imbucato” nel salvadanaio.
  • Periodico. Sposta un importo specifico. Una sorta di piano d’accumulo cadenzato secondo precise scadenze.

I ragazzi di Satispay hanno messo a punto un modo facile e poco impegnativo per dare la possibilità a chi è spendaccione di poter pianificare spese e frivolezze creando investimenti e risparmi. Da un lato si spendono soldi, dall’altro si escogita un modo intelligente e innovativo per fare cassa. di Valentina Cuppone

Valentina Cuppone
Valentina Cuppone
Valentina Cuppone, classe 1982. Caporedattore de Il Digitale. Formazione umanistica, una laurea in Lettere Moderne e una specializzazione in Comunicazione della cultura e dello spettacolo all’Università di Catania. Curiosa e appassionata di ogni cosa d’arte, si nutre di libri, mostre e spettacoli. Affascinata dal mondo della comunicazione web, il suo nuovo orizzonte di ricerca è l''innovazione.

Correlati

Ecco chi sono e cosa fanno i figli dei VIP più famosi

Con la complicità dei social network, sono molti i figli dei VIP diventati famosi grazie ai loro cognomi privilegiati. Alcuni cavalcano solo un’onda, altri si sono distinti per le loro capacità. Scopriamo chi sono.

Covid-19, la scommessa degli esperti: vaccino a novembre

Con quasi 30 milioni di casi confermati in tutto il mondo, quella...