giovedì, Dicembre 2, 2021

Colpo di stato in Sudan: spari e lacrimogeni sui manifestanti

Dopo il colpo di stato, nelle ultime settimane tanti gli episodi di protesta, due giorni fa mentre i manifestanti marciavano a Khartoum, capitale del Sudan, le forze militari hanno aperto il fuoco e lanciato lacrimogeni.

Tommaso Panza
Salentino, classe 1993. Una laurea in mediazione linguistica. Fondazione Basso(Roma). Amante della lettura e del cinema, in particolare delle opere che raccontano spaccati di realtà. Deciso sin da piccolo a diventare un giornalista.

Il colpo di stato in Sudan, ha contribuito ad aumentare ulteriormente la crisi interna del paese del corno d’Africa. Decine di migliaia di persone sono scese in piazza sabato scorso nella capitale sudanese Khartoum e in altre città per protestare contro la presa del potere militare.

La protesta, come le altre avvenute nelle scorse settimane, è stata ancora una volta repressa nella violenza, le forze militari hanno infatti aperto il fuoco e lanciato gas lacrimogeni sui manifestanti.

Colpo di stato in Sudan: ancora morti durate le proteste

Colpo di stato in Sudan: ancora morti durate le proteste

Dopo il colpo di stato in Sudan, e l’arresto del Primo Ministro del paese, avvenuto verso la fine di ottobre, sono cominciate le proteste popolari in tutto il paese, le quali spesso sono diventate uno scenario di repressione e violenza.

Sabato durante una delle tante manifestazioni in giro per il paese, è stato ucciso dal fuoco delle forze di sicurezza a Omdurman uno dei manifestanti contro il nuovo potere militare che ha attuato il colpo di stato in Sudan.

Le manifestazioni in seguito all’annuncio del nuovo leader militare Abdel Fattah al-Burhan, il quale ha detto che la formazione di un nuovo consiglio di governo escluderà la coalizione civile con cui i militari condividono il potere dal 2019.

I gruppi sudanesi pro-democrazia hanno condannato la mossa e hanno promesso di continuare la loro campagna di disobbedienza civile e di protesta contro il colpo di stato in Sudan del 25 ottobre.

Sabato le forze di sicurezza hanno chiuso i ponti, tra il centro di Khartoum e le sue città gemelle di Omdurman e Khartoum nord, a veicoli e pedoni, posando filo spinato per bloccare l’accesso. Anche le strade verso i siti strategici sono state chiuse.

Quando i manifestanti hanno iniziato a radunarsi nel primo pomeriggio intorno alla capitale, le forze di sicurezza si sono mosse rapidamente per cercare di disperderli, sparando gas lacrimogeni e inseguendo i manifestanti lungo le strade laterali per cercare di impedire loro di raggiungere i punti di incontro centrali, come hanno dichiarato alcuni testimoni.

Il Comitato centrale dei medici sudanesi, che è allineato con il movimento di protesta, ha affermato che le manifestazioni stanno “affrontando un’eccessiva repressione, spesso i militari ricorrono forza sparando, compresi i proiettili veri, in diverse aree della capitale Khartoum”.

A Wad Madani, a sud-est di Khartoum, si sono radunate grandi folle, scandendo slogan tra cui: “Abbasso il governo militare”, ha detto un testimone a ReutersCi sono state anche proteste anche a Kassala, nel Sudan orientale e ad Atbara nel nord del paese.

L’acquisizione militare dopo il colpo di stato in Sudan ha capovolto una transizione verso la democrazia iniziata dopo la rivolta che ha rovesciato l’autocrate Omar al-Bashir nell’aprile 2019.

Le forze di sicurezza hanno arrestato alti funzionari nominati in base a un accordo di condivisione del potere tra i gruppi militari e civili e il primo ministro Abdalla Hamdok è stato posto sotto arresti domiciliari.

Sabato, i manifestanti hanno portato le immagini di Hamdok, ora simbolo di resistenza al governo militare, mentre cantavano contro Burhan e il suo vice Mohamed Hamdan Dagalo, comandante delle forze paramilitari di supporto rapido che hanno preso il potere dopo il colpo di stato in Sudan avvenuto lo scorso 25 ottobre.

Colpo di stato in Sudan: vietato l’uso di internet

I servizi Internet mobili sono rimasti interrotti dopo il colpo di stato in Sudan nonostante un ordine del tribunale per ripristinarli, e la copertura telefonica è stata interrotta, complicando gli sforzi del movimento di protesta.

Tuttavia, i comitati di resistenza locali, stimolati dalla nomina del nuovo consiglio di governo, hanno utilizzato volantini e organizzato proteste di quartiere più piccole negli ultimi giorni.

“Rifiutiamo qualsiasi mediazione o accordo con i golpisti e continueremo la nostra lotta fino a quando non faremo cadere il golpe e processeremo i criminali”, hanno affermato in una nota.

Volker Perthes, l’inviato delle Nazioni Unite in Sudan, ha invitato le forze di sicurezza a mostrare moderazione e a rispettare il diritto all’assemblea pacifica e alla libertà di espressione prima delle manifestazioni di sabato.

Gli Stati Uniti e altre potenze occidentali hanno espresso grave preoccupazione per la nomina di Burhan.

“Gli Stati Uniti e i partner chiedono ai leader militari del Sudan di astenersi da ulteriori azioni unilaterali che ritarderanno i progressi del Sudan faticosamente conquistati per rientrare nella comunità internazionale”, ha dichiarato su Twitter il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jake Sullivan.

Tommaso Panza
Salentino, classe 1993. Una laurea in mediazione linguistica. Fondazione Basso(Roma). Amante della lettura e del cinema, in particolare delle opere che raccontano spaccati di realtà. Deciso sin da piccolo a diventare un giornalista.

Ultime notizie