domenica, Ottobre 25, 2020

Fine Vita, assolti Cappato e Welby. Cosa significa la sentenza?

La sentenza della Corte di Assise di Massa vede i due assolti dall’accusa di istigazione al suicidio e di aiuto al suicidio per la morte di Davide Trentini.

Luca Tartaglia
Luca Tartaglia
Classe 88. Yamatologo laureato in Lingue Orientali, specializzato in Editoria e Scrittura, con un Master conseguito in Diritto e Cooperazione Internazionale. Ama dedicarsi a Musica e Cultura, viaggiare, “nerdeggiare” e tutto ciò che riguarda J. J. R. Tolkien

Un tema che torna prepotentemente nella discussione pubblica e politica del panorama mediatico italiano. Il suicidio assistito. Mina Welby, moglie di Piergiorgio Welby, fondatore dell’associazione Luca Coscioni e attivista per il rifiuto dell’accanimento terapeutico morto nel 2006, e Marco Cappato, esponente dei Radicali, tesoriere e co-presidente dell’associazione Luca Coscioni, sono stati assolti. Assolti dal reato di istigazione al suicidio di Davide Trentini. Era il 13 aprile 2017 quando la Welby accompagnò, grazie a Cappato e anche al sostegno economico della fondazione Luca Coscioni, Davide Trentini, malato di sclerosi multipla, a una clinica di Basilea per eseguire il suicidio assistito. Il giorno dopo il fatto entrambi si sono autodenunciati presso i carabinieri di Massa Carrara. Oggi sono stati assolti sia perché il fatto non sussisteva sia perché il fatto non costituisce reato.

Il suicidio assistito in Italia

Ricordiamo che in Italia l’eutanasia attiva, cioè quando è il medico a somministrare il farmaco necessario a morire, e il suicidio assistito, quando il farmaco viene assunto in modo autonomo dalla persona, così come l’aiuto al suicidio, sono vietati. Questo nonostante i passi avanti fatti dall’introduzione della legge sul testamento biologico del 2018 che stabilisce che nessun trattamento sanitario possa essere iniziato o proseguito senza il consenso “libero e informato” della persona interessata. Manca ancora una legislazione chiara sul suicidio assistito, e ciò viene quindi delegato alla discrezione dei giudici in assenza di una legge specifica. Realtà questa che vede in prima linea esponenti come Cappato e la Welby, che in prima persona cercano di sensibilizzare su questo tema.

Cappato Welby luglio 2020
Una fotografia di ieri 27 luglio 2020 dopo l’assoluzione di Marco Cappato e Mina Welby.

La storia e le storie

Sul sito della fondazione Coscioni si legge che Davide Trentini era malato di sclerosi multipla dal 1993. Aveva 53 anni al momento della sua morte e la sua vita, segnata da una salute progressivamente sempre più deficitaria, “era diventata un calvario”. Fu lui che contattò Marco Cappato e poi Mina Welby per conoscere le modalità e infine accedere alla morte volontaria in Svizzera. Questo pochi mesi dopo il più celebre caso di Dj Fabo. Fabiano Antoniani, noto come Dj Fabo, si reca in Svizzera accompagnato da Cappato, nel febbraio 2017 per mettere fine alla sua vita. Dj Fabo era tetraplegico, conseguenza di un grave incidente stradale, e Cappato lo aveva aiutato con i preparativi sul piano legale e logistico. Il motivo dell’aiuto è reperibile dai trascritti di in un’udienza che vede Cappato imputato anche in questo caso:

La mia è una motivazione di libertà, di diritto all’autodeterminazione individuale, laddove non è la tecnica del tenere in vita o del far morire che è rilevante, ma la libertà di autodeterminazione, quella sì che è rilevante”

Leggi anche: Diritto a morire, storica sentenza della Consulta sul caso DJ Fabo

Le vicende legali

Rivoluzionaria fu la sentenza della Corte Costituzionale nel settembre 2019 riguardo questo tema. La Consulta ha dichiarato non punibile l’accesso al suicidio assistito in presenza di quattro elementi. Non è punibile, infatti, chi agevola l’esecuzione del proposito di suicidio, autonomamente e liberamente formatosi, di un paziente “che sia tenuto in vita da trattamenti di sostegno vitale, affetto da una patologia irreversibile” e fonte “di sofferenze fisiche o psicologiche che egli reputa intollerabili”, ma anche che sia “pienamente capace di prendere decisioni libere e consapevoli”. Rivoluzionaria anche la sentenza dei giudici di ieri, perché a differenza di Dj Fabo, Trentini assolveva tre requisiti su quattro non essendo attaccato ad una macchina. Quindi, anche i trattamenti farmacologici rientrano da oggi nei requisiti previsti per poter interrompere le proprie sofferenze. Una sentenza importante che deve permettere così di ampliare il dibattito sulla questione del fine vita e creare una legislazione adeguata a questo tema così sensibile. Una lettera di Piergiorgio Welby all’allora Presidente della Repubblica Napolitano, su cosa intendesse lui per vita:

Vita è la donna che ti ama, il vento tra i capelli, il sole sul viso, la passeggiata notturna con un amico. Vita è anche la donna che ti lascia, una giornata di pioggia, l’amico che ti delude.

Luca Tartaglia
Luca Tartaglia
Classe 88. Yamatologo laureato in Lingue Orientali, specializzato in Editoria e Scrittura, con un Master conseguito in Diritto e Cooperazione Internazionale. Ama dedicarsi a Musica e Cultura, viaggiare, “nerdeggiare” e tutto ciò che riguarda J. J. R. Tolkien

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Maxi concorso al Comune di Roma: 1500 nuove assunzioni. Tutto quello che c’è da sapere

L’atteso concorso annunciato dal Campidoglio probabilmente sarà pronto per la seconda metà di agosto. Si cercano 1500 dipendenti in diversi profili, da assumere entro la primavera 2021. Causa Covid, le selezioni avverranno a distanza.

Ultimi

Chi è Annalisa Scarrone, vita di una cantante pop

Il suo nome d'arte è semplicemente "Annalisa" detta "Nali". Annalisa Scarrone deve...

C’era una volta il west: la sfida Trump-Biden

La Casa Bianca aspetta il suo nuovo Presidente per il giorno tre...

I cani possono riconoscere il Covid-19 se addestrati

I cani sono sensibili al Covid-19 distinguendo la saliva delle persona sane...

Chi è Greta Favino, una delle figlie di Pierfrancesco Favino

Il noto attore Pierfrancesco Favino e la compagna Anna Ferzetti hanno avuto...

Impronta ecologica, come alleggerire l’impatto della nostra vita sulla natura

L'impronta ecologica è un’unità di misura che calcola lo sfruttamento delle risorse...