lunedì, Marzo 8, 2021

Salerno, morti sospette alla Casa di cura Tortorella. Arrestato il primario

In manette il primario e sospeso un medico della Casa di cura Tortorella a Salerno, accusati di plurimi omicidi colposi commessi tra novembre del 2017 e marzo 2018.

Silvia Aldi
Silvia Aldi
Classe 1990, laureata in Scienze Politiche con una specializzazione in Comunicazione pubblica Internazionale. Amante della storia sin da piccola e appassionata di grandi classici della letteratura italiana. Si auto definisce una sognatrice che tende a considerare sempre il bicchiere mezzo pieno anche nelle situazioni più critiche. Altri segni particolari? Appassionata di calcio e tifosissima!

Il primario della Casa di cura Tortorella è stato arrestato, e un medico è stato sospeso, con l’accusa di aver eseguito una serie di interventi chirurgici ad alto rischio di complicanza e totalmente inutili a fronte di malattie oncologiche in stadio avanzato. Inoltre, i due sono stati accusati di negligenza nella fase post operatoria.

Casa di cura Tortorella, in manette il primario

I carabinieri della Compagnia di Salerno, hanno dato esecuzione ad una Ordinanza applicativa di misura cautelare personale, emessa dal GIP di Salerno, su richiesta della Procura della Repubblica, nei confronti di Carmine Napolitano, primario del Reparto di Unità Funzionale dì Chirurgia Generale e chirurgia Oncologica presso la Casa di Cura Tortorella, e di Marco Clemente, medico chirurgo.

I due sono accusati di plurimi omicidi colposi commessi tra novembre 2017 e marzo 2018. Le indagini, condotte dalla Procura di Salerno e dai militari della Compagnia Carabinieri di Salerno, sono iniziate nel 2018 a causa di un anomalo incremento di decessi presso la struttura.

Casa di cura Tortorella, sospeso un medico

Corsia.
Durante le indagini è emerso il ruolo co-decisionale del dottor Clemente.

Le indagini sono state effettuate anche sulle cartelle cliniche e con l’aiuto dei medici legali. Infatti, durante le indagini, sono state effettuate cinque autopsie sulle salme. Su 83 cartelle cliniche, lo scenario emerso ha posto in serio dubbio le effettive capacità del chirurgo e della sua equipe, in particolare del suo assistente Marco Clemente, che su MioDottore.it descrive così il suo lavoro in Casa di cura Tortorella:

Da circa due anni lavoro stabilmente presso la Casa di Cura Tortorella di Salerno dove eseguiamo interventi di Chirurgia Oncologica (per il trattamento delle neoplasie dell’esofago, dello stomaco, del fegato, delle vie biliari e del pancreas, e del colon-retto, del rene e del surrene) e di Chirurgia Generale (colecistectomia laparoscopica, trattamento dei difetti di parete: ernia inguinale, ernia crurale, ernia ombelicale, ernia epigastrica, laparoceli, ecc).

Le indagini hanno riconosciuto un ruolo attivo e co-decisionale del dottor Marco Celemente nella scelta e nell’attuazione dei trattamenti terapeutici

Leggi anche: Incubo Rsa: “Scheletrica e abbandonata, così ho salvato mia madre dal Covid”

I dettagli delle morti sospette nella Casa di cura Tortorella

Arrestato primario.
I dettagli dell’operazione che ha portato all’arresto il primario e un medico della Casa di cura Tortorella.

Al primario Carmine Napolitano e al medico chirurgo Marco Clemente si contesta di aver eseguito una serie di interventi chirurgici ad alto rischio di complicanza, totalmente demolitivi ed inutili a fronte di malattie oncologiche in fase avanzata.

Inoltre, sono accusati di negligenza di gestione della fase post operatoria per un secondo gruppo di interventi con omissione dei prescritti controlli ed indagini diagnostiche a fronte della evidente insorgenza di complicanze.

Il Gip di Salerno ha applicato la misura degli arresti domiciliari nei confronti del primario, Carmine Napolitano, e la misura interdittiva della sospensione dall’esercizio dell’ufficio di medico e della sospensione dall’esercizio della professione del Marco dottor Clemente.

Leggi anche: Morte Maradona, sospetto di omicidio colposo: indagato il suo medico personale

Silvia Aldi
Silvia Aldi
Classe 1990, laureata in Scienze Politiche con una specializzazione in Comunicazione pubblica Internazionale. Amante della storia sin da piccola e appassionata di grandi classici della letteratura italiana. Si auto definisce una sognatrice che tende a considerare sempre il bicchiere mezzo pieno anche nelle situazioni più critiche. Altri segni particolari? Appassionata di calcio e tifosissima!

Ultime notizie