martedì, Marzo 2, 2021

Incubo Rsa: “Scheletrica e abbandonata, così ho salvato mia madre dal Covid”

La storia della signora Anna Maria, 79 anni, malata di Alzheimer, finita in ospedale dopo una caduta e spostata in varie Rsa per la riabilitazione durante il lockdown. La figlia Francesca: "Così ho salvato mia madre dal Covid".

Silvia Aldi
Silvia Aldi
Classe 1990, laureata in Scienze Politiche con una specializzazione in Comunicazione pubblica Internazionale. Amante della storia sin da piccola e appassionata di grandi classici della letteratura italiana. Si auto definisce una sognatrice che tende a considerare sempre il bicchiere mezzo pieno anche nelle situazioni più critiche. Altri segni particolari? Appassionata di calcio e tifosissima!

Ecco la storia della signora Anna Maria, 79 anni l’8 dicembre, malata di Alzheimer, finita in ospedale dopo una caduta e spostata in varie Rsa per la riabilitazione durante il lockdown. La figlia Francesca: “Nessuno se ne prendeva cura. Ho deciso di farlo io e ho salvato mia madre dal Covid”.

Anna Maria ricoverata in Rsa prima del lockdown

La signora Anna Maria è stata ricoverata in una Rsa poco prima che scattasse il lockdown a marzo. La figlia Francesca racconta a Repubblica di non aver più visto la madre fino a giugno a causa dell’incubo delle Rsa che conosciamo ormai, purtroppo, molto bene:

Dal 4 marzo, e fino al primo giugno scorso, non l’ho più vista. Solo in videochiamata. Quando io e mia sorella l’abbiamo incontrata di persona, ci ha preso un colpo: era magrissima, scheletrica, pesava 39 chili – prima 69 – per 1,75 di altezza.

Adesso sta bene, anche se è in sedia a rotelle. Finalmente è a casa.

Leggi anche: Coronavirus, nuova ordinanza: come cambia la mappa dell’emergenza

La trafila di Anna Maria nelle Rsa

Francesca Benecchi, 51 anni, racconta che sua madre Anna Maria dopo essere caduta in casa e aver sbattuto la testa, è stata ricoverata all’ospedale di Civitavecchia. Un mese dopo la signora è stata portata in una casa di cura a Santa Marinella e successivamente in un’altra Rsa sempre a Civitavecchia. L’obiettivo, rivela la figlia Francesca a Repubblica, era di farle trascorrere all’interno della casa di cura soltanto il tempo di rimettersi in sesto. Purtroppo i piani di Francesca sono stati stravolti dall’arrivo della pandemia di coronavirus ed è iniziato il calvario:

Oltre a mia madre, pure il Covid è entrato nella casa di cura. L’accesso ai familiari è stato negato. Il virus si è propagato anche tra gli operatori. Molti anziani si sono contagiati, la metà sono morti.

Io potevo vedere mia madre solo tramite videochiamata per 5 minuti, al massimo 10, a volte neppure quelli. Vedevo solo il suo volto. Null’altro. Mi diceva che stava bene. E invece mangiava da sola, nessuno la controllava.

Sapevo che era in una stanza con tre anziani, di cui una positiva. Essendo risultata più volte negativa al tampone, è stata trasferita in un’altra struttura a Morlupo. E poi ancora in una Rsa a Tolfa.

Il rientro a casa di Anna Maria

La signora Anna Maria.
La signora Anna Maria insieme alla figlia Francesca.

Quando la signora Anna Maria è ricoverata a Tolfa finalmente Francesca riesce ad incontrare la madre, a distanza. Anna Maria è rimasta sotto osservazione per qualche giorno, vedeva la figlia in una stanza da dietro a un vetro. Francesca ha deciso di prendere la madre dalla Rsa e portarla a casa:

Mi hanno chiamato per dirmi di raggiungerla e per vedere se le condizioni di mia madre fossero come quelle di quando l’avevo lasciata. Vedere che non si reggeva in piedi, è stato mentalmente devastante. Mi è crollato il mondo addosso.

Quel giorno non l’ho potuta neppure abbracciare. Quando mi hanno detto che potevo andarla a prendere, sono salita in macchina, l’ho presa e l’ho portata a casa. Pesava 42 chili. Adesso 47. Sta recuperando forza e peso. Mi sento fortunata.

Incubo nelle Rsa, anziani senza visite dall’inizio del Covid

Rsa Covid.
Le Rsa sono le strutture più colpite dal Covid-19.

Moltissime persone si sono ritrovate nella condizione della famiglia di Francesca. Inoltre, in tantissimi non sono riusciti a vedere il loro parente ricoverato nemmeno in videochiamata, causa malattie gravi. Purtroppo, durante il picco della pandemia di Covid-19, migliaia di degenti di Rsa sono morti lontani dal conforto e dell’amore dei loro cari.

Qualcuno, più fortunato, è riuscito a fare visite a distanza, senza possibilità di contatto. In rari casi, invece, l’entrata dei parenti è stata autorizzata con tutte le necessarie precauzioni. In nessun caso, invece, risultano essere state concesse uscite dalle strutture dei malati non autosufficienti. Francesca è stata una delle poche a decidere di curare la madre in casa prelevandola definitivamente dalla Rsa.

Covid, nelle Rsa impatto meno drammatico di prima

Rsa.
Arrivano dati confortanti sul contagio da Covid-19 nelle Rsa.

Arriva, però, fortunatamente una notizia positiva dal primo studio multicentrico osservazionale GeroCovid Rsa della Società Italiana di Gerontologia e Geriatria. Dalla ricerca emerge che nelle Rsa la trasmissione del contagio da coronavirus avviene con pochi sintomi e più lievi rispetto alla prima ondata dell’epidemia e un tasso di letalità del 19,2%. I dati sono stati analizzati da marzo all’otto novembre scorso in 59 strutture di Lombardia, Veneto, Toscana, Lazio, Calabria e Sicilia su 430 anziani Covid-positivi o sospetti Covid.

I risultati mostrano che durante la seconda ondata della pandemia i casi di Covid-19 registrati sono avvenuti solo in 9 strutture su 59 e la mortalità è risultata relativamente contenuta.

Dall’analisi sulle 9 Rsa con residenti positivi al virus è emerso che gli anziani con Covid-19 manifestano pochi sintomi: il 29% sviluppa febbre alta, il 20% ha difficoltà respiratorie e non ci sono stati casi di mancanza di gusto e olfatto.

Leggi anche: Il Mes fa ballare il governo, le 48 ore più lunghe di Conte

Silvia Aldi
Silvia Aldi
Classe 1990, laureata in Scienze Politiche con una specializzazione in Comunicazione pubblica Internazionale. Amante della storia sin da piccola e appassionata di grandi classici della letteratura italiana. Si auto definisce una sognatrice che tende a considerare sempre il bicchiere mezzo pieno anche nelle situazioni più critiche. Altri segni particolari? Appassionata di calcio e tifosissima!

Ultime notizie