giovedì, Agosto 13, 2020

Caporalato: incassava 6 milioni l’anno, ma pagava i braccianti 3,33 euro l’ora

I dipendenti lavoravano anche 9 ore al giorno senza diritti e senza tutele. Arrestato noto imprenditore del foggiano e il suo braccio destro.

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

L’ennesima storia di sfruttamento e caporalato arriva dalla Puglia. Una nota azienda agricola del foggiano nel 2019 è arrivata a fatturare 5 milioni e 800 mila euro, ma retribuiva i braccianti, comunitari ed extracomunitari, spesso reclutati nei ghetti, solo 3,33 euro l’ora. A volte il compenso poteva arrivare a un massimo di 5,71 euro. I braccianti erano costretti a dure giornate di lavoro da 9 ore, con una pausa pranzo di mezz’ora non sempre garantita. Niente ferie, nessuna giornata di riposo e in condizioni igienico sanitarie inesistenti. A seguito delle indagini sono stati ordinati due arresti. Quello dell’imprenditore titolare dell’azienda, Settimio Passalacqua, ora agli arresti domiciliari, e quello del suo braccio destro Antonio Piancone.

“Approfittavano dello stato di bisogno dei braccianti”

Settimio Passalacqua, noto imprenditore agricolo di Apricena, in provincia di Foggia, e il suo braccio destro, Antonio Piancone, sono stati arrestati con l’accusa di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro. Nell’ordinanza firmata dal gip Manuela Castellabate, su richiesta delle pm Pirrelli e Pensa, si legge che i due:

utilizzavano-assumevano e/o impiegavano manodopera costituita da un numero rilevantissimo di lavoratori comunitari o extracomunitari di varie etnie, approfittando del loro stato di bisogno, riconducibile a precarie condizioni economiche, a livello di scolarizzazione e alla condizione di immigrato.

Sono state fatte verifiche su 5 aziende agricole, tutte riconducibili al signor Passalacqua, per un totale di 2.000 ettari di proprietà. Nelle aziende lavoravano 222 dipendenti, non tutti extracomunitari. Tra loro c’erano anche cittadini Ue, in prevalenza albanesi, e cittadini italiani.

Leggi anche: Migranti, flop della sanatoria: nasce la campagna “SIAMO QUI”

Il sistema fraudolento

Formalmente l’azienda emetteva regolari buste paga. Le retribuzioni sulla carta erano conformi a quelle previste dalla legge. Ma, secondo gli inquirenti, i braccianti dovevano poi restituire l’importo in ‘eccesso’ rispetto al compenso concordato sottobanco. Un sistema fraudolento che garantiva guadagni all’azienda attraverso lo sfruttamento dei lavoratori e il caporalato. Si legge nell’ordinanza del Gip:

la corresponsione reiterata ai lavoratori avveniva per lo più a mezzo di denaro contante, della somma oraria variante tra un minimo di euro 3,33 ed un massimo di euro 5,71 ovvero di una paga giornaliera variabile tra 30 e 45 euro, in violazione dei contratti collettivi nazionali o territoriali stipulati dalle organizzazioni sindacali.

Un ammontare ritenuto dal giudice “sproporzionato rispetto alla qualità e quantità del lavoro prestato” che dovrebbe invece equivalere a una paga oraria netta di 7,70 euro. Inoltre, secondo quanto ricostruito dall’accusa, l’azienda comunicava all’INPS molte giornate in meno rispetto alle effettive lavorate. Comunicava, cioè, non il numero di giornate di lavoro svolte, ma solamente quelle che andavano a far coincidere lo stipendio corrisposto con le giornate necessarie a raggiungere quella somma. Mentre i lavoratori erano costretti a lavorare 7 giorni la settimana senza alcun riposo.

False assunzioni

Un’ulteriore accusa riguarderebbe le false assunzioni. Le indagini hanno accertato l’esistenza di falsi rapporti lavorativi realizzati attraverso la compravendita di giornate di lavoro. Vale a dire, l’azienda assumeva persone che non andavano effettivamente a lavorare. Ciò garantiva a Passalacqua un doppio vantaggio: l’aumento della quota di sgravio contributivo a favore dell’impresa compiacente da una parte. E il riconoscimento delle indennità assistenziali a favore del finto lavoratore dall’altro.

Leggi anche: Soumahoro per gli immigrati: “Mi incatenerò finché il Governo non ascolterà”. E Conte gli dà udienza

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Correlati

Coronavirus, ultimo monitoraggio: “In 9 regioni Rt sopra 1. Sono 225 i nuovi focolai”

Il report del ministero della Salute e dell’Istituto superiore di Sanità dell’ultima settimana parla di “importanti segnali di allerta per un possibile aumento della trasmissione”.

I pessimisti muoiono prima rispetto alla media. Lo studio

Secondo un nuovo studio australiano, pubblicato sulla rivista Nature “vi sono indicazioni che atteggiamenti ottimisti e pessimisti possano avere effetti sulla biochimica del cervello e del sangue”.

Bonus casalinghe, Gasparrini:” Il vero ammortizzatore sociale dell’Italia”

Il Decreto Agosto guarda alle donne. Un’apertura da non sottovalutare con il...

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Maxi concorso al Comune di Roma: 1500 nuove assunzioni. Tutto quello che c’è da sapere

L’atteso concorso annunciato dal Campidoglio probabilmente sarà pronto per la seconda metà di agosto. Si cercano 1500 dipendenti in diversi profili, da assumere entro la primavera 2021. Causa Covid, le selezioni avverranno a distanza.

Olivia Paladino, giovane, elegante e in carriera. Ecco chi è la fidanzata di Giuseppe Conte

Figlia della Roma bene, più giovane del Premier di circa 15 anni, mamma di una adolescente e manager del prestigioso Hotel di famiglia. Incuriosisce la vita della First Lady italiana.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

“Sul Covid quante bugie ci hanno raccontato”: l’intervista al Professor Bacco

Abbiamo il diritto di discernere la verità dalla menzogna sul Coronavirus e guardare con lucidità al futuro, dando spazio a punti di vista differenti. L'intervista al Professor Pasquale Mario Bacco.

Ultimi

Coronavirus, ultimo monitoraggio: “In 9 regioni Rt sopra 1. Sono 225 i nuovi focolai”

Il report del ministero della Salute e dell’Istituto superiore di Sanità dell’ultima settimana parla di “importanti segnali di allerta per un possibile aumento della trasmissione”.

I pessimisti muoiono prima rispetto alla media. Lo studio

Secondo un nuovo studio australiano, pubblicato sulla rivista Nature “vi sono indicazioni che atteggiamenti ottimisti e pessimisti possano avere effetti sulla biochimica del cervello e del sangue”.

Bonus casalinghe, Gasparrini:” Il vero ammortizzatore sociale dell’Italia”

Il Decreto Agosto guarda alle donne. Un’apertura da non sottovalutare con il...

L’OMS nomina Mario Monti presidente della Commissione sulle politiche sanitarie UE

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha istituito una commissione europea per la salute e lo sviluppo sostenibile al fine di “ripensare le priorità relative alle politiche da attuare alla luce della pandemia.

Coronavirus, la stretta del governo sulle misure di sicurezza. Ecco cosa cambia

Ieri, dopo il vertice tra governo e Regioni, si sono delineate alcune nuove regole in vigore da oggi e valide fino al 7 settembre.