mercoledì, Ottobre 21, 2020

Bus dirottato nel milanese: condannato l’autista per terrorismo

Condannato a 24 anni di carcere per terrorismo l'autista del bus dirottato e incendiato nel milanese, con a bordo una scolaresca di Crema. Previsti risarcimenti importanti.

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

Condannato a 24 anni di carcere, Ousseynou Sy. Il 47enne di origini senegalesi è imputato per aver sequestrato, dirottato e incendiato il 20 marzo del 2019 a San Donato un bus di cui era autista, con a bordo una scolaresca di 50 ragazzini di una scuola media di Crema, due insegnanti e un’operatrice.

Quattro ore di consiglio

La corte d’Assise del Tribunale di Milano, presieduta dal giudice Ilio Mannucci Pacini, ha impegnato circa quattro ore di camera di consiglio prima di emettere la sentenza. Il pm di Milano Luca Poniz aveva chiesto 24 anni di carcere per sequestro di persona con finalità di eversione o terrorismo, strage, incendio, lesioni e resistenza.

Leggi anche: La Consulta: “Legittimo escludere Autostrade da ricostruzione Morandi”

Condanne e risarcimenti

Oussenyou Sy, condannato a 24 anni per terrorismo.

Le condanne di risarcimento sono andate anche al Ministero dell’Istruzione e a Autoguidovie come responsabili civili. Sono chiamati al pagamento di un risarcimento di 25 mila euro per ognuno dei 50 ragazzini vittime del dirottamento del bus e di 3 mila euro per i genitori dei ragazzi. Un risarcimento di 10 mila euro è stato ottenuto anche dal Comune di Crema.

La reazione dei genitori

I genitori di alcuni dei ragazzi coinvolti hanno espresso la loro opinione in merito alla sentenza:

Siamo assolutamente soddisfatti dalla sentenza. Ci eravamo messi nelle mani della giustizia e siamo soddisfatti.

Leggi anche: Ex Boss al 41 bis chiede a Mattarella: Fucilatemi in cortile

I ragazzi come stanno?

Un’esperienza alquanto provante, quella vissuta dai ragazzi a bordo del bus dirottato dal proprio autista. Come stanno reagendo a più di un anno dai fatti? Ecco cosa ha spiegato un papà:

I ragazzi stanno reagendo e migliorando ognuno a seconda del proprio carattere. L’importante è che la condanna sia stata adeguata.

I legali di SY presenteranno sicuramente appello, come annunciato a margine della sentenza.

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Maxi concorso al Comune di Roma: 1500 nuove assunzioni. Tutto quello che c’è da sapere

L’atteso concorso annunciato dal Campidoglio probabilmente sarà pronto per la seconda metà di agosto. Si cercano 1500 dipendenti in diversi profili, da assumere entro la primavera 2021. Causa Covid, le selezioni avverranno a distanza.

Ultimi

Stanchezza da pandemia: perché siamo più tristi e tesi?

Di recente sentiamo spesso parlare di stanchezza da pandemia. Ma di cosa...

Da Federica Pellegrini a CR7, così il Covid-19 colpisce lo sport

Non solo il calcio, in queste settimane tutto lo sport italiano ha...

Tra coprifuoco e mini lockdown, la lenta chiusura dell’Italia. Ecco dove

L'ultimo Dpcm mira ad evitare un nuovo lockdown, ma non consente nemmeno...

Nuove graduatorie e concorso per la scuola

Sono ormai pubblicate in tutta Italia le graduatorie...

Lago d’Aral, la rinascita di un tesoro quasi scomparso

Un tempo era uno degli specchi d’acqua tra i più grandi al mondo, oggi è considerato uno dei più gravi disastri ambientali del Pianeta. Dagli anni 90 si lavora per la rinascita del lago d'Aral.