lunedì, Gennaio 17, 2022

Biden attacca Trump: “La sua rete di bugie è una minaccia alla democrazia”

Joe Biden ieri ha accusato il suo predecessore Donald Trump di diffondere una "rete di bugie" per minare la democrazia statunitense durante il discorso nell'anniversario del micidiale attacco al Campidoglio da parte dei sostenitori di Trump.

Tommaso Panza
Salentino, classe 1993. Una laurea in mediazione linguistica. Fondazione Basso(Roma). Amante della lettura e del cinema, in particolare delle opere che raccontano spaccati di realtà. Deciso sin da piccolo a diventare un giornalista.

Biden attacca Trump capitolo ennesimo. Il presidente americano Joe Biden nella giornata di ieri ha accusato il suo predecessore Donald Trump di diffondere una “rete di bugie” per minare la democrazia statunitense.

L’attacco di Biden è avvenuto durante il discorso dell’anniversario del micidiale attacco al Campidoglio da parte dei sostenitori di Trump che hanno cercato di annullare nel 2020 i risultati elettorali.

Biden attacca Trump: “E’ una minaccia per la stabilità degli Stati Uniti”

Biden attacca Trump: "E' una minaccia per la stabilità degli Stati Uniti"

Biden attacca Trump nel discorso in cui ricorre il primo anniversario dell’attacco in Campidoglio, dove i rivoltosi hanno rotto le finestre, aggredito la polizia e mandato i legislatori in fuga il 6 gennaio 2021,

Biden ha dichiarato che le false affermazioni di Trump secondo cui le elezioni gli sono state rubate attraverso una diffusa frode elettorale potrebbero svelare lo stato di diritto e sovvertire le future elezioni.

Dobbiamo essere assolutamente chiari su ciò che è vero e ciò che è una bugia. Ecco la verità: un ex presidente degli Stati Uniti d’America ha creato e diffuso una rete di bugie sulle elezioni del 2020. Lo ha fatto perché pensa di meritare il potere per principio – ha detto Biden, che ha poi aggiunto – non può accettare di aver perso.

Biden attacca Trump, ma non ha mai effettivamente pronunciato il nome del suo predecessore durante il discorso di 25 minuti, dicendo ai giornalisti li presenti che stava cercando di concentrarsi sulle minacce al sistema politico americano invece che su Trump stesso.

Il comportamento di Trump nell’ultimo anno, come la sua condotta in carica, ha infranto le norme. A differenza di altri ex presidenti degli Stati Uniti a cui è stata negata la rielezione, Trump si è rifiutato di accettare il verdetto degli elettori e ha fatto pressioni sui colleghi repubblicani affinché in qualche modo ribaltassero i risultati, senza successo.

Biden attacca Trump facendo riferimento al fatto che le sue false affermazioni hanno fornito copertura ai repubblicani a livello statale per approvare nuove restrizioni al voto che i sostenitori di Trump avevano affermato essere necessarie per combattere le falsificazioni dei voti. La ricerca mostra che tale frode elettorale è estremamente rara nelle elezioni statunitensi.

I compagni democratici di Biden, alcuni repubblicani e molti esperti indipendenti hanno affermato che le continue smentite di Trump potrebbero rendere meno probabile che i futuri cambi di potere negli Stati Uniti siano pacifici, in particolare quelli che comportano margini più stretti rispetto alle elezioni del 2020 che Biden ha vinto con 7 milioni di voti a livello nazionale.

L’ex presidente e i suoi sostenitori hanno deciso che l’unico modo per loro di vincere è sopprimere il voto e sovvertire le nostre elezioni – ha detto Biden.

Il discorso in cui Biden attacca Trump ha dimostrato che altri democratici rimangono diffidenti nei confronti della resistenza politica di Trump. 

All’indomani della rivolta, anche alcuni repubblicani pensavano che la sua presa sul loro partito fosse stata scossa, ma da allora Trump l’ha solo rafforzata.

Mancano 10 mesi alle prossime elezioni federali americane, con i repubblicani favorevoli a riconquistare la maggioranza in almeno una delle due camere del Congresso. 

Ciò potrebbe paralizzare la capacità di Biden di far avanzare la politica e preparare il terreno per due anni di stallo legislativo prima di una potenziale rivincita Biden-Trump del 2024.

Leggi anche: Il piano del colpo di stato di Trump per restare al potere

Non perderti nemmeno un'articolo Seguici su Google News
Tommaso Panza
Salentino, classe 1993. Una laurea in mediazione linguistica. Fondazione Basso(Roma). Amante della lettura e del cinema, in particolare delle opere che raccontano spaccati di realtà. Deciso sin da piccolo a diventare un giornalista.

Ultime notizie