mercoledì, Ottobre 21, 2020

Indagine Bankitalia: drastico calo del reddito per le famiglie italiane

Sono scoraggianti i dati proposti da Bankitalia sull'economia del nostro Paese. Crollo del reddito, oltre il 50% delle famiglie italiane è in difficoltà.

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

L’onda lunga del coronavirus sta mietendo vittime, prima al livello sanitario ora dal punto di vista economico. Crollo del reddito per più della metà delle famiglie italiane. Sono scoraggianti i dati emersi dall’indagine straordinaria sulle famiglie italiane nel 2020 pubblicata dalla Banca d’Italia, curata di Andrea Neri e Francesca Zanichelli.

L’indagine di Bankitalia

Secondo l’indagine della Banca d’Italia, il reddito di oltre il 50% delle famiglie del nostro Paese si è ridotto, tenendo conto anche degli strumenti messi a disposizione dal Governo come eventuale sostegno. Per il 15% delle persone il calo è di oltre la metà del reddito complessivo. Le condizioni peggiori riguardano i lavoratori indipendenti: quasi l’80% ha subito un calo nel reddito e per il 36% la caduta è di oltre la metà del reddito familiare.

Leggi anche: Piano riforme, Gualtieri: “L’Italia deve ripartire, non c’è tempo da perdere”

Una situazione difficile anche prima del Covid

La crisi economica dovuta alla pandemia da coronavirus ha acuito una situazione già compromessa per molti italiani. Poco meno della metà degli intervistati dichiara che prima dell’emergenza sanitaria arrivava alla fine del mese con difficoltà, con quote più elevate per i lavoratori dipendenti a termine e per i disoccupati. Secondo la Banca d’Italia, più di un terzo degli individui dichiara di disporre di risorse finanziarie liquide sufficienti per meno di 3 mesi a coprire le spese per i consumi essenziali della famiglia senza altre entrate. Si tratterebbe di un periodo compatibile con la durata del lockdown. Questo potrebbe significare che per alcune famiglie, questo cuscinetto economico sia già esaurito.

Il futuro non è roseo

Gli intervistati dai curatori della ricerca che testa lo stato di salute economico delle famiglie italiani, non vedono un futuro roseo per le proprie casse. Circa la metà della popolazione si aspetta, infatti, una riduzione del reddito familiare anche nell’arco dei prossimi 12 mesi, seppur di intensità inferiore a quella degli ultimi due mesi. Solo il 7% ritiene che tra un anno il reddito della sua famiglia avrà subito un calo di oltre il 50% rispetto a quello precedente l’emergenza sanitaria. Solo il 15% ritiene che il reddito tornerà ai livelli precedenti l’emergenza sanitaria.

Leggi anche: Allarme usura per molte famiglie, in crisi post covid

Il debito che pesa sulle famiglie

Sede Banca d’Italia

A causa di meno entrate, di consumi da sostenere, contando su aiuti governativi in ritardo per via di una burocrazia scoraggiante, la maggior parte delle famiglie italiane è in ginocchio e alle prese con il debito. Le difficoltà stanno soprattutto nel rispettare le rate dei mutui, per i quali in molti hanno fatto ricorso alla moratoria di sospensione temporanea dei pagamenti. Sempre secondo i dati emersi dall’indagine Bankitalia, la quota di persone indebitate è più elevata nel Centro e nel Mezzogiorno. Fra coloro che hanno un finanziamento per credito al consumo, la percentuale di individui in difficoltà con il pagamento della rata è del 34%. La crisi economica cambia inevitabilmente anche le abitudini delle famiglie: circa il 30% della popolazione dichiara di non potersi permettere di andare in vacanza questa estate e quasi il 60% ritiene che anche quando l’epidemia sarà terminata le proprie spese per viaggi, vacanze, ristoranti, cinema e teatri saranno comunque inferiori a quelle pre-crisi.

Leggi anche: Coronavirus: milioni di famiglie italiane in serie difficoltà economiche

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Maxi concorso al Comune di Roma: 1500 nuove assunzioni. Tutto quello che c’è da sapere

L’atteso concorso annunciato dal Campidoglio probabilmente sarà pronto per la seconda metà di agosto. Si cercano 1500 dipendenti in diversi profili, da assumere entro la primavera 2021. Causa Covid, le selezioni avverranno a distanza.

Ultimi

Stanchezza da pandemia: perché siamo più tristi e tesi?

Di recente sentiamo spesso parlare di stanchezza da pandemia. Ma di cosa...

Da Federica Pellegrini a CR7, così il Covid-19 colpisce lo sport

Non solo il calcio, in queste settimane tutto lo sport italiano ha...

Tra coprifuoco e mini lockdown, la lenta chiusura dell’Italia. Ecco dove

L'ultimo Dpcm mira ad evitare un nuovo lockdown, ma non consente nemmeno...

Nuove graduatorie e concorso per la scuola

Sono ormai pubblicate in tutta Italia le graduatorie...

Lago d’Aral, la rinascita di un tesoro quasi scomparso

Un tempo era uno degli specchi d’acqua tra i più grandi al mondo, oggi è considerato uno dei più gravi disastri ambientali del Pianeta. Dagli anni 90 si lavora per la rinascita del lago d'Aral.