Home»Digital Life»Bambino autistico piange il primo giorno di scuola, l’amico lo prende per mano e lo accompagna

Bambino autistico piange il primo giorno di scuola, l’amico lo prende per mano e lo accompagna

La storia di Connor e Christian, due bambini di 8 anni che dal Kansas hanno insegnato agli adulti che l’amicizia va oltre ogni stigma sociale.

3
Condivisioni
Pinterest Google+

Sono così fiera di mio figlio. Un bambino era rannicchiato in un angolo a piangere, lui gli è andato vicino per consolarlo, lo ha preso per mano ed è entrato con lui a scuola! Mi sento onorata di aver cresciuto un bambino così, ha un cuore grande.

È così che Courtney Moore ha raccontato il primo giorno di scuola di suo figlio Christian, in un post che dalla Minneha Elementary School nel Kansas è rimbalzato sul web fino a raggiungere gli schermi della ABC. Ma perché una storia di amicizia tra due bambini dovrebbe fare tanto scalpore? È presto detto: Connor Crites, il bambino che piangeva in un angolo davanti alla scuola, è affetto da autismo. Il piccolo Connor ha cominciato a parlare a 5 anni e il rientro a scuola ha avuto un forte impatto psicologico su di lui e lo ha paralizzato, almeno fino a che Christian non è riuscito a dargli coraggio.

Lo stesso Connor ha raccontato l’esperienza durante un’intervista a una tv locale dicendo che il gesto di Christian lo aveva reso felice. Altrettanto commossa la madre del piccolo, April Crites, che ha ringraziato con queste parole:

È tutto ciò che posso chiedere, che qualcuno si apra nei confronti di mio figlio in quel modo. Temo ogni giorno che qualcuno riderà di lui perché non parla correttamente o perché non sta fermo, sono così felice che abbia un amico.

Anche sui social stanno arrivando commenti di sostegno per Connor e per l’amicizia nata tra i due ragazzini, un legame che non si è lasciato scoraggiare da nessuno stigma, sia esso legato alla razza o alla condizione mentale.

Leggi anche: La lezione d’amore di Giona Tuccini, primo padre single italiano

 

di Marianna Chiuchiolo

Articolo Precedente

Il rientro al lavoro ti spaventa? Supera lo stress in 5 passi

Articolo Successivo

Cancro: perché lo psicologo può fare la differenza

Nessun Commento Presente

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *