Home Innovazione Bambina recupera l’udito grazie alla ricostruzione dell’orecchio in 3D

Bambina recupera l’udito grazie alla ricostruzione dell’orecchio in 3D

0
Bambina recupera l’udito grazie alla ricostruzione dell’orecchio in 3D
Una piccola paziente ipoacustica recupera l’udito grazie a un intervento di ricostruzione 3D dell’osso temporale.

È successo a Napoli, all’ospedale pediatrico Santobono-Pausillipon. Una piccola paziente ipoacustica recupera l’udito grazie a un intervento di ricostruzione 3D dell’osso temporale. La patologia le ha causato un grave deficit uditivo e quindi problemi di apprendimento scolastico. Con l’ausilio della tecnologia 3D le è stata costruita una protesi estetica che aumentasse la capacità di comprensione della bambina. L’intervento è stato eseguito dall’Unita operativa di Chirurgia protesica della Sordità Infantile. 

Il planning chirurgico

L’intervento a cui si è sottoposta la piccola paziente ipoacustica è stato realizzato grazie a una tecnica innovativa in campo otochirurgico. La bambina era affetta da Atresia Auris, una malformazione congenita con assenza del padiglione auricolare, del condotto uditivo esterno e dell’orecchio medio. Quindi è stato necessario ricostruire la forma esatta dell’orecchio acquisita mediante TAC. Poi, grazie all’utilizzo di moderni software per l’elaborazione delle immagini, la zona di interesse è stata stampata con tecnologia 3D. Per stabilire la strategia operatoria con estrema precisione l’equipe ha effettuato un planning chirurgico pre-operatorio, simulando più volte l’intervento.

Leggi anche: Milano, 18enne salvato da trapianto record ai polmoni: il Covid glieli ha bruciati

Un passo avanti nella scienza

Lo scorso ottobre un simile intervento è stato eseguito all’ospedale Meyer di Firenze. Il piccolo paziente presentava una patologia diversa, ma l’impostazione dell’operazione è stata simile. Chirurghi e ingegneri della stampa 3D hanno collaborato nelle sale operatorie ed è stata necessaria una lunga preparazione per eseguire un intervento unico nel suo genere. Nel caso del Meyer il bambino non aveva sviluppato un deficit uditivo, ma ha spiegato il capo dell’equipe chirurgica Flavio Facchini, specialista in Chirurgia Plastica e Ricostruttiva:

Lui non aveva problemi di udito, ma la malformazione gli creava grande disagio. Per un bambino con una malformazione che era così evidente, il recupero estetico acquista una grande valenza psicologica e sociale.

Il sodalizio tra medicina e tecnologia 3D continua a garantire ottimi risultati.

Leggi anche: Trapianto da record: 4 organi su un solo paziente, è la prima volta in Europa

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here