martedì, Ottobre 27, 2020

Attentato a Parigi, accoltellate quattro persone davanti alla sede di Charlie Hebdo

A Parigi, è di nuovo attentato. Quattro persone sono state accoltellate da un uomo con machete o coltello, di fronte alla ex sede di Charlie Hebdo. Attentato a Parigi in questo momento così difficile per via della pandemia da Covid.

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

Attentato a Parigi, vicino alla sede del giornale Charlie Hebdo. La capitale francese torna a vivere un incubo. Un tweet della polizia ha invitato gli abitanti a tenersi lontani dalla zona di boulevard Richard Lenoir, proprio vicino la ex sede della redazione di Charlie Hebdo. Sono state accoltellate almeno quattro persone che non sarebbero in pericolo di vita, anche se gravi.

Parigi, è attentato

Torna la paura a Parigi, proprio su quella dannata rue Nicolas Appert, dove nel 2015 si è consumato l’attentato al giornale satirico Charlie Hebdo che ha ucciso dodici persone. Secondo alcune ricostruzioni, un uomo armato di un machete o coltello ha aggredito quattro persone, due sarebbero molto gravi. La prima vittima sarebbe una donna, accoltellata davanti al disegno delle vittime di Charlie Hedbo. Proprio sul muro accanto all’ingresso della ex redazione. C’è stata anche allerta per la possibile presenza di un ordigno esplosivo, poi rientrata. L’attacco è avvenuto alla stessa ora dell’attentato del 7 gennaio 2015, poco dopo le 11 e 30. Fermato un sospettato vicino alla place de la Bastille, sporco di sangue. Si parla di un giovane di 18 anni di origine pakistana.

Leggi anche: Francia, sventato attentato in stile 11 settembre: arrestato un uomo

Attentato a Parigi, cosa è successo

Nell’edifico di fronte al quale è avvenuto l’accoltellamento delle quattro persone a Parigi, si trova l’agenzia Première ligne. Secondo quanto si apprende, due dei quattro feriti sarebbero dipendenti della società di produzione, usciti in quel momento per una pausa, quando sono stati attaccati. I giornalisti di Première ligne, 5 anni fa, furono i primi a diffondere le foto dei due killer, i fratelli Kouachi, in fuga dopo la strage alla redazione del giornale Charlie Hebdo.

Leggi anche: Inferno a Beirut, proteste contro il Governo. Macron: “Serve patto politico”

Parigi, una ferita in piena emergenza da Covid

In questo difficile momento, in cui la Francia è per metà zona rossa per via del drastico aumento dei contagi da Coronavirus, questo nuovo attentato a Parigi ferisce ancora più profondamente una comunità già provata. Il primo ministro francese, Jean Castex, è atteso alla cellula di crisi allestita al ministero dell’Interno.

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Maxi concorso al Comune di Roma: 1500 nuove assunzioni. Tutto quello che c’è da sapere

L’atteso concorso annunciato dal Campidoglio probabilmente sarà pronto per la seconda metà di agosto. Si cercano 1500 dipendenti in diversi profili, da assumere entro la primavera 2021. Causa Covid, le selezioni avverranno a distanza.

Ultimi

Il senato USA ratifica la nomina alla Corte Suprema di Amy Coney Barrett

Amy Coney Barrett, fortemente suggerita da Donald Trump come sostituta della oramai...

Conte agli italiani: “Le misure sono dure, ma il decreto garantisce soldi certi e rapidi”

“Il Dpcm è nato da un lungo confronto. Queste misure non sono in discussione. Piuttosto vanno spiegate a una popolazione in sofferenza, che legittimamente chiede di capire i motivi delle scelte del governo”.

Mini lockdown, proteste e scontri in tutta Italia: Napoli, Milano e Torino sotto assedio

Proteste da oggi pomeriggio: tutta Italia contro il mini lockdown del premier...

Mara Carfagna diventa mamma, è nata Vittoria

Fiocco rosa all'interno di Forza Italia, la deputata Mara Carfagna ha dato...

Conte risponde al Maestro Muti: “Scelta grave ma necessaria”

L'appello del direttore d'orchestra Riccardo Muti lanciato al Premier Conte dalle pagine...