Arriva il murale dedicato a Michela Murgia: “Ci ha donato nuovi strumenti per leggere la realtà”

"Ricordatemi come vi pare" è il murale dedicato a Michela Murgia che capeggerà sul Municipio V in Via di Torre Annunziata 1: tutti i dettagli.

Ilaria De Santis
Ilaria De Santis
Classe 1998. Esperta in Editoria e scrittura, è molto attenta ai dettagli, scrive poesie e canzoni ed è appassionata di musica, serie TV e sceneggiatura. “In tristitia hilaris, in hilaritate tristis”.
spot_img

Tra qualche giorno tutta la Capitale potrà ammirare un nuovo murale di 100mq dedicato a Michela Murgia, scrittrice, attivista, e critica letteraria scomparsa il 10 agosto 2023. Quest’opera fa parte del progetto Ricordatemi come vi pare ― dal libro postumo omonimo uscito lo scorso aprile ― curato da Pietro Turano per Arcigay Roma della Capitale e sarà a breve completato dalla street artist Laika.

Autorizzato dal Municipio V in Via di Torre Annunziata 1, il progetto è appoggiato dalle case editrici Einaudi, Mondadori e Rizzoli e inaugurato giovedì 11 luglio alle 0re 19:00, in memoria di una delle più grandi personalità che l’Italia ha conosciuto nell’ambito letterario contemporaneo.

Leggi anche: Il libro postumo di Michela Murgia spiega la crisi culturale e politica di oggi: che cos’è la democratura?

Qual è l’obiettivo del murale intitolato e dedicato a Michela Murgia?

L’obiettivo del murale non è solo onorare il ricordo di Michela Murgia, ma, come sottolinea il vicepresidente di Arcigay Roma in un post diffuso sulla pagina Instagram dell’associazione, è un regalo a tutta la comunità queer della Capitale:

Tutta la città di Roma e la comunità queer di tutto il paese sono particolarmente legate a Michela Murgia, che oltre ad aver supportato le attività della nostra associazione ha portato avanti una fondamentale elaborazione sul queer, la genitorialità e le famiglie, la violenza di genere patriarcale e omotransfobica.

È stata in vita, ed è ancora per tutte e tutti, un riferimento insostituibile.

Quest’opera non è un santino, ma un regalo alla comunità e alla città, per celebrare insieme una donna che ci ha donato strumenti e nuove lenti per leggere la nostra realtà e orientarci.

Il murale è ancora in fase di realizzazione da parte della street artist Laika MCMLIV, la quale ama definirsi come ‘attacchina‘ ― dal 2019 ― e ‘una donna che con ironia interpreta la realtà’. Ecco quali sono state le sue parole, come riporta ancora la pagina Instagram di Arcigay Roma:

Sapere che Michela Murgia faccia ancora tanto rumore mi riempie di gioia.

Questo murale vuole essere un raggio di luce in un momento storico buio, in cui si cerca di cancellare i progressi fatti in termini di diritti, ostacolando ogni possibile passo avanti.

Perché il murale ha già destato polemiche?

Sebbene la sua inaugurazione sia prevista per l’11 luglio, la notizia della sua realizzazione ha già destato alcune polemiche, in particolare da parte di Pro Vita & Famiglia. Il portavoce dell’associazione, Jacopo Coghe, come riporta “ANSA” ha così dichiarato in merito:

Il movimento Lgbtqia+ continua a sfruttare i beni pubblici dei romani, con la complicità del Partito Democratico, per imporre a tutta la collettività la sua propaganda politica e ideologica […]

Il PD intende promuovere l’iniziativa di Arcigay anche coinvolgendo le scuole locali in attività di sensibilizzazione e approfondimento su Michela Murgia, un’intellettuale di estrema sinistra fortemente orientata in senso ideologico, in particolare sulle istanze politiche Lgbtqia+ e abortiste.

Sul progetto Ricordatemi come vi pare sono sorte delle critiche anche da parte del consigliere di Fratelli d’Italia, Daniele Rinaldi, sollevando alcuni dubbi in merito alla sicurezza:

Per permettere la realizzazione del murale è stato interdetto l’accesso pedonale al municipio e questo sta creando dei disagi importanti, perché viene utilizzato in maniera impropria il passo carrabile.

La risposta di Laika

Laika MCMLIV ha risposto così alle critiche sorte sul murale di sua creazione come riporta “Open”:

Questa grande opera la dedico a Michela, che ci manca, ma è sempre con noi, e alla sua famiglia, ma anche a Pietro Turano e il mio team che è la mia famiglia, quella che mi sono scelta.

Io non mi faccio dare lezioni da una compagine politica che critica un murales […]

A Pro Vita & famiglia chiedo di sorridere ogni tanto, siamo in democrazia (per ora) e nessuno vi impedirà di non abortire, di sposarvi e fare famiglia secondo il vostro credo, la stessa libertà deve valere per tutt*.

Leggi anche: Perché “Dare la vita” di Michela Murgia è un meraviglioso manifesto di libertà

spot_img

Correlati

Premio Strega, vince Donatella Di Pietrantonio con L’età fragile: “La mia voce per i diritti delle donne”

Donatella Di Pietrantonio vince la 78esima edizione de il Premio Strega 2024 con L'età...

Una casa editrice porterà il nome di Silvio Berlusconi: libertà, traduzioni, autori contemporanei

Nasce la Silvio Berlusconi Editore, nuovo progetto del Gruppo Mondadori. Il lancio è previsto...

Nikolaj Vavilov, quel genio della genetica eroe della “biodiversità”

Cosa succede quando la scienza viene asservita alla politica? La storia di Nikolaj Ivanovič...
Ilaria De Santis
Ilaria De Santis
Classe 1998. Esperta in Editoria e scrittura, è molto attenta ai dettagli, scrive poesie e canzoni ed è appassionata di musica, serie TV e sceneggiatura. “In tristitia hilaris, in hilaritate tristis”.
spot_img