domenica, Gennaio 24, 2021

Decreto ristori quater, Gualtieri: “Non siete soli, lo Stato è al vostro fianco”

Finalmente buone nuove dal Consiglio dei Ministri: il decreto ristori quater, 8 miliardi di aiuti ad attività e lavoratori in difficoltà. Tasse rinviate ad aprile e fondi per esonerare alcune categorie.

Asia Solfanelli
Asia Solfanelli
Intraprendente e instancabile penna, poliglotta, appassionata lettrice e avida viaggiatrice. Sviscerata amante del cinema. E ultimo, ma non per importanza, eterna studiosa, perché non si finisce mai d’imparare.

Decreto ristori quater: con l’approvazione dell’ultimo decreto sui ristori economici arrivano, finalmente, buone notizie. Entro domani sera in gazzetta ufficiale il provvedimento per lo stanziamento di 8 miliardi di euro. Due terzi del valore complessivo corrispondono alle scadenze fiscali di novembre e dicembre per imprese e professionisti, già rinviate alla prossima primavera.

Si aggiungano a questi i 700 milioni del bonus Natale: 1000 euro per i precari impegnati in turismo, strutture termali e spettacolo, 800 per i lavoratori del settore sportivo. Il pagamento previsto per il prossimo anno dovrà però assolvere le detrazioni fiscali in un unica soluzione.

Decreto ristori quater: 8 miliardi di buone notizie

Arriva il fondo per finanziare l’esonero totale o parziale dal versamento di imposte e contributi nel 2021. L’obiettivo è quello di creare un fondo a sostegno di coloro che nel 2020 hanno beneficiato di misure fiscali e di ristoro come supporto per aver riscontrato significative perdite di fatturato. “Chi è colpito dalla crisi provocata dal Covid troverà sempre lo Stato al suo fianco” ha detto il ministro Roberto Gualtieri in prima linea a rassicurare i cittadini.

Abbiamo atteso, ma finalmente qualche buona notizia si scorge all’orizzonte. Il nuovo decreto ristori quater è arrivato e dovrebbe essere integrato ai tre precedenti in uno unico ed entrare in vigore già da domani. Il Ministro dell’Economia e delle Finanze commenta:

Continuiamo a sostenere lavoratori, partite Iva e imprese con il rinvio delle principali scadenze fiscali e con altre importanti misure. Ampliamo ulteriormente la platea delle attività oggetto dei contributi a fondo perduto con l’ingresso di diverse categorie di agenti e rappresentanti di commercio.

Leggi anche: Decreto Ristori, come fare per ricevere gli aiuti

Decreto ristori quater: lo Stato interviene all’emergenza pandemica, tasse rinviate

Decreto ristori quater
Decreto ristori quater: l’intervento dello stato all’emergenza pandemica.

Il Ministro Gualtieri spiega:

con questo nuovo decreto rinviamo al 30 aprile 2021 i versamenti del secondo acconto dell’Irpef, dell’Ires e dell’Irap a tutte le partite iva e alle imprese che nel 2019 hanno conseguito ricavi fino a 50 milioni e subito una perdita di almeno il 33% rispetto al primo semestre 2019.

Usufruiranno della medesima proroga i soggetti che operano nei settori economici individuati dal Decreto Ristori bis e i gestori di ristoranti nelle zone arancioni.

Quindi, se per coloro che beneficiano della rottamazione ter e del saldo e stralcio rate rimandate al prossimo anno, al 1 marzo 2021, anche per il versamento degli acconti di Irpef, Ires e Irap si prevede per tutti una mini-proroga: dal 30 novembre al 10 dicembre.

Decreto ristori quater: deroghe speciali

Arrivati al 10 dicembre, la dilazione delle tasse potrà essere estesa fino al 30 aprile 2021, con sospensione di tributi e contributi da versare a dicembre, se: si registra un calo nei ricavi pari al 33% tra il primo semestre del 2020 rispetto allo scorso anno, e se il fatturato è compreso in 50 milioni di euro annui. Nessuna verifica del fatturato per tutte le imprese e i professionisti in zona rossa e per i ristoranti in zona arancione. Stop ai versamenti anche per chi ha aperto l’attività dopo il 30 novembre 2019.

Da notare: clausola salvaguardia a favore, ad esempio, di Lombardia e Piemonte, da ieri zone arancioni, ma comunque esentate dall’obbligo di dimostrare perdite per un terzo del fatturato. Stesso discorso per i ristoratori passati ieri in zona gialla.

Ristori quater e il bonus Natale

Decreto ristori quater e bonus Natale
Decreto ristori quater e bonus Natale.

Bonus Natale per un valore complessivo di 700 milioni: 1000 euro per lavoratori precari di turismo, infrastrutture termali e spettacolo, ma anche per stagionali non del turismo, somministrati, lavoratori a chiamata, venditori a domicilio, intermittenti, autonomi privi di partita Iva iscritti alla gestione separata Inps. 800 euro, invece, per coloro impiegati nel settore dello sport. Non solo, contributi a fondo perduto anche per categorie fin’ora esenti: agenti e rappresentanti di commercio.

Ristori quater sui settori in crisi

Ancora il Ministro dell’Economia Gualtieri:

Consapevoli che ci sono dei settori che stanno soffrendo di più abbiamo dedicato una particolare attenzione al turismo, allo spettacolo e allo sport.

Settori in crisi, ristori quater interviene contro l’emergenza pandemica: 90 milioni di euro per spettacolo, cinema e audiovisivo, 92 milioni per associazioni e società sportive dilettantistiche, ma anche 10 milioni per agenzie di viaggio e tour operator, nonché guide e accompagnatori turistici. Da aggiungere, 350 milioni di euro al fondo per i ristori delle perdite subite dal settore delle fiere e dei congressi.

In piena crisi pandemica e in vista di un Natale sicuramente più malinconico, oggi, il decreto ristori quater ci lascia fare almeno un piccolo sospiro di sollievo, o almeno questo è l’auspicio dei nostri Ministri. Ma saranno davvero mai colmate le nostre perdite?

Leggi anche: Conte agli italiani: “Le misure sono dure, ma il decreto garantisce soldi certi e rapidi”

Asia Solfanelli
Asia Solfanelli
Intraprendente e instancabile penna, poliglotta, appassionata lettrice e avida viaggiatrice. Sviscerata amante del cinema. E ultimo, ma non per importanza, eterna studiosa, perché non si finisce mai d’imparare.

Ultime notizie

Giornata mondiale dell’educazione 2021, in piena pandemia più sentita che mai

Il 24 gennaio si celebra la Giornata mondiale dell'educazione, perché l'educazione è...

E oggi si muore anche di social, su Tik Tok

La vicenda è drammaticamente nota: una bambina di Palermo ha partecipato sul...

Dante 2021, 5 cose da vedere a Firenze tra i luoghi del Sommo Poeta

Quest’anno sarà speciale. Pronti a celebrare i 700 anni dalla morte di...

Gli organi della piccola Antonella, morta a 10 anni per una sfida social, salveranno tre bambini

Gli organi di Antonella Sicomero, morta per una presunta challenge su Tik Tok, sono stati espiantati e destinati a tre piccoli pazienti. Intanto la procura della Repubblica indaga per istigazione al suicidio.

Smog, rapporto Mal’Aria 2020: ecco le città italiane più inquinate. Torino in testa

Ecco i nuovi dati dello studio sullo smog in città raccolti da Legambiente nel report Mal’aria 2020. L'associazione ambientalista ha stilato una pagella sulla qualità dell’aria di 97 città italiane.