giovedì, Dicembre 2, 2021

Arabia Saudita, scarcerato dopo 10 anni Ali al-Nimr: arrestato a 17 anni durante alcune proteste

Il caso di Ali al-Nimr era diventato di portata internazionale dopo la sua condanna a morte seguita all'arresto. La pena è stata poi commutata in 10 anni di carcere che il giovane ha finalmente finito di scontare da prigioniero politico.

Tommaso Panza
Salentino, classe 1993. Una laurea in mediazione linguistica. Fondazione Basso(Roma). Amante della lettura e del cinema, in particolare delle opere che raccontano spaccati di realtà. Deciso sin da piccolo a diventare un giornalista.

L’Arabia Saudita ha scarcerato dopo 10 anni Ali al-Nimr, un manifestante il cui arresto all’età di 17 anni e la condanna a morte avevano suscitato scalpore a livello internazionale.

La gioia della famiglia di Ali al-Nimr seguita alla scarcerazione dopo 10 anni in Arabia Saudita

La gioia della famiglia di Ali al-Nimr seguita alla scarcerazione dopo 10 anni in Arabia Saudita

Scarcerato dopo 10 anni di detenzione in Arabia Saudita, lo zio di Nimr, Jaafar al-Nimr, ha pubblicato una foto di suo nipote su Twitter poco dopo aver lasciato la prigione.

Anche il padre di Nimr, Mohammed, ha twittato i suoi ringraziamenti ad amici e familiari per aver sostenuto la loro lotta nel corso degli anni.

Ha anche ringraziato il re dell’Arabia Saudita Salman per “la storica decisione dell’aprile 2020, che ha stabilito di interrompere l’emissione e l’esecuzione di condanne a morte contro i minori”.

Taha al-Hajji, avvocato della famiglia Nimr e di altri prigionieri politici, ha detto a Middle East Eye di aver accolto con favore il rilascio di Nimr e di sperare in “notizie simili” per gli altri prigionieri politici:

Ali e i suoi compagni non hanno commesso un peccato che meriti una punizione o un crimine, e la nostra principale richiesta è di riabilitarli e risarcirli per i giorni di oppressione, ingiustizia e tortura – ma non posso negare che questo passo sia confortante

Anche se non rende loro giustizia, perché partecipare a manifestazioni ed esprimere opinioni è un diritto e non un reato da punire.

Sui social è stato anche diffuso l’emozionante video in cui Al al-Nimr scarcerato dopo 10 anni riabbraccia la madre.

Esecuzioni di massa in Arabia Saudita

Nimr è stato arrestato nel febbraio 2012 durante le proteste antigovernative ispirate alla Primavera araba. Membro della minoranza musulmana sciita del regno, che è stata a lungo perseguitata, nipote dell’influente religioso Nimr al-Nimr.

Nimr al-Nimr è stato condannato e in seguito ucciso in Arabia Saudita nel 2016, portando ad una grande mobilitazione internazionale-

Le autorità saudite hanno emesso una condanna a morte contro Ali al-Nimr nel 2014 per accuse che includevano il possesso di armi da fuoco e rapina a mano armata, accuse contestate dalle organizzazioni per i diritti umani.

Da allora, il regno ha eseguito centinaia di esecuzioni, con 184 uccisi solo nel 2019 e dozzine eseguite nel 2021 finora.

Nell’aprile 2019, sei giovani condannati a morte per crimini commessi da bambini sono stati uccisi in un’esecuzione di massa di 37 persone.

Tuttavia, l’Arabia Saudita ha annunciato nel 2020 avrebbe abolito la pena di morte per i minori nel regno, affermando che “nessuno in Arabia Saudita sarà giustiziato per un crimine commesso da minorenne”.

Nel marzo 2021, il regno ha poi commutato le condanne a morte per un certo numero di minorenni, tra cui Nimr, Dawood al-Marhoun e Abdullah al-Zaher.

“Siamo felicissimi che Ali sia stato rilasciato, ma non avrebbe mai dovuto essere mandato in prigione, poiché il suo unico ‘crimine’ è stato partecipare alle proteste per rivendicare i diritti democratici”, ha detto Maya Foa, direttrice dell’organizzazione benefica contro la pena di morte Reprieve.

Nonostante le affermazioni del regno, ci sono ancora un certo numero di minorenni condannati a morte, con le autorità saudite che hanno confermato ad aprile che i condannati per reati di hudud  e qisas – definiti dal regno come “omicidio volontario e aggressione volontaria” – sarebbero ancora ammissibili per l’esecuzione.

A luglio, il Parlamento europeo ha approvato una risoluzione che condanna l’uso della pena di morte da parte dell’Arabia Saudita, in particolare contro i minorenni.

La risoluzione, approvata a stragrande maggioranza, si concentrava sui casi di Mustafa Hashem al-Darwish e Abdullah al-Howaiti.

Darwish, arrestato nel 2015, è stato giustiziato a giugno per accuse relative alle proteste nella provincia orientale dell’Arabia Saudita a cui ha preso parte quando aveva 17 anni.

Hajji, l’avvocato di Nimr, ha affermato che l’affermazione dell’Arabia Saudita di aver posto fine alle esecuzioni di minori era un tentativo di “sbiancare” la sua reputazione, ma sfortunatamente non è andata abbastanza lontano.

“Auguriamo sicurezza a tutti e speriamo che l’Arabia Saudita dimostri la sua serietà e sincerità nel fermare l’uccisione di minori”, ha detto.

Leggi anche: Arabia Saudita, incidente nel deserto: muoiono tre ballerini italiani precipitando da una scarpata

Tommaso Panza
Salentino, classe 1993. Una laurea in mediazione linguistica. Fondazione Basso(Roma). Amante della lettura e del cinema, in particolare delle opere che raccontano spaccati di realtà. Deciso sin da piccolo a diventare un giornalista.

Ultime notizie