lunedì, Agosto 8, 2022

Arabia Saudita, incidente nel deserto: muoiono tre ballerini italiani precipitando da una scarpata

Tre ballerini italiani sono morti a Riyad, in un incidente d'auto nel deserto dell'Arabia Saudita. Si trovavano in tournèe con la loro compagnia di ballerini tutti italiani.

Michela Sacchetti
Intuitiva, con un occhio attento alla realtà e alla sua evoluzione, attraverso una lente di irrinunciabile positività. Vede sempre nella difficoltà un’occasione preziosa per migliorarsi da cogliere con entusiasmo.

Tre ballerini italiani hanno perso la vita sabato a Riyad, nel deserto dell’Arabia Saudita, dove si trovavano per esibirsi in tournèe. Le due auto su cui viaggiavano i tre giovani, insieme a due persone del posto, sono precipitate da una scarpata. I tre ballerini, Antonio Caggianelli, Nicolas Esposto e Giampiero Giarri, sono morti sul colpo insieme ad un’altra persona del posto. Degli altri tre italiani coinvolti nell’incidente, due sono illesi e una ha riportato lesioni gravi.

La Farnesina, tramite l’ambasciata d’Italia, ha prestato subito assistenza alle famiglie, che questa mattina hanno raggiunto Riyad per i riconoscimenti.

Chi sono i tre ballerini italiani morti a Riyad

tre ballerini italiani_

Caggianelli, 33enne di Bisceglie, Esposto di San Giovanni Gemini, in provincia di Agrigento, e Giarri 32enne di Tivoli sono i tre ballerini italiani che sono morti in un incidente d’auto a Riyad, nel deserto dell’Arabia Saudita.

Il sindaco di Bisceglie, Angelantonio Angarano, ha ricordato Antonio Caggianelli come un ragazzo vitale e intraprendente, che si è fatto apprezzare e voler bene. L’oratorio “don Michele Martorana” e la comunità ecclesiale di San Giovanni Gemini hanno commentato su Facebook la scomparsa di Nicolas Esposto, “figlio di questa terra e di questa comunità, che lo ha visto crescere tra le proprie mura come animatore dell’oratorio. Già da allora promettente ballerino professionista, con grande passione e amore per la danza, trasmettendola ai bambini”. Mentre su Facebook il sindaco di Ardea ha ricordato Giampiero Giarri. Ecco le parole da lui utilizzate:

Giampiero era un affermato ballerino, nato a Tivoli nel 1989, pometino di adozione. Si era trasferito tre anni fa a Tor San Lorenzo (frazione del paese, ndr) dove viveva con la mamma Michela.

A nome dell’amministrazione tutta porgo alla madre le nostre più sentite condoglianze.

I tre ballerini italiani si trovavano in tournèe con la loro compagnia composta da dieci danzatori, tutti italiani. Il corpo di ballo di “Aggiungi un posto a tavola”, produzione del Brancaccio di Roma, era a Riad per l’inaugurazione di un teatro. I ragazzi avevano approfittato del giorno libero per fare una gita nel deserto, che però si è rivelata fatale. Non si conoscono di preciso le cause dell’incidente.

Leggi anche: Brescia, colpo di fucile uccide una 15enne: è stato il fratellino di 13 anni

Michela Sacchetti
Intuitiva, con un occhio attento alla realtà e alla sua evoluzione, attraverso una lente di irrinunciabile positività. Vede sempre nella difficoltà un’occasione preziosa per migliorarsi da cogliere con entusiasmo.

Ultime notizie