sabato, Luglio 2, 2022

Anna Frank e la sua famiglia furono traditi da un notaio ebreo

Anna Frank e la sua famiglia furono traditi da un notaio ebreo che disse ai nazisti dove si nascondevano i Frank per salvare se stesso e la sua stessa famiglia dai campi di concentramento.

Tommaso Panza
Salentino, classe 1993. Una laurea in mediazione linguistica. Fondazione Basso(Roma). Amante della lettura e del cinema, in particolare delle opere che raccontano spaccati di realtà. Deciso sin da piccolo a diventare un giornalista.

Anna Frank e la sua famiglia furono traditi. Un team di ricercatori ha affermato di aver identificato la persona che consegnò Anna Frank e la sua famiglia ai nazisti 80 anni fa: un notaio ebreo costretto a lavorare per i nazisti per evitare il campo di concentramento.

Anna Frank e la sua famiglia traditi: un notaio ebreo svelò ai nazisti il loro nascondiglio

Anna Frank e la sua famiglia traditi: un notaio ebreo svelò ai nazisti il loro nascondiglio

L’uomo identificato è stato individuato dopo 80 anni da una squadra che ha lavorato su uno dei più famosi cold case (casi irrisolti) della storia, ci sono voluti sei anni per identificare i responsabili della scoperta di Anna Frank e la sua famiglia da parte delle autorità naziste nell’Amsterdam occupata, il suo nome era Arnold van den Bergh, notaio e membro del Jewish Council, che i nazisti stabilirono per controllare meglio gli ebrei olandesi.

L’accusa è delineata in “The Betrayal of Anne Frank” – Il tradimento di Anna Frank, un libro pubblicato proprio ieri dall’autrice canadese Rosemary Sullivan

Il libro descrive in dettaglio il lavoro di una squadra guidata da Vince Pankoke, un agente dell’FBI in pensione, che si proponeva di rispondere a una domanda che ha confuso i ricercatori da quando Otto Frank, il padre di Anna Frank, pubblicò per la prima volta il suo diario nel 1947 e trasformò sua figlia in un simbolo internazionale.

La squadra del cold case ha scoperto una lettera inviata anonimamente nel 1945 a Otto Frank, l’unico membro della famiglia sopravvissuto all’Olocausto, secondo il libro.

“Il tuo nascondiglio ad Amsterdam a quel tempo fu rivelato all”Agenzia Centrale per l’Emigrazione Ebraica ad Amsterdam da A. van den Bergh, che viveva vicino al Parco Vondel” – diceva la lettera.

Un ricercatore che indagava sulla collaborazione tra olandesi e nazisti ha ricevuto la lettera da Otto Frank nel 1963, ma la sua esistenza non era ampiamente conosciuta.

Frank aveva detto in passato che la sua famiglia era stata tradita dagli ebrei, riportava il giornale, ma non aveva mai nominato pubblicamente van den Bergh.

Il notaio ebreo sopravvisse all’Olocausto, rendendolo parte di una piccola minoranza di ebrei olandesi sopravvissuti per aver tradito altri ebrei, e morì nel 1950.

Nel corso degli anni, i ricercatori hanno presentato varie ipotesi su chi potrebbe aver venduto Anna Frank e la sua famiglia ai nazisti, sebbene nessuno dei sospetti fosse accertato in nessun modo.

Un libro del 2015 ha identificato Nelly Voskuijl, una nipote dell’attivista della resistenza olandese Elisabeth “Bep” Voskuijl, come la persona che probabilmente aveva tradito Anna Frank e la sua famiglia. 

Il libro affermava che Nelly Voskuijl era una collaboratrice nazista che potrebbe aver rivelato dove si trovasse il nascondiglio in cui sua sorella stava aiutando i Frank a nascondersi.

Nel 2016, la Casa di Anna Frank ad Amsterdam, un museo dedicato alla memoria della famiglia, ha pubblicato uno studio secondo cui l’irruzione del 1944 nella loro casa potrebbe essere stata per il commercio illegale di razioni alimentari e altre questioni e non il risultato di un tradimento .

La squadra del cold case non può accertare con certezza che van den Bergh abbia tradito i Frank, ma ha affermato che la teoria che lo coinvolge è l’unica supportata da prove.

In una colonna pubblicata lunedì sul quotidiano conservatore olandese Reformatorisch Dagblad, il rabbino capo olandese Binyomim Jacobs ha condannato l’accusa, definendola “non etica” perché non era certo che van den Bergh avesse commesso gli atti a lui attribuiti e non fosse in grado di difendersi.

Leggi anche: Le scuole naziste d’élite seguivano il modello delle scuole private britanniche

Tommaso Panza
Salentino, classe 1993. Una laurea in mediazione linguistica. Fondazione Basso(Roma). Amante della lettura e del cinema, in particolare delle opere che raccontano spaccati di realtà. Deciso sin da piccolo a diventare un giornalista.

Ultime notizie