giovedì, Dicembre 1, 2022

Perché un amore virtuale può portare al suicidio: la storia di Daniele

Un ragazzo di 24 anni di Forlì si è tolto la vita dopo aver scoperto che la ragazza con cui aveva chattato per oltre un anno era in realtà un uomo adulto.

Melissa Matiddi
Esperta in comunicazione e digital marketing, studia lo yoga e le discipline orientali. Ama creare, leggere e viaggiare. Silenziosa ma rumorosa, è sempre pronta a varcare nuovi orizzonti.

Un amore virtuale ha condotto un giovane 24enne alla morte. La storia di Daniele è venuta fuori dopo che, Matteo Viviani, l’inviato del programma Le Iene ha raccontato questa terribile vicenda, per cui la Procura, lo scorso giugno ne ha richiesto l’archiviazione.

Il ragazzo di Forlì è stato trovato impiccato nella sua abitazione a seguito di una scoperta sconvolgente. La persona con la quale chattava da più di anno e con cui aveva scambiato circa 8.000 messaggi era in realtà un uomo di 64 anni.

La terribile scoperta ha annientato la vita di Daniele che, in quel momento di shock, ha pensato solo di farla finita.

Amore virtuale: la storia di Daniele e “Irene”

Daniele, un giovane di 24 anni, ha iniziato a chiacchierare sui social con una bellissima ragazza di 20 anni, una tale Irene Martini che giornalmente pubblicava foto mozzafiato del suo fisico.

Per lungo tempo tra i due si è consumata una vera e propria favola, un amore virtuale, che li ha portati a scambiarsi 8.000 messaggi affettuosi per più di un anno.

Il giovane completamente innamorato, lo si evince dai messaggi che la Iena Viviani ha mostrato in prima serata, parlava di matrimonio e persino di figli. D’altro canto la sua amata, non ha mai neanche per mezzo secondo, concesso il beneficio del dubbio ad un ragazzo dolce ed ingenuo che non ha pensato di chiamare al telefono Irene per sentirne la voce.

L’amore virtuale non solo ha condotto questo giovane al suicidio, ma ha pure annientato e svuotato la lucidità di un ragazzo che molto probabilmente aveva dei problemi nelle relazioni.

Amore virtuale: la disperazione spinge Daniele al suicidio

Quando comincia a trapelare che la ragazza non è chi dice di essere, dal momento che Daniele trova le sue foto sotto il nome di un altro profilo che sembra appartenere ad una modella italiana, per il giovane è l’inizio della fine.

Le fragilità emotive e sentimentali vengono fuori e il 24enne comincia a parlare di istinto e propositi suicidari. Disperato per quella che sembrava essere l’immagine perfetta di una relazione d’amore, Daniele capisce di essere stato fregato, raggirato e preso in giro.

Il 23 settembre del 2021, purtroppo, quel giovane ragazzo verrà trovato impiccato dai genitori al rientro a casa.

Per paura di essere giudicato, Daniele aveva tenuto nascosto a tutti il suo rapporto virtuale.

La storia di Daniele: vittima di una tortura psicologica perversa e spietata

La famiglia, dopo diverse ricerche, si è messa sulle tracce di questo fantomatico profilo fake per capire chi ci fosse dietro. Incrociando i dati e le informazioni su internet, si è capito che un 64enne di Forlimpopoli era Irene Martini.

L’uomo è stato denunciato e condannato solo ad una sanzione di 825 euro per il reato di sostituzione di persona. I familiari di Daniele hanno presentato un’opposizione alla richiesta di archiviazione da parte della Procura.

Il ragazzo è stato raggirato e manipolato attraverso una forma di tortura psicologica che ha causato attaccamento smisurato e dipendenza affettiva nei confronti di una donna che prontamente gli rispondeva, alternando frasi affettuose a momenti aggressivi in cui minacciava di sparire e di bloccare il contatto del giovane.

Nonostante Daniele cominciasse a nutrire dei forti dubbi rispetto alla figura di Irene, questa lo incalzava ogni volta con manipolazioni e raggiri. L’uomo che si celava dietro il profilo fake aveva intuito la natura fragile del ragazzo, ecco perché lo manovrava e lo condizionava con comportamenti tossici.

Inoltre, il 64enne si sarebbe nascosto dietro ai panni di Claudia, un’amica con cui il 24enne si confidava dei problemi amorosi e di Braim, fratello di Irene.

Amore virtuale: per il 64enne si è trattato solo “di uno scherzo”

Al microfono dell’inviato delle Iene, il 64enne che si spacciava per Irene ha risposto così:

Se quel ragazzo era uno squilibrato che colpa ne ho io.

Era uno scherzo… Non volevo che finisse così.

Eppure dal comportamento messo in atto da questo individuo sembrerebbe che controllare, dominare e manipolare il giovane gli procurasse una certa dose di godimento.

Per di più, il legale della famiglia, Sabrina Mancini, ha ricordato che: “Daniele gli aveva detto che voleva suicidarsi, ma a nostro parere l’indagato non ha fatto nulla per evitare questa tragedia.”

Leggi anche: Perché la truffa sentimentale subita da Pamela Prati è un abuso emotivo

Melissa Matiddi
Esperta in comunicazione e digital marketing, studia lo yoga e le discipline orientali. Ama creare, leggere e viaggiare. Silenziosa ma rumorosa, è sempre pronta a varcare nuovi orizzonti.

Ultime notizie