martedì, Gennaio 26, 2021

Alessia Bonari a Venezia 77: l’infermiera simbolo della lotta al Covid sul Red Carpet

Dall'inferno in corsia ai flash sul Red Carpet. Alessia Bonari a Venezia per rappresentare i colleghi infermieri, i medici e gli operatori sanitari in lotta contro il Coronavirus.

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

Alessia Bonari a Venezia 77. La 23 enne infermiera in un ospedale di Milano, nota per una sua foto sui social con il volto segnato dai lividi della mascherina dopo turni di lavoro estenuanti in un reparto Covid. Lei che è stata il simbolo della lotta contro il Coronavirus, è sbarcata al Lido per il suo primo Red Carpet, in occasione della Mostra del Cinema di Venezia.

Leggi anche: Infermiera difende la sua categoria: “Passare da eroi a stronzi di turno è un attimo”

Chi è Alessia Bonari

Il post sul profilo Instragram a corredo della foto postata da Alessia Bonari con il volto segnato dalla mascherina. Colpa dei turni estenuanti nel reparto Covid in piena emergenza da Coronavirus.

23 anni, infermiera toscana ma operativa in un nosocomio milanese. Lo scorso marzo, quando il Coronavirus aveva già messo ko le nostre vite, Alessia Bonari posta sul suo profilo Instagram una foto che ha fatto il giro del web perché raccontava, senza filtri, cosa stava passando il personale sanitario per via del Covid. Il suo volto segnato dai lividi lasciati da un prolungato uso dei dispositivi di protezione, a causa di lunghi e duri turni di lavoro in un reparto Covid, diventa virale. Da quel giorno, Alessia Bonari è diventata il simbolo della lotta contro i contagi da Coronavirus.

Leggi anche: Lo sfogo dell’infermiera di Lucca: “Imbecilli se pensate che il virus sia finito”

Alessia Bonari a Venezia 77, personaggio dell’anno

Alessia Bonari a Venezia 77. L’infermiera simbolo della lotta contro il Coronavirus in abito lungo sul Red Carpet.

In occasione dell’edizione 2020 della Mostra del Cinema di Venezia, la giovane Alessia Bonari è sbarcata al Lido per ricevere il premio di “personaggio dell’anno” organizzato da Tiziana Rocca. Sul suo primo Red Carpet, quei lividi sul viso lasciano il posto ad un timido ma rassicurante sorriso che ha conquistato Venezia. Sul Red Carpet del film “Padrenostro” con Pierfrancesco Favino, Alessia Bonari ha rappresentato gli infermieri, i medici e gli operatori sanitari che hanno combattuto in prima linea durante l’emergenza sanitaria. L’infermiera simbolo della lotta contro il Coronavirus indossava un elegante abito lungo nero. Sul suo profilo Instagram, le sue parole:

Grazie Venezia per tutto l’affetto ricevuto, ma soprattutto grazie alla mia Italia.

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

Ultime notizie

Cinque anni dalla scomparsa di Giulio Regeni, Mattarella: “L’Egitto dia risposte adeguate”

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella “in questo giorno di memoria” rinnova la solidarietà alla famiglia Regeni e chiede un impegno “comune per giungere alla verità”.

Olimpiadi Tokyo 2021, Italia verso l’esclusione. Entro mercoledì la decisione del CIO

Entro mercoledì 27 gennaio arriverà la decisione del CIO sull'esclusione dell’Italia dalle...

Covid, spunta l’idea di una zona rosso scuro in Europa: cos’è e quali le regole per viaggiare

Dall'Europa arriva l'idea di istituire la zona rosso scuro per indicare dove la circolazione del virus è molto alta. Ecco cos'è, pechè è necesssaria e quali sono le regole.

Brescia, arrestato primario: “Ha indotto la morte di pazienti Covid con farmaci non idonei”

È successo a Montechiari, presidio degli Ospedali Civili di Brescia. Il primario Carlo Mosca è ora accusato di omicidio volontario.

Manifestazioni e proteste in Russia e nel mondo per la liberazione di Alexey Navalny

Mentre l'ormai noto oppositore di Putin, Alexey Navalny, è in carcere, in Russia, ma non solo, si rivendicano democrazia e libertà e si chiede la liberazione del dissidente avvelenato.