venerdì, Gennaio 22, 2021

Addio Agitu Gudeta, uccisa da un dipendente l’imprenditrice di un’azienda agricola bio

Agitu Gudeta, uccisa da un dipendente che confessa l'omicidio e il movente: un pagamento non corrisposto.

Asia Solfanelli
Asia Solfanelli
Intraprendente e instancabile penna, poliglotta, appassionata lettrice e avida viaggiatrice. Sviscerata amante del cinema. E ultimo, ma non per importanza, eterna studiosa, perché non si finisce mai d’imparare.

Agitu Gudeta, 42 anni, etiope, gestisce con successo l’azienda agricola “La capra felice”, undici ettari e ottanta capre autoctone nella Valle dei Mocheni, in Trentino.

Simbolo di dedizione e impegno, l’imprenditrice etiope è stata uccisa nella sua abitazione. Un pastore ghanese di 32 anni, suo dipendente, confessa l’omicidio davanti ai carabinieri e al magistrato.

Chi è Agitu Gudeta?

Agitu Gudeta
Agitu Gudeta, l’imprenditrice etiope, simbolo dell’integrazione, uccisa in Trentino da un suo dipendente.

Agitu Gudeta, o meglio Agitu Ideo Gudeta, nasce ad Addis Abeba nel 1978 e studia sociologia all’Università di Trento. Dopo gli studi torna nel suo Paese, ma conflitti interni, la costringono a tornare in Italia, nella Valle dei Mocheni. Lì fonda la sua azienda agricola di prodotti bio, “La capra felice”, dove vende formaggi e prodotti cosmetici a base di latte di capra.

Tra post che decantano aria pulita e sostenibilità e con un’immagine che ritrae la giovane etiope con un sorriso smagliante, Agitu promuove la sua attività anche sui social e proprio pochi giorni fa, in prossimità delle feste, scrive:

Buon Natale a te che vieni dal sud, buon natale a te che vieni dal nord, buon natale a te che vieni dal mare, buon natale per una nuova visione e consapevolezza nei nostri cuori.

Leggi anche: Roma, Pietro Genovese condannato a otto anni per aver investito e ucciso Gaia e Camilla

L’assassinio di Agitu Gudeta

Agitu Gudeta
Agitu Gudeta, imprenditrice e gestore dell’azienda agricola bio “La capra felice”.

Soldi, il movente, uno stipendio non corrisposto, confessa il pastore ghanese, trentaduenne e suo dipendente Adams Suleimani. Guidati dal comandante provinciale Michele Capurso, i carabinieri riescono a ottenere la confessione del colpevole, che viene immediatamente portato in carcere.

Il corpo dell’imprenditrice etiope, colpita alla testa con un martello, è stato trovato in camera sua, a Maso Villalta a Frassilongo in Valle dei Mocheni tra le montagne del Trentino. L’allarme è partito da un conoscente della vittima che attendeva la stessa ad un appuntamento. I vicini di casa hanno subito avvisato le autorità e carabinieri e magistrato sono immediatamente accorsi sul posto.

Il primo sospettato contro Agitu Gudeta, un aggressore accusato di odio razziale

I primi sospetti dei carabinieri ricadono sull’uomo della Valle dei Mocheni denunciato da Agitu nel 2018 e poi condannato a nove mesi per lesioni dal Tribunale di Trento, senza però l’aggravante dell’odio razziale.

Con quel “Sporca negra te ne devi andare”, l’uomo aveva aggredito e minacciato la giovane imprenditrice etiope, nonché riaperto una ferita mai sanata, quella dell’odio e della discriminazione che scaturiscono unicamente dal colore della pelle.

Inevitabili le prime accuse, ma l’uomo viene subito giudicato estraneo ai fatti.

Leggi anche: Omicidio Colleferro, autopsia: Willy ucciso per colpi traumatici su più parti del corpo

Asia Solfanelli
Asia Solfanelli
Intraprendente e instancabile penna, poliglotta, appassionata lettrice e avida viaggiatrice. Sviscerata amante del cinema. E ultimo, ma non per importanza, eterna studiosa, perché non si finisce mai d’imparare.

Ultime notizie

Gli organi della piccola Antonella, morta per una sfida social, salveranno tre bambini

Gli organi di Antonella Sicomero, morta per una presunta challenge su Tik Tok, sono stati espiantati e destinati a tre piccoli pazienti. Intanto la procura della Repubblica indaga per istigazione al suicidio.

Smog, rapporto Mal’Aria 2020: ecco le città italiane più inquinate. Torino in testa

Ecco i nuovi dati dello studio sullo smog in città raccolti da Legambiente nel report Mal’aria 2020. L'associazione ambientalista ha stilato una pagella sulla qualità dell’aria di 97 città italiane.

Tra storia e tradizione, 5 cose da sapere sul caffè espresso

Il caffè espresso, come lo conosciamo oggi, nasce solo 80 anni fa. Ecco 5 cose che, forse, non sapete sul caffè.

Trento, somministrata soluzione fisiologica al posto del vaccino: si corre ai ripari

Centinaia tra medici, infermieri e operatori sanitari dovranno ora eseguire il test sierologico al fine di capire chi ha ricevuto il giusto farmaco e chi no.

Asia Argento racconta degli abusi subiti: “Rob Cohen mi ha drogata e violentata”

Accuse pesanti ed esplicite, sono quelle di Asia Argento contro il regista...