martedì, Ottobre 20, 2020

Napoli, a 11 anni si lancia nel vuoto in nome di Jonathan Galindo, un nuovo mortale gioco online

Sul web, la nuova sfida social con le sembianze di Pippo della Disney conta una vittima giovanissima. Il suicidio di un 11enne di Napoli per colpa di Jonathan Galindo.

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

Morire per un gioco a 11 anni. Non è impossibile, perché è accaduto ad un bambino di Napoli. Una nuova challenge sui social come fu il Blu Whale, uccide istigando al suicidio giovani innocenti. Attenzione a questo nome: Jonathan Galindo. 

Chi è e cos’è Jonathan Galindo

Jonathan Galindo è un gioco che si palesa sul web come un uomo con un cappuccio nero. Ai più piccoli ricorda Pippo della Disney. L’uomo richiede l’amicizia su ogni canale social possibile da Facebook, a Instagram, a Tik Tok, seguitissimo dai più giovani fino aTwitter. Le sue prede sono bambini o giovanissimi, alle quali lancia sfide mortali. Sono gare fatte a piccoli step, con una serie di difficoltà sempre più elevate. Questo uomo nero, è un gioco che on-line denominato Jonathan Galindo, che comprende atti di autolesionismo che possono portare anche al suicidio. Sarebbero state queste prove ad aver spinto il bimbo di Napoli a lanciarsi nel vuoto.

Leggi anche: Mafia City non è solo un videogioco

Jonathan Galindo e il bambino di 11 anni

La vittima di questo fake online, l’ennesima di situazioni gravi legate alla frequentazione del web, è un bambino di 11 anni, residente con i genitori nel quartiere Chiaia di Napoli. Secondo quanto emerso sembrerebbe che il bambino non avesse particolari problemi e che fosse sano e felice, era un piccolo sportivo, perfettamente integrato nel contesto sociale in cui viveva. Qualcosa, però, lo avrebbe turbato negli ultimi giorni, stando alle ultime dichiarazioni dei genitori che hanno fatto la drammatica scoperta. Prima di lanciarsi nel vuoto, il bimbo avrebbe lasciato un biglietto:

Mamma papà vi voglio bene ma devo seguire l’uomo NERO con il cappuccio.

Leggi anche: Educazione digitale, le scuole contro il cyberbullismo

L’allarme Jonathan Galindo

Questo gioco online fake e pericoloso non è nuovo. L’allarme Jonathan Galindo era stato lanciato la scorsa estate dal Il Resto del Carlino di Ancona. L’articolo risalente allo scorso luglio, parlava denunciava la preoccupazione di alcuni genitori per una nuova a agghiacciante sfida social, dopo l’incubo Blu Whale. Si trattava proprio di Jonathan Galindo che, come riportava l’articolo:

Alcuni genitori preoccupati per quello che sembra essere il seguito della terribile challenge della “balena blu” si sono rivolti alle forze dell’ordine per le segnalazioni. E vogliono avvertire chi ancora non conosce il fenomeno che si sta diffondendo tra gli adolescenti, specie nei social e nelle chat tra compagni di scuola di 12-13enni, di prestare la massima attenzione. Jonathan Galindo, attraverso la faccia di Pippo deformato con sembianze umane ma che provocano spavento, è già entrato in contatto con ragazzini del capoluogo dorico ma anche della provincia.

Leggi anche: Il gioco nell’era digitale: nostalgia del passato o entusiasmo per il futuro?

I bambini e il rischi del web

Questo fatto costringe nuovamente a fare delle riflessioni serie sul rapporto dei bambini con il mondo del web. Come fare per arginare i pericoli di questo mare magnum di informazioni e di incontri che internet mette a disposizione di tutti noi, con un click? Il rapporto dei più piccoli e degli adolescenti con la tecnologia è un tema importante per genitori ed educatori. Fanno parte di una generazione nativa digitale che, in maniera del tutto naturale li porta ad usare il web. Ma è importante conoscere anche i rivolti negativi del mondo online, oltre alle grandi opportunità di link e contatti che fornice.

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Maxi concorso al Comune di Roma: 1500 nuove assunzioni. Tutto quello che c’è da sapere

L’atteso concorso annunciato dal Campidoglio probabilmente sarà pronto per la seconda metà di agosto. Si cercano 1500 dipendenti in diversi profili, da assumere entro la primavera 2021. Causa Covid, le selezioni avverranno a distanza.

Ultimi

Nuove graduatorie e concorso per la scuola

Le nuove graduatorie provinciali GPS e l'atteso concorso straordinario per i docenti...

Lago d’Aral, la rinascita di un tesoro quasi scomparso

Un tempo era uno degli specchi d’acqua tra i più grandi al mondo, oggi è considerato uno dei più gravi disastri ambientali del Pianeta. Dagli anni 90 si lavora per la rinascita del lago d'Aral.

Addio a Lea Vergine, la curatrice d’arte scompare un giorno dopo suo marito Enzo Mari

Il suo contributo nella rivalutazione dell’opera artistica femminile è stato prezioso e rivoluzionario. Lea Vergine muore a 82 anni, un giorno dopo la scomparsa del compagno di una vita, il designer Enzo Mari, per complicazione da Covid-19.

Stop a cartelle esattoriali e pignoramenti per tutto il 2020

Il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto che sospende fino al 31 dicembre 2020 la ripartenza delle riscossioni. Lo stop riguarda le nuove cartelle, i pagamenti di quelle già ricevute e i pignoramenti.

Coprifuoco in Lombardia dalle 23 alle 5. Fontana: “Evitare il collasso nei prossimi 15 giorni”

Il nuovo Dpcm emanato dal Premier Conte la scorsa domenica affidava ai...