sabato, Marzo 6, 2021

Tra storia e tradizione, 5 cose da sapere sul caffè espresso

Il caffè espresso, come lo conosciamo oggi, nasce solo 80 anni fa. Ecco 5 cose che, forse, non sapete sul caffè.

Silvia Aldi
Silvia Aldi
Classe 1990, laureata in Scienze Politiche con una specializzazione in Comunicazione pubblica Internazionale. Amante della storia sin da piccola e appassionata di grandi classici della letteratura italiana. Si auto definisce una sognatrice che tende a considerare sempre il bicchiere mezzo pieno anche nelle situazioni più critiche. Altri segni particolari? Appassionata di calcio e tifosissima!

Il caffè è un piacere, se non è buono che piacere è?” recitava Nino Manfredi in un noto spot degli anni Ottanta. Verissimo.

E in Italia il caffè ha raggiunto la sua sublimazione con il caffè espresso di cui Angelo Moriondo inventò la macchina nel 1884 a Torino. Ma sappiamo davvero tutto sul caffè? 

Ecco 5 cose da sapere sul caffè espresso che, forse, non sapete.

5 cose da sapere sul caffè, la storia dell’espresso

Cose da sapere sul caffè, moka o espresso.

Nel 1984, Angelo Moriondo inventò la macchina per il caffè espresso ma tenne relegata solo all’interno dei suoi locali.

Nel 1901, Luigi Bezzera la prevettò e nel 1902 il brevetto venne acquistato da Desiderio Pavoni, che fondò l’azienda “La Pavoni”. Iniziò così una produzione in serie.

Sempre nello stesso anno, Pier Teresio Arduino, iniziò a pensare al lato estetico delle macchine. Essendo al centro del bar, dovevano necessariamente essere belle da vedere, e, ispirandosi alla locomotiva a vapore, idea nel 1910 una macchina dall’estetica molto curata, che si potrà poi trovare nei bar di mezza Italia.

Fino a quel momento infatti le macchine per l’espresso funzionavano ancora a vapore, sistema che non esaltava il caffè al 100%.

Nel 1938, Achille Gaggia, barista milanese, introduce per la prima volta un sistema basato sui pistoni, a pressione. Il suo prodotto finale è il caffè espresso così come noi lo conosciamo.

Leggi anche: La storia di Nino, che inventò la moka rovesciata. “Così ho battuto la crisi”

5 cose da sapere sul caffè, in vetro o in tazza? 

Cose da sapere sul caffè, tazza o vetro.

La tazzina ha un ruolo fondamentale per il caffè. Rispetto al bicchierino in vetro, le tazzine di porcellana o ceramica sono più spesse e trattengono meglio il calore del caffè, consentendo di sorseggiarlo più a lungo mantenendo inalterato il piacere.

La grande differenza rispetto tra vetro e a tazzina sta nel corpo centrale, che è trasparente. Questo consente di iniziare a gustare prima il caffè a livello estetico. Attraverso la consistenza della schiuma visibili tramite il vetro, è possibile avere un’idea della qualità del caffè: la schiuma che persiste con una certa densità indica che la qualità del caffè è elevata.

Il vetro? I puristi del caffè non cederanno mai ad ordinare un espresso nel bicchierino di vetro. Il caffè si beve nella tazzina in ceramica o in porcellana.

5 cose da sapere sul caffè, la dose consigliata

Cose da sapere sul caffè, dose.

Gli esperti consigliano di assumere fra le 3 e le 5 tazzine di caffè al giorno. Una tazza di caffè americano contiene 100 milligrammi di caffeina, mentre una tazzina di caffè espresso sia in cialde che normale ne contiene circa 50.

L’indicazione è comunque di non superare la dose di 250 milligrammi, per evitare di risentire di eventuali effetti quali tachicardia, insonnia, ansia o irritabilità. Anzi, un moderato consumo di caffè si associa a una minore incidenza di aterosclerosi alle arterie coronariche.

5 cose da sapere sul caffè, stimola la dopamina

Cose da sapere sul caffè, dopamina.

La caffeina dona piacere perché rende i recettori cui si lega più sensibili alla dopamina, l’ormone legato al buon umore.

Uno studio con più di 346 mila partecipanti ha analizzato la relazione fra la caffeina e la depressione, osservando che la caffeina (e in particolare quella nel caffè) ha un effetto protettivo contro l’insorgenza della depressione.

Leggi anche: Yerba mate, il tradizionale tè sudamericano che fa dimagrire

5 cose da sapere sul caffè, come riconoscere un buon espresso al bar?

Cose da sapere sul caffè.

Il barista deve effettuare il purge (erogazione a vuoto di acqua) dopo ogni erogazione, facendo scorrere dell’acqua attraverso la macchina. La polvere di caffè va pressata con energia dall’alto verso il basso con un pressino e l’estrazione deve durare dai 25 ai 30 secondi.

Sono molto importanti la pulizia della macchina e del macina caffè. Dunque, se vedete tanto caffè già macinato nel contenitore del macinacaffè, non aspettatevi un buon espresso.

Leggi anche: I 5 caffè più belli di Milano, ecco dove prendersi una pausa dal caos meneghino

Silvia Aldi
Silvia Aldi
Classe 1990, laureata in Scienze Politiche con una specializzazione in Comunicazione pubblica Internazionale. Amante della storia sin da piccola e appassionata di grandi classici della letteratura italiana. Si auto definisce una sognatrice che tende a considerare sempre il bicchiere mezzo pieno anche nelle situazioni più critiche. Altri segni particolari? Appassionata di calcio e tifosissima!

Popolari

Ultimi