domenica, Febbraio 28, 2021

L’Irlanda celebra la Giornata per le vittime di abusi sessuali, Papa Francesco: “Chiediamo perdono”

Fortemente voluta da Papa Francesco, la Giornata di preghiera per le vittime di abusi sessuali ogni anno, dal 2017, cade nel primo venerdì di Quaresima.

Silvia Aldi
Silvia Aldi
Classe 1990, laureata in Scienze Politiche con una specializzazione in Comunicazione pubblica Internazionale. Amante della storia sin da piccola e appassionata di grandi classici della letteratura italiana. Si auto definisce una sognatrice che tende a considerare sempre il bicchiere mezzo pieno anche nelle situazioni più critiche. Altri segni particolari? Appassionata di calcio e tifosissima!

In Irlanda venerdì 19 febbraio sarà la Giornata di preghiera per i sopravvissuti e le vittime di abusi sessuali.

Durante la giornata di commemorazione, in tutta l’Irlanda, le chiese accenderanno le Candele dell’espiazione per chiedere perdono per le sofferenze causate dagli abusi sessuali.

Vittime di abusi sessuali, la preghiera per le vittime

La Giornata di preghiera per le vittime di abusi sessuali in Irlanda sarà il prossimo venerdì di Quaresima, il 19 febbraio 2021. La Giornata è stata fortemente voluta da Papa Francesco e si celebra ogni anno dal 2017.

Il ricordo delle vittime di abusi sessuali e le preghiere per i sopravvissuti si svolgeranno durante tutta la giornata. Oltre le Candele dell’espiazione si leggerà questa preghiera:

Chiediamo perdono per tutti i casi di abuso che sono stati commessi in Irlanda, abuso di potere, abuso di coscienza e abuso sessuale, da parte dei rappresentanti della Chiesa.

Chiediamo perdono per tutte quelle volte in cui, come Chiesa, non abbiamo offerto ai sopravvissuti, compassione e ricerca della giustizia e della verità mediante azioni concrete.

Chiediamo perdono per quei membri della gerarchia che non si sono assunti alcuna responsabilità per queste situazioni dolorose e sono rimasti in silenzio.

Chiediamo perdono. Cristo abbia pietà.

Leggi anche: Irlanda shock, oltre 9mila bambini morti negli istituti religiosi per ragazze madri

Vittime di abusi sessuali, il dolore di monsignor Martin

Vittime di abusi sessuali.

In una nota il monsignor Eamon Martin, arcivescovo di Armagh e presidente della Conferenza episcopale irlandese, ha spiegato l’importanza della Giornata di preghiera per le vittime di abusi sessuali e ha ricordato di aver incontrato più volte le vittime e i membri delle famiglie d’Irlanda:

Molti mi hanno parlato dell’importanza della preghiera e della necessità che la Chiesa sia aperta alla giustizia.

Mi sono sentito umile di fronte al loro coraggio e sopraffatto dalla loro generosità d’animo.

Monsignor Martin invita tutti ad andare in chiesa il 19 febbraio e ad accendere le Candele dell’espiazione sottolineando l’importanza del gesto per le vittime:

Sono convinto che la preghiera e il contatto con i sopravvissuti agli abusi sia una moderna opera di misericordia corporale e spirituale.

Vittime di abusi sessuali, l’Irlanda è uno dei paesi più colpiti

vittime di abusi sessuali Irlanda.

L’Irlanda è uno dei Paesi con il più alto numero di vittime di abusi sessuali. Nel 2009 è stato pubblicato il Rapporto Ryan sugli abusi avvenuti nel sistema scolastico, e il Rapporto Murphy sugli abusi su minori compiuti da trent’anni da membri dell’arcidiocesi di Dublino.

Così, Papa Benedetto XVI nel 2010 ha dapprima convocato i vescovi irlandesi a Roma, poi, ha disposto una visita apostolica in Irlanda da novembre 2010 a marzo 2012.

La Chiesa irlandese è stata travolta dallo scandalo, portando molti vescovi a dimettersi.

Leggi anche: Papa Francesco e il peso della storia

Silvia Aldi
Silvia Aldi
Classe 1990, laureata in Scienze Politiche con una specializzazione in Comunicazione pubblica Internazionale. Amante della storia sin da piccola e appassionata di grandi classici della letteratura italiana. Si auto definisce una sognatrice che tende a considerare sempre il bicchiere mezzo pieno anche nelle situazioni più critiche. Altri segni particolari? Appassionata di calcio e tifosissima!

Ultime notizie