giovedì, Dicembre 2, 2021

Variante Delta Plus in Italia, cos’è e cosa provoca. Brusaferro: “È in diverse Regioni”

La nuova variante "Delta Plus", nome in codice AY.4.2, ha colpito sopratutto il Regno Unito, ma adesso è arrivata anche in Italia: l'allerta è massima, ma la situazione sembra sotto controllo.

Asia Buconi
Classe 1998, romana. Studia scienze politiche e relazioni internazionali, ama l’attualità e la letteratura, ma la sua passione più grande è la sociologia, soprattutto se applicata a tematiche attuali. Nel tempo libero divora film e serie tv.

Non solo Regno Unito. La nuova variante Delta Plus, nome in codice AY.4.2, è stata rilevata in Russia, Stati Uniti, Danimarca, Germania, Israele e anche in Italia. Discendente diretta della Delta, è stata classificata come “variante di preoccupazione” dai funzionari sanitari indiani, anche se la sua contagiosità sarebbe superiore a quella della Delta di appena il 10/15%. Oggi in Gran Bretagna la Delta Plus rappresenta il 10% dei nuovi positivi.

L’Oms ha gli occhi puntati sulla nuova variante e il motivo l’ha spiegato Alessandro Carabelli, ricercatore che dirige uno dei laboratori di ricerca di Cog-Uk: “Le sue mutazioni non fanno pensare a una maggiore pericolosità, ma il balzo fino al 10% è stato relativamente rapido, per questo la teniamo d’occhio. E ha concluso: “la Delta è ancora il ceppo dominante, ci sono alcune mutazioni aggiuntive che stanno prendendo posto, ma al momento in pochi casi, sulla variante Delta”.

Variante Delta Plus, Brusaferro: “86 sequenziamenti in Italia”

Variante Delta Plus, Brusaferro: "86 sequenziamenti in Italia"

I casi di variante Delta Plus registrati in Gran Bretagna sono quasi 18mila, 242 in Danimarca, 236 in Germania e 50 in Irlanda (dati del 16 ottobre). Nel nostro Paese, la situazione sembra sotto controllo. Il presidente dell’Iss Silvio Brusaferro, durante la conferenza stampa di oggi sui dati del monitoraggio settimanale, ha detto: “Sulla nuova variante Delta Plus ci sono al momento in Italia numeri di sequenze limitati. Tutto il sistema è al momento allertato. Sono stati fatti 86 sequenziamenti al 19 ottobre e sono distribuiti un po’ in tutte le Regioni”. Poi, ha ricordato: “La variante Delta è la dominante in Italia e rappresenta oltre il 99% dei casi, un dato molto coerente col resto dell’Ue”.

Poi, Brusaferro ha ricordato che anche se in Italia c’è una circolazione del virus più limitata che in altri Paesinon bisogna dimenticare chesiamo ancora in pandemia. Perciò continua a essere necessario assumerecomportamenti di prudenza”.

Variante Delta Plus: i sintomi. Vaccini efficaci contro mutazione

La Delta Plus è quindi arrivata in Italia, ma i numeri non preoccupano e la contagiosità non allarma. L’altra buona notizia è che la nuova mutazione non sembra resistere ai vaccini, che sarebbero dunque efficaci. In merito alla sintomatologia, le informazioni disponibili al momento sono piuttosto limitate.

Una delle differenze principali tra variante Delta e Delta Plus è che la prima tenderebbe a colpire maggiormente i polmoni, mentre la seconda attaccherebbe le vie aeree superiori, dunque naso e bocca. Per il resto, i sintomi sono gli stessi che abbiamo imparato a conoscere in questi mesi.

Leggi anche: Covid Gran Bretagna: spunta una nuova variante. Picco di morti e ospedali al collasso

Asia Buconi
Classe 1998, romana. Studia scienze politiche e relazioni internazionali, ama l’attualità e la letteratura, ma la sua passione più grande è la sociologia, soprattutto se applicata a tematiche attuali. Nel tempo libero divora film e serie tv.

Ultime notizie