USA, Rolling Stones contro Trump: “Non usi più la nostra musica nei suoi comizi”

La band aveva già preso distanze dal presidente americano, ma le richieste sono state ignorate. Se sarà necessario procederanno per vie legali.

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.
spot_img

La scorsa settimana, durante un raduno per la nuova campagna elettorale di Donald Trump a Tusla, in Oklahoma, è stato usato come sfondo musicale in apertura e chiusura del comizio, la canzone You Can’t Always Get What You Want dei Rolling Stones. La band, affatto contenta, ha intimato al presidente americano di non usare più i suoi brani a fini politici. Già nel 2016, nella precedente campagna elettorale, l’entourage trumpiano aveva usato la stessa canzone. E anche allora il gruppo si era risentito e aveva twittato:

I Rolling Stones non appoggiano Donald Trump

Il rischio dell’azione legale

Il team di avvocati del gruppo britannico, in accordo con l’IMC, l’organizzazione per i diritti dello spettacolo, sta pensando di procedere contro Trump per l’uso non autorizzato della loro musica. Hanno detto gli Stones:

Il BMI ha notificato alla campagna Trump per conto degli Stones che l’uso non autorizzato delle loro canzoni costituirà una violazione dell’accordo di licenza. Se Donald Trump non terrà conto di questo aspetto, dovrà affrontare una causa legale.

La IMC fornisce licenze per la riproduzione musicale e ha un catalogo di oltre 15 milioni di brani che possono essere riprodotti in occasione di eventi politici. Ma gli artisti hanno sempre l’ultima parola e possono scegliere se autorizzare o no l’uso della loro musica durante questi eventi. Visto che “precedenti richieste e direttive” sono state ignorate, l’entourage del Presidente è stato avvisato che se si continuerà a usare la musica degli Stones ci saranno inevitabilmente conseguenze legali.

Leggi anche: Richard Gere contro Matteo Salvini: “È un Baby Trump, stessa ignoranza e cattiva politica, ma vorrei incontrarlo”

Rolling Stones e non solo

Nei giorni scorsi anche la famiglia del defunto musicista Tom Petty ha formalmente diffidato il presidente americano per aver utilizzato il brano I Won’t Back Down. Hanno detto:

Trump non è stato in alcun modo autorizzato a usare questa canzone. Sia il compianto Tom Petty che la sua famiglia sono fermamente contrari al razzismo e alla discriminazione di qualsiasi tipo. Tom Petty non vorrebbe mai che una sua canzone venisse usata in una campagna d’odio. Gli piaceva riunire le persone.

Anche il musicista Neil Young ha ammonito Trump per aver usato il suo brano Rock in the free world, nonostante i precedenti avvertimenti.

Leggi anche: Obama all’America: “Per vincere il razzismo serve la democrazia”

spot_img

Correlati

Il Volo – Tutti per uno torna stasera in TV: su che canale, a che ora e gli ospiti

Dal successo a Ti lascio una canzone nel 2009 a padroni dell'Arena di Verona....

Chi è Sarah Toscano, da Area Sanremo a vincitrice di Amici 2024

Ieri sera c’è stata l’ultima puntata dell’edizione di Amici 2024. A trionfare è stata...

Chi è Nemo, cantante della Svizzera e icona Lgbtq+ che ha vinto l’Eurovision 2024

Ieri sera si è conclusa la 68esima edizione dell’Eurovision Song Contest con 25 artisti...
Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.
spot_img