Torino, 13enne cardiopatica colpita da infarto: “Salvata da un sms al medico in vacanza”

Il dottore, ricevuto il messaggio della giovane, è subito rientrato dalle vacanze per metterle immediatamente un pacemaker, dopo un arresto cardiaco a casa sua.

Asia Buconi
Asia Buconi
Classe 1998, romana. Laureata in Scienze politiche e relazioni internazionali, ama l’attualità e la letteratura, ma la sua passione più grande è la sociologia, soprattutto se applicata a tematiche attuali. Nel tempo libero divora film e serie tv.
spot_img

Tredicenne salvata da sms di allerta al medico: le nuove frontiere della medicina continuano a salvare vite. Il dottore, ricevuto il messaggio della giovane, è subito rientrato dalle vacanze per metterle immediatamente un pacemaker, dopo un arresto cardiaco a casa sua.

Fondamentale quindi la presenza di un piccolo apparecchio, chiamato “Loop recorder”, che era stato impiantato sottocute alla 13enne all’ospedale Infantile Regina Margherita dal dottor Fulvio Gabbarini, responsabile dell’Aritmologia pediatrica.

Tredicenne salvata da sms: cos’è il Loop Recorder

Tredicenne salvata da sms: come è stato possibile? In breve, il sistema controllava in tempo reale, ovunque la giovanissima si trovasse, i suoi battiti cardiaci e li registrava, in modo da documentare se i suoi malori fossero effettivamente causati dal cuore.

Grazie alla telemedicina, quindi, la bimba era sottoposta ad un monitoraggio cardiaco continuo da remoto, senza la necessità di dover andare ogni volta in ospedale.

Così, lo scorso 15 agosto, quando la 13enne si è sentita nuovamente male, i genitori l’hanno subito portata all’ospedale Regina Margherita, ma nel frattempo il Loop Recorder aveva registrato che il suo cuore si era fermato per venti secondi prima di ripartire di nuovo.

Tredicenne salvata da sms: l’intervento immediato e il pacemaker

La tredicenne salvata da sms è quindi arrivata in ospedale quando il Loop Record aveva già trasmesso un sms di ‘alert’ sul cellulare del dottor Gabbarini, che in quel momento si trovava in vacanza fuori regione.

Una volta ricevuto l’sms, il medico è partito subito per Torino e le ha impiantato un pacemaker, onde evitare che si potessero ripetere a breve altri episodi che mettessero a rischio la sua vita. Dopo l’intervento, la bimba è stata dimessa dall’Aritmologia pediatrica ed è tornata nella sua abitazione in buona salute.

Tredicenne salvata da sms: come funziona la telemedicina

La tredicenne salvata da sms può quindi ringraziare la telemedicina per averle permesso di evitare il peggio. Ma di cosa si tratta esattamente? In breve, la telemedicina è l’insieme di tecniche mediche ed informatiche che permettono la cura di un paziente a distanza o, più in generale, di fornire servizi sanitari a distanza.

È analoga alle relazioni virtuali, ma permette di facilitare in luoghi remoti le cure e le relazioni con le dovute cautele. Insomma, la telemedicina permette alla sanità territoriale di dare risposte più immediate nel monitorare i pazienti, specie quelli affetti da malattie croniche.

Va comunque chiarito che la telemedicina non si occupa solo di malattie croniche. Oggi la pratica sta prendendo piede anche in oncologia, cardiologia, pediatria, psicologia, radiologia, pneumologia, dermatologia, neurologia, ortopedia e oculistica.

È anche molto utile nella riabilitazione dei malati, nella ricerca di medici specialisti in malattie rare e nelle situazioni di emergenza. Senza contare il contributo che ha avuto la telemedicina nel seguire a distanza i pazienti positivi al Covid-19.

Leggi anche: “È salva grazie alla telemedicina”: la bimba di 8 anni colpita da un grave malore

spot_img

Correlati

Arriva la mappa 3D che svela come funziona il cervello: “Mai visto niente del genere”

Neuroscienziati dell'Università di Harvard e ricercatori che lavorano per Google hanno analizzato l'imaging cerebrale...

L’agricoltura punta in alto: le nuove soluzioni del vertical farming

L'agricoltura verticale, o "vertical farming", sta emergendo come una delle soluzioni più innovative e...

Schiarire le nubi, la soluzione da fantascienza per abbassare le temperature

Schiarire le nubi per abbassare la temperatura terrestre: sembra un'ipotesi da romanzo di fantascienza,...
Asia Buconi
Asia Buconi
Classe 1998, romana. Laureata in Scienze politiche e relazioni internazionali, ama l’attualità e la letteratura, ma la sua passione più grande è la sociologia, soprattutto se applicata a tematiche attuali. Nel tempo libero divora film e serie tv.
spot_img