Chi è Tommaso Caligari, il 17enne che ha creato il Parkinson Detector con l’AI

Il giovanissimo Tommaso Caligari ha sviluppato un progetto per diagnosticare precocemente il Parkinson grazie all'AI: "Ho già fatto dei test, l'algoritmo funziona".

Ilaria De Santis
Ilaria De Santis
Classe 1998. Esperta in Editoria e scrittura, è molto attenta ai dettagli, scrive poesie e canzoni ed è appassionata di musica, serie TV e sceneggiatura. “In tristitia hilaris, in hilaritate tristis”.
spot_img

A soli 17 anni lo studente novarese Tommaso Caligari sarà premiato in Senato per un suo ambizioso progetto: ha creato un Parkinson Detector, ovvero un meccanismo in grado di stabilire una diagnosi precoce del morbo.

Attraverso due telecamere posta l’una davanti all’altra, il dispositivo studia la camminata dei pazienti, analizzando alcune alterazioni impercettibili all’occhio nudo, come l’angolo di oscillazione tra le spalle e il gomito. E grazie all’utilizzo dell’intelligenza artificiale, il Parkinson Detector fornisce poi tutti i dati sulla malattia.

Tommaso Caligari e il Parkinson Detector dedicato a una persona speciale

Il 17enne Tommaso Caligari ha affermato a “La Stampa” di aver lavorato al Parkinson Detector per un anno nel laboratorio creato nella mansarda e lo ha dedicato a una persona in particolare, suo nonno Sergio, che gli ha dato l’idea. Prima di mettersi all’opera, però, ha chiesto aiuto e consigli ad alcuni esperti per dare vita a un progetto all’avanguardia:

Ho parlato con molti medici e uno in particolare mi ha spiegato che ci sono degli indicatori precisi per fare la diagnosi nella fase iniziale, quando ancora il morbo di Parkinson è curabile.

E mi ha mostrato come si possa diagnosticare la malattia, osservando nel dettaglio la riduzione di oscillazione degli arti superiori e anche un’asimmetria che non è visibile all’occhio umano.

Il mio progetto di basa proprio su questo.

Non solo teoria, Tommaso Caligari, coadiuvato da suo padre, ha potuto verificare il funzionamento dell’algoritmo su alcuni pazienti:

L’aiuto di mio padre è stato fondamentale.

Siamo andati insieme all’Associazione Parkinson di Arona e abbiamo chiesto di poter fare il test su undici pazienti.

Dopo questa prova, l’ho replicato su persone non malate e l’algoritmo funziona anche su di loro.

Ma come funzione l’elaborazione dei dati? Tommaso Caligari ha spiegato come funziona il Parkinson Detector da lui inventato: L’intelligenza artificiale riesce a leggere i movimenti di una persona e mi aiuta a confrontare i casi di persone malate e con quelli di persone sane. Bastano pochi minuti e questo dispositivo costa anche poco. Può aiutare i medici nelle diagnosi precoci prima che la malattia faccia il suo corso”.

Quali sono i progetti futuri dello studente novarese Tommaso Caligari?

Per Tommaso Caligari il Parkinson Detector, che ha presentato all’EUCYS di Bruxelles, non è stata l’unica invenzione. Infatti, nel suo laboratorio ha già costruito “un mini go kart ricavato da un passeggino, delle torce a partire dai tappi della Coca Cola e alle elementari ho ricreato un mio sistema solare con una lampadina a led”.

Durante i primi anni dell’istituto tecnico di Novara ha poi inventato anche una foglia artificiale che converte l’anidride carbonica in metano e ha implementato un progetto che è in grado di comprendere quali sono i veicoli contromano in autostrada, per evitare incidenti. Qual è il suo sogno? Il diciassettenne novarese ha le idee chiare per il suo futuro, rivelando: Una volta finito il liceo mi iscriverò alla facoltà di Ingegneria Elettronica”.

Leggi anche: Giorgia Meloni incontra Bill Gates a Palazzo Chigi: cosa si sono detti sull’intelligenza artificiale?

spot_img

Correlati

Chi è Edoardo Di Pietro, il primo a laurearsi nel metaverso con avatar e di cosa si occupa

Edoardo Di Pietro, 27enne di Colle Val D'Elsa, è stato il primo italiano ad...

Chi è l’innocente Beniamino Zuncheddu, scarcerato dopo 33 anni: “Chi mi restituisce la vita?”

Beniamino Zuncheddu è finalmente tornato a casa. Accusato ingiustamente di triplice omicidio per la...

Paolo Laforet, è lui l’uomo che ha trovato il neonato vicino a un cassonetto: potrà ora adottarlo?

Nella giornata di ieri a Villanova Canavese il 49enne Paolo Laforet, con l'aiuto di...
Ilaria De Santis
Ilaria De Santis
Classe 1998. Esperta in Editoria e scrittura, è molto attenta ai dettagli, scrive poesie e canzoni ed è appassionata di musica, serie TV e sceneggiatura. “In tristitia hilaris, in hilaritate tristis”.
spot_img