giovedì, Dicembre 2, 2021

Super Green Pass da dicembre: restrizioni per i non vaccinati e al vaglio ipotesi sui trasporti

Il Super Green Pass è un'opzione che il Governo sta prendendo in considerazione per limitare i contagi e prevede ulteriori limitazioni e restrizioni per i soggetti che non si sono vaccinati.

Michela Sacchetti
Aspirante giornalista. Ama la letteratura, il cinema e il teatro. Dopo il diploma in ragioneria cambia itinerario iscrivendosi alla facoltà di Lettere. Laureata in Scienze del Testo, crede che nella vita si può e si deve continuare sempre ad imparare.

Il decreto per il Super Green Pass arriverà questa settimana, probabilmente già mercoledì sera, in seguito ad una riunione della cabina di Regia e del Consiglio dei ministri e ad un precedente incontro con le Regioni. Sarà rivolto ai No vax, per i quali sono previste ulteriori limitazioni.

Il tampone pare che sarà valido solo per andare a lavoro mentre ci saranno restrizioni per tutte le altre attività sociali, ricreative e sportive, come bar, palestra, cinema, ristoranti, cinema e musei. Inoltre si sta valutando la possibilità di estendere il certificato verde anche per accedere ai servizi di trasporto pubblico, oltre che a banche e uffici postali.

Il Super Green Pass è inteso per i vaccinati i quali rispetto a chi non lo è, avranno maggiori possibilità di accesso ai vari servizi pubblici, anche rispetto ai soggetti che hanno effettuato il tampone.

Super Green Pass: sarà necessario anche per il trasporto pubblico

super green pass_

Presto sarà attivo in Italia il Super Green Pass. Pur essendoci meno contagiati rispetto alla Francia e alla Germania, il nostro Paese sta comunque assistendo da circa sei settimane ad un picco di contagi. L’intenzione è di limitare questa ascesa tramite i vaccini, per gli italiani che non lo hanno ancora fatto, o spingere per la terza dose.

Per i non vaccinati sono previste sempre più limitazioni. Per quanto riguarda il trasporto pubblico però non si è giunti ancora ad una proposta concreta. I sindacati si sono detti scettici al riguardo. Eugenio Stanziale, segretario Filt Cgil Roma e Lazio, ha così commentato questa possibilità, come riportato da Open:

Pur considerando il pass sanitario uno strumento utile a tutti i cittadini, ad oggi non ci sono le condizioni né tecniche né organizzative per monitorare i mezzi pubblici.

I tempi del servizio pubblico verrebbero ampliati in modo enorme, senza contare la totale assenza di strumenti e dispositivi adatti.

All’inizio del lockdown avevamo proposto di introdurre dei facilitatori sui mezzi pubblici, personale ad hoc per controllare distanziamento e mascherine, ma la nostra idea è caduta nel vuoto.

Se si pensa di incaricare gli autisti di controllare i Green pass si è completamente fuori strada. Servirebbe assumere personale addetto.

Super Green Pass: cosa si potrà fare con il solo tampone

Il Super Green Pass verrà rilasciato dunque solo a chi è vaccinato e durerà nove mesi. Chi non si sottoporrà alla terza dose perderà la certificazione verde al sopraggiungere del nono mese.

Per lavorare andrà ancora bene il tampone, ma sarà probabilmente ridotta la durata: quello antigenico durerà 24 ore, anziché 28, mentre il molecolare 48, invece di 72. Per le attività sportive e ludiche, come per l’accesso a bar e ristoranti, sarà necessario avere il Super Green Pass.

Per gli spostamenti a lunga percorrenza, e per gli aerei, dovrebbe valere il tampone mentre si sta valutando se inserire l’obbligo del Green Pass per il trasporto locale, come per autobus e metropolitane.

L’obbligo della terza dose di vaccino sarà confermato per il personale sanitario e per i lavoratori delle Rsa. Estendere l’obbligatorietà del vaccino a tutta la popolazione è un’ipotesi che si sta valutando e che potrebbe essere presa in considerazione qualora ci fosse un peggioramento dei dati.

Leggi anche: Senatrice No Green Pass Granato sospesa 10 giorni: nessuno potrà più entrare in aula senza

Michela Sacchetti
Aspirante giornalista. Ama la letteratura, il cinema e il teatro. Dopo il diploma in ragioneria cambia itinerario iscrivendosi alla facoltà di Lettere. Laureata in Scienze del Testo, crede che nella vita si può e si deve continuare sempre ad imparare.

Ultime notizie