domenica, Gennaio 16, 2022

Brandeburgo, stermina la famiglia poi si suicida: aveva falsificato il Green Pass e temeva di perdere i figli

Un padre di famiglia, ha ucciso la moglie e le sue tre figlie, per poi togliersi la vita. L'uomo aveva timore di finire in carcere per aver falsificato il Green Pass e di perdere le figlie.

Michela Sacchetti
Aspirante giornalista. Ama la letteratura, il cinema e il teatro. Dopo il diploma in ragioneria cambia itinerario iscrivendosi alla facoltà di Lettere. Laureata in Scienze del Testo, crede che nella vita si può e si deve continuare sempre ad imparare.

Il padre stermina la famiglia e poi si suicida. Quella che si è consumata in un sobborgo di Senzig, frazione della cittadina di Koenigs Wusterhaus a sud di Berlino, è una storia di una strage familiare. A spingere l’uomo ad uccidere la moglie e le tre figlie e poi a togliersi la vita è stata la paura delle ripercussioni che poteva avere per aver falsificato il Green Pass.

I cinque corpi sono stati ritrovati sabato ma solo dopo il ritrovamento della lettera d’addio si è scoperto il movente dell’uomo: per timore di essere arrestato lui e la moglie e che gli venissero tolte le figlie.

Un vicino di casa avrebbe ritrovato i corpi e avvertito la polizia. Nell’appartamento è stata anche ritrovata una pistola ma non si conosce ancora se si tratti dell’arma del delitto.

Stermina la famiglia: la paura e la fragilità dietro il tragico gesto

stermina la famiglia_

Un uomo, insegnante 40enne in un istituto professionale a Wildau, stermina la famiglia. Ha ucciso la moglie Linda, anche lei 40enne, e le tre figlie, Rubi di quattro, Janni di otto e Leni di dieci anni, per poi suicidarsi.

Il motivo che avrebbe spinto il padre a sterminare la famiglia è da ricollegare alla falsificazione del Green Pass. Il Germania si tratta di un’operazione abbastanza facile e il prezzo va dai 150 ai 300 euro. In seguito all’accrescersi del mercato nero c’è stato un’inasprimento delle leggi al riguardo, con multe più salate e fino a un anno di reclusione.

Non si conosce cosa scatta nella mente di una persona che stermina la famiglia. Sicuramente la pandemia può essere un’aggravante ad una condizione psichica già esistente. Isabella Heuser, direttrice della clinica di psichiatria e psicoterapia della Charitè di Berlino, come riportato da Il Messaggero, ha espresso il suo parere al riguardo: solitamente l’autore di eventi simili soffre di gravi disturbi mentali come quello narcisistico-paranoico della personalità.

Leggi anche: Milano, 82enne ucciso in casa con motosega: fermato il presunto omicida, già denunciato per stalking

Non perderti nemmeno un'articolo Seguici su Google News
Michela Sacchetti
Aspirante giornalista. Ama la letteratura, il cinema e il teatro. Dopo il diploma in ragioneria cambia itinerario iscrivendosi alla facoltà di Lettere. Laureata in Scienze del Testo, crede che nella vita si può e si deve continuare sempre ad imparare.

Ultime notizie